Svolta Calciopoli: consegnate alla FIGC tutte le telefonate! | JMania

Svolta Calciopoli: consegnate alla FIGC tutte le telefonate!

Svolta nella vicenda ormai nota come Calciopoli 2. La Figc ha finalmente ottenuto dalla Procura di Napoli il corpus completo delle oltre 170mila chiamate registrate tra il 2004 e il 2005 che mai erano state ascoltate nella loro interezza. Nel 2006 il veloce processo sportivo ne prese in considerazione solo una piccolissima parte, di fatto …

Svolta nella vicenda ormai nota come Calciopoli 2. La Figc ha finalmente ottenuto dalla Procura di Napoli il corpus completo delle oltre 170mila chiamate registrate tra il 2004 e il 2005 che mai erano state ascoltate nella loro interezza. Nel 2006 il veloce processo sportivo ne prese in considerazione solo una piccolissima parte, di fatto solo quelle che riguardavano i dirigenti della Juventus e in particolare Luciano Moggi. Il paziente lavoro dei legali dell’ex DG ha fatto emergere, nella scorsa primavera, l’esistenza di una serie di telefonate “inedite” nelle quali anche altri dirigenti (dell’Inter, del Milan, del Cagliari, del Brescia…) parlavano di designazioni arbitrali con Bergamo e Pairetto, se non direttamente con gli arbitri. Telefonate che, pubblicate dai giornali e acquisite come prova dal Tribunale di Napoli dove si sta svolgendo il processo penale, hanno posto sotto un’altra luce tutta la vicenda.
Il procuratore Stefano Palazzi aveva già un fascicolo sull’argomento, aperto quando le indiscrezioni giornalistiche avevano reso pubbliche le telefonate nascoste nella prima indagine e nel quale dovrebbero finire una selezione di sbobinature preparate a mo’ di dossier dalla Juventus. Si tratta di una selezione di trenta intercettazioni che i legali bianconeri considerano fondamentali per rileggere Calciopoli.
La Juventus ormai è uscita allo scoperto e il presidente Andrea Agnelli ha lanciato nei giorni scorsi un messaggio chiaro e limpido: la Juventus chiede la revoca dello scudetto assegnato a tavolino all’Inter nel 2006 e, se ci saranno le condizioni, anche la restituzione dei tricolori sottratti alla Vecchia Signora.
Intanto a Napoli l’appuntamento è fissato per il primo ottobre quando ci sarà l’interessante sfilata dei testimoni della difesa, fra i quali ci sarà anche Massimo Moratti. Ma determinante per lo svolgimento del processo sarà la definitiva acquisizione delle telefonate, quelle che i legali di Moggi (Maurilio Prioreschi e Paolo Trofino) avevano ottenuto in primavera e che il perito del tribunale (Roberto Porto) ha terminato di trascrivere. Ora le telefonate di Giacinto Facchetti a Bergamo, così come quelle degli altri dirigenti sono ufficialmente delle prove e quindi possono essere utilizzate durante il dibattimento. L’obiettivo della Corte è arrivare alla sentenza a cavallo della fine dell’anno.

(Credits: Tuttosport)

13 commenti

  1. è vero, ne parlerà solo tuttosport. ma immagino che intitolerà il pezzo il maniera talmente ridicola che verrà ignorato dall’altra stampa. vogliamo fare qualcosa?
    boicottiamo quel sito finché non la piantano con quelle cose imbarazzanti?

  2. furbo mamumau se ne scappato ha già capito tutto come va a finire

  3. spero la paghino cara sti Interisti !!!!ma tanto con i soldi la fanno sempre franca!Forza JUVE!!!!!!!!!!!!!!

  4. ma sky ne a parlato? i tg ne anno parlato? i giornali sportivi?

    domani solo tuttosport ne parlera e per il resto silenzio.

    Passerà tutto in cavalleria perche se non ne parli la gente non lo saprà mai e la Cazzetta dello sport si guarderà bene di dirlo

  5. credo che alla maggior parte del popolo bianconero non importi tanto la restituzione degli scudetti quanto vedere quelle checche interiste andare in serie B e metterci anni per risalire…

  6. Le M…. devono andare in BBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB!!!

  7. No io voglio solo i skudetti vinti sul kampo il resto e noia

  8. Juventinonelsangue

    Pensate davvero che l’inter pagherà davanti alla giustizia,non solo ora,ma vita natural durante?io quello scudetto non lo rivoglio:è il simbolo dell'”onestà” interista,devono sapere tutti chi erano,chi sono e chi saranno sempre,e come si fa per vincere dopo anni e anni di fallimenti.JUVE ORA E SEMPRE

  9. quando la juve venne mandata in B arrivò prima in campionato nonostante i 9 punti di penalizzazione, e tornò subito in serie A, soprattutto grazie a Buffon, Del Piero, Camoranesi, Nedved, Trezeguet ecc. che rimasero in bianconero nonostante la retrocessione, a differenza di altri mercenari.
    quello che mi piacerebbe più della restituzione degli scudetti, sarebbe vedere retrocedere l’inter in serie B, semplicemente perchè con tutti quei giocatori “attaccati alla maglia” partirebbe un fuggi fuggi generale, Moratti ti sei comprato tutti i mercenari del mondo, vorrei vedere quanti te ne rimangono se retrocedi, e senza i tuoi pupilli quanti anni ci metti a tornare in A
    JUVE SEMPRE NEL CUORE

  10. Non importa sbobbinare tutte le telefonate per mandare l’INTER all’inferno della B ne bastano 2 o 3 ,in piu’ serve il coraggio di Palazzi, e dire:”SI HO SBAGLIATO TUTTO” e siccome la JUVENTUS ha gia’ pagato, ADESSO SOTTO A CHI TOCCA!!!!!!!

  11. Invece di uno diventeranno 5 gli scudetti di cartone…
    Che ridere sarebbe vedere il MORATTINO chiedere scusa ai tifosi tutti..
    Ahahah ma non mi illudo.
    CHE GIUSTIZIA SIA FATTA!!!
    E dovremo ringraziare ancora MOGGI!!!

  12. è solo aria fritta.Siamo morti e sepolti da 4 anni

  13. Son curioso di sentire le cazzate che sparerà il cammello onesto in tribunale.
    E altrettanto curioso di vedere che scusa troverà Palazzi ora per poter rimandare (insabbiare?) l’approfondimento della vicenda.

    Non illudiamoci, gente, non illudiamoci…

    SEMPRE FORZA JUVE A TESTA ALTA ORA PIU’ CHE MAI!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi