Supercoppa Italiana, ricorso Juventus respinto | Il dispositivo

Supercoppa Italiana, ricorso Juventus respinto: Corte Federale non competente

Supercoppa Italiana, ricorso Juventus respinto: Corte Federale non competente

La Corte di Giustizia Federale respinge il ricorso presentato dalla Juventus contro il Consiglio di Lega: “non competenza” la motivazione

SS Lazio v FC Juventus - TIM Supercup19.00 Ancora una volta la giustizia sportiva si dice “non competente” a decidere sun un ricorso presentato, guarda caso, dalla Juventus. La Corte di Giustizia Federale ha infatti respinto il ricorso della Juventus contro la decisione del Consiglio di Lega di assegnare 1,8 milioni di euro dell’incasso della Supercoppa alla Lazio. Dopo l’udienza di oggi, il dispositivo della Corte è il seguente:

“La Cgf viste le norme dello Statuto Federale nonché le norme dello Statuto-Regolamento della Lega Serie A e le altre norme federali applicabili, dichiara inammissibile per difetto della competenza a conoscere della vertenza in capo alla presente Corte“.

La Corte di Giustizia Federale, a sezioni unite, si ritrova oggi per prendere in esame il ricorso presentato dalla Juventus contro la decisione del Consiglio della Lega di Serie A “di risarcire” la Lazio per i mancati introiti dello svolgimento della Supercoppa italiana 2013 a Pechino assicurandole “almeno 1,8 milioni di euro” provenienti dall’incasso della partita. A conti fatti, alla Juventus questa decisione è costata circa 500-600 mila euro. Il ricorso da parte della Vecchia Signora si basa sul fatto che la decisione presa in Consiglio di Lega “non sarebbe legittima” e che la decisione di giocare la Supercoppa in Cina non era stata già presa dall’Assemblea (la restante finale cinese potrebbe da contratto disputarsi anche l’anno prossimo) e per questo motivo il “risarcimento” non troverebbe alcun fondamento.

La Juventus aveva presentato ricorso a luglio alla Prima sezione della Corte di giustizia federale, ma il Collegio aveva ritenuto che toccasse alle “sezioni unite” prendere una decisione. La Lega di A, in ogni caso, non liquida le spettanze nell’immediato post-partita, quindi si è preso tempo. Oggi, comunque ci sarà la prima sentenza che potrà essere  appellata all’Alta corte di giustizia presso il Coni.

Foto Getty Images – Tutti i diritti riservati

6 commenti

  1. Capitan Sparrow

    Ciao Giudo
    Era solo un po’ di ironia. Nessun tifoso juventino dimentica il 2006. Personalmente sono convinto che la società non mosse un dito per difendere la sua dirigenza, la sua onorabilità e la sua storia (e, aggiungo, i suoi tifosi); se oggi sappiamo molte cose, lo dobbiamo al lavoro di Luciano Moggi e dei suoi collaboratori che forse sono gli unici a difendere veramente la Juventus, o meglio la sua storia, le sue vittorie, la passione che quei colori sono capaci di generare. La società difende (giustamente) i suoi interessi economici e si trova a sbattere ogni volta contro un muro di gomma. Ho già detto più volte come la penso: andiamocene dall’Italia, da una federazione che con noi è sempre “non competente”, da tifoserie che continuano a sputare sopra i nostri morti, dagli sputi e dagli escrementi tirati contro i nostri giocatori e contro i nostri tifosi senza che la federazione faccia nulla per impedirlo né per punirlo. Andiamocene, e portiamoci dietro tutto quello che ci compete: ricordo che nel 2006-2007 la serie B ottenne più diritti televisivi della serie A. Lasciamoli a godersi il loro bel campionato e andiamo dove sia possibile sviluppare la nostra potenzialità. Andiamocene, ma continuiamo a sostenere la società nello sforzo che sta facendo per rivalutare la zona dello stadio al di là dell’impianto sportivo e dell’evento calcistico: si genera ricchezza, qualità di vita, posti di lavoro. Lasciamoli a godersi i loro stadi fatiscenti e pericolosi, ma sosteniamo gli sforzi di chi cerca di migliorare (e ha già migliorato di molto) la qualità dello spettacolo e del confort offerto ai tifosi. Sempre forza Juve. Ciao

  2. ci risiamo ragazzi, ma come fate a dire “vabbè tanto gli abbiamo dato 4 pere”??! lo stesso sbaglio che tanti juventini stanno facendo con lo scandalo di farsopoli, cioè dimenticare quello che ci è stato fatto solo perché abbiamo ricominciato a vincere! Il campo è una cosa, e li conta solo la forza, e nessuno è forte come noi, l’extra campo è un’altra cosa, ma altrettanto importante,e li combattiamo coi mulini a vento; ma non possiamo continuare a permettere che ci calpestino continuamente a suon di ingiustizie clamorose come farsopoli, scommessopoli e incasso supercoppa!!! Bastaa!!!!! Presidente xkè continui a tacere e a farci prendere per il culo da gente che non meriterebbe nemmeno di pronunciare il nostro nome??? Speriamo che qualcuno svegli i nostri dirigenti dal sonno in cui sembrano precipitati ormai da tempo, prima che il velo del tempo copra definitivamente tutte le vergogne che devono essere svelate! Forza Juve!!

  3. Su una cosa sono spesso daccordo con gli organismi federali…sono assolutamente degli incompetenti.Comunque Lotito rimane un ladro, si può girare e rigirare ma lui e 3-4 amichetti hanno rubato vantandosene pure come al solito in questo paese di dementi sempre ANTI-qualcosa, sopratutto se il modello è vincente e non basato su una cricchetta di furbetti che vincono solo con aiutini.

  4. Ok, la Juve ha perso 1,8 milioni, certo una bella cifra,ma rifilare 4 belle pappine sui denti a Lotirchio e per di più all’Olimpico è stata una soddisfazione impagabile, replicate poi allo Juve Stadium, Spenderà parte di quei soldi per rifarsi la dentiera! BUFFONE DA STRAPAZZO!!!!!!!

  5. Capitan Sparrow

    E va bè, Lotito ha guadagnato 450.000 Euro ogni gol preso. Però sabato i 4 gnocchi erano gratis!!!!

  6. sono sempre conto la mia juve xke e la squadra piu forte del mondo

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi