Tavaroli: spiammo Moggi per verificare informazioni giunte a Moratti | JMania

Tavaroli: spiammo Moggi per verificare informazioni giunte a Moratti

Tavaroli: spiammo Moggi per verificare informazioni giunte a Moratti

Nel corso della trasmissione ‘La Zanzara’, condotta da Giuseppe Cruciani, ieri sera è intervenuto a ‘Radio 24’ Giuliano Tavaroli, ex responsabile della sicurezza di Telecom: l’ex dirigente ha parlato tra le altre cose della vicenda riguardante lo spionaggio di Christian Vieri, commissionato secondo il tribunale di Milan dall’Inter, che ora assieme a Telecom dovrà risarcire …

Nel corso della trasmissione ‘La Zanzara’, condotta da Giuseppe Cruciani, ieri sera è intervenuto a ‘Radio 24’ Giuliano Tavaroli, ex responsabile della sicurezza di Telecom: l’ex dirigente ha parlato tra le altre cose della vicenda riguardante lo spionaggio di Christian Vieri, commissionato secondo il tribunale di Milan dall’Inter, che ora assieme a Telecom dovrà risarcire l’ex bomber di un milione di euro. “L’attività di controllo sulla vita degli atleti era parecchio diffusa all’epoca – ha dichiarato Tavaroli – diversi giocatori nerazzurri furono seguiti in quel periodo, sinceramente non so perché non abbiano intentato anche loro una causa nei confronti della società. I nomi? Non me li ricordo, sono passati troppi anni“.\r\n\r\nSembra quasi che spiare illegalmente, senza autorizzazione da alcun tribunale, fosse una prassi normalissima:“Essendo il calcio un’attività importante con risvolti economici di rilievo è giusto che le squadre sappiano cosa fanno i loro tesserati, ovviamente restando nell’ambito della legalità“, ha aggiunto Tavaroli, che infine rivela dettagli sullo spionaggio ai danni di Luciano Moggi, proprio mentre l’ex dirigente della Juve era corteggiato dalla società di Milano. “Ci fu una richiesta da parte dell’Inter di verificare alcune informazioni che erano giunte al presidente Moratti. Moggi fu intercettato? Sì, sì, chiaro”.\r\n\r\nDa qui potete riascoltare la puntata del La Zanzara con Tavaroli ospite

LEGGI ANCHE  Inchiesta Fuorigioco: Juventus deferita con Blanc e Secco

10 commenti

  1. infatti @tundra se vai a leggere le dichiarazioni in un’intervista del dott.CORRADO DE BIASE,procuratore federale all’epoca del calcio-scommesse del 1980 dice: Qualora le indagini provassero le responsabilita’dell’INTER quale mandante delle intercettazioni illecite, la stessa dovrebbe essere RADIATA in quanto sarebbe l’unica societa’ a trarre benefici evidenti da tale azione illecita.Invece sono PRESCRITTI E CONTENTI.

  2. Prescritti vergogna sportiva mondiale! Radiateli

  3. E’ stata farsopoli 2006, la presa in giro degli Italiani…,”piaccia o non piaccia”…vero Federazione Incompetenti Gioco Calcio………..vergogna

  4. Di questa cosa, che telecom spiava il mondo del calcio per conto terzi, ne ho sentito parlare in Inghilterra ai tempi delle prime anticipazioni su cakciopoli. La mia domanda è ¨possibile che in federazione non se ne sapesse nulla?¨ E certi personaggi che hanno giudicato su dati parziali la juve ed altre societa’ sapendo sono anche loro prescritti?

  5. ma quello che più fa infuriare è che nessuno batte ciglio. PERCHE’

  6. E’ facile capire perchè gli altri giocatori non hanno fatto come bobo, perchè hanno il terrore di quella faccia di me..a del moRatto & c. e comunque gli avrà sganciato più di un milione molto prima.

  7. Tavaroli: ” …….. è giusto che le squadre sappiano cosa fanno i loro tesserati”. Potrebbe essere un fatto normale, se non fosse per il modo, illegale, messo in atto dall’inter.\r\nLo spionaggio non autorizzato, diventa REATO anche se gli intercettati sono tesserati di quella società, come Vieri ed altri.\r\nDiventa DOPPIO REATO (penale e sportivo) se gli spiati, non sono tesserati con quella società ma con altre (Figc) o con associazioni sportive (Aia).\r\nMoggi, Bergamo, De Santis (e famiglia) e chissà quanti altri, hanno subìto l’intromissione nella loro vita privata, di gente che, fino ieri, si spacciava per “onesta”. E oggi?\r\nCosa vengono a raccontarci adesso??? Vedremo!

  8. che novita..tramite Telecom Tronchetti fece spiare anche parenti…….chissa nel mondo del calcio quante persone avranno intercettato…..procuratori,calciatori ecc ecc……le telefonate di Facchetti è la telefonata di uno che non era un cagnaccio come Moggi , ma sempre era un tentativo di ingraziarsi gli arbitri…il buon Moratti mandava avanti il timido Facchetti mentre con Tronchetti si faceva il lavoro sporco…..poi alla Telecom vennero raggiunti dal compagnone Rossi …e la compagnia degli amici di merende fu completa……Vieri: la condanna per il pedinamento e le intrusioni telefoniche hanno SVERGOGNATO QUESTA INTER DEGLI ONESTI ..E peggiore il danno che ne derivera da queste azioni..che qualsiasi altra condanna…si tengano pure lo scudetto di cartone ..per noi parla il campo dove le squadre di Moggi lasciavano l Inter a distanze siderali……ladri di polli, amiconi di Nucini, in compagnia di Rossi e Furini quelli di Telelombardia…….SHAME FOR EVER

  9. “Essendo il calcio un’attività importante con risvolti economici di rilievo è giusto che le squadre sappiano cosa fanno i loro tesserati, ovviamente restando nell’ambito della legalità”. Su questo punto, in principio, sono d’accordo.\r\nIl problema numero uno è però che qui sono state intraprese iniziative illegali; in soldoni: puoi pedinare uno in discoteca, ma non puoi tracciargli i telefoni, specialmente se i tuoi rapporti con telecom sono particolarmente “vischiosi”. Se lo fai, è un reato penale. \r\nIl problema numero due è ancora più grave: non puoi per nessun motivo spiare un arbitro od un dirigente di un’altra squadra. Se lo fai il reato è sia penale, sia sportivo.

  10. Fanno sorridere le dichiarazioni dello spione Tronchetti quando afferma che Conte implicato nel calcioscommesse fa tristezza, che il calcioscommesse ha chiuso definitivamente calciopoli. \r\nNO !!!!!!!!!!!!!!!!!! signor spione e prescritto, non è chiuso niente, si va fino in fondo. Sia Moggi a Napoli, che Conte al TNAS verranno riabilitati, e il TAR dovrà riconoscere alla Juve il risarcimento dei danni subiti.

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi