Summit notturno Allegri - Marotta: cosa succede? | JMania

Summit notturno Allegri – Marotta: cosa succede?

Summit notturno Allegri – Marotta: cosa succede?

Vertice notturno tra Allegri e la dirigenza, cosa sta succedendo alla Juventus? Alla vigilia di Manchester City-Juventus sale la tensione in casa bianconera e non solo per la partita di Champions League. Con un solo punto in tre partite e Marchisio vicinissimo ad un nuovo stop muscolare dopo essere appena rientrato, per Massimiliano Allegri la …

Vertice notturno tra Allegri e la dirigenza, cosa sta succedendo alla Juventus? Alla vigilia di Manchester City-Juventus sale la tensione in casa bianconera e non solo per la partita di Champions League. Con un solo punto in tre partite e Marchisio vicinissimo ad un nuovo stop muscolare dopo essere appena rientrato, per Massimiliano Allegri la strada si fa in salita. Ieri il dg Beppe Marotta ha parlato a ‘Rai Sport’ lanciando un segnale chiaro anche all’allenatore: “Bisogna avere pazienza, è vero, ma non deve diventare un alibi”. Tradotto: va bene che si è cambiato tanto, ma siamo la Juve e un punto in tre partite non si era mai visto (o quasi) ad inizio stagione.

Secondo quanto riferisce il quotidiano ‘La Stampa’, ci sarebbe stato un summit notturno tra il tecnico Massimiliano Allegri e la dirigenza, prima di una vera e propria strigliata alla squadra. Quel che è certo, comunque, è che la società non ritiene esente da colpe l’allenatore, cui spetta il compito di allontanare la confusione che regna attualmente in diversi frangenti delle partite. Bisogna scegliere un modulo in via definitiva e dare certezze, anche se con il Manchester City pare si torni già al 3-5-2.

Secondo la ‘Gazzetta dello Sport’, a gennaio la Juventus tornerà sul mercato puntando su un centrocampista di qualità. L’ideale sarebbe Ilkay Gundogan del Borussia Dortmund, ma i problemi della Vecchia Signora sono qui e adesso: bisogna tornare a vincere al più presto, in campionato e in Europa, perché fa tanto morale e dà certezze. Altrimenti per Allegri potrebbe mettersi davvero male, anche perché sembra che le scorie del mercato – incomprensioni con Marotta per il mancato arrivo di un regista top – sembrano farsi sentire più del dovuto.

8 commenti

  1. Spero sia “solo” un problema di preparazione atletica in ritardo: Cuadrado e Alex Sandro sembrano i piu’ reattivi in campo,magari lo e’ anche Lemina. Ma allora perche ‘ li tiene in panca? Per non far sfigurare gli altri? Pirlo e Vidal hanno dato poco lo scorso anno, la mancanza di Tevez e’ la piu’ pesante, pero’ neanche Udinese e Chievo hanno fuoriclasse, forse neanche la Roma. Non abbiamo il fuoriclasse che risolve la partita? Serve gioco, pressing, velocita’, schemi e intensita’. Il lento possesso palla tanto caro ad Allegri serve magari per gestire quando sei in vantaggio, per il resto e’ manna per gli avversari che si chiudono in difesa.

  2. Per fortuna Ancelotti è libero da impegni. .

  3. albertosanguebianconero

    MA COSA E TUTTO QUESTO CATASTROFISMO?CAPISCO DISQUISIZIONI TECNICHE DA PARTE DI QUALCHE GIORNALISTA CAPACE DI FARNE(NON NE CONOSCO TANTI)MA TUTTI DOVREBBERO CAPIRE CHE ALLEGRI SI E TROVATO A GIOCARE SENZA PIRLO,VIDAL,E MARCHISIO,DOVENDO INVENTARE UN CENTROCAMPO INEDITO ,E SAPPIAMO BENISSIMO CHE IL GIOCO SIA DIFENSIVO CHE DI ATTACCO DIPENDE TUTTODAL CENTROCAMPO.
    E DIAMO TEMPO AL TEMPO.

  4. Abbiamo una rosa efficiente da strapazzare il Chievo, l’Udinese e forse anche la Roma per come si è visto negli ultimi 15 minuti.
    Invece si nota una squadra stanca priva di energia e molto confusionaria, non appoggia il giuoco sulle fasce, non capisco come Allegri non riesce a vedere dalla panchina queste cose.
    – Abbiamo gente veloce come Cuadrado, che sulle fasce e devastante e lo teniamo in panchina !
    – Abbiamo Lemina che è una forza della natura, bravo in interdizione e lo teniamo in panchina!
    – Pogba è fuori ruolo e non più incisivo !
    – Troppi infortuni…. creati forse da una preparazione sbagliata?
    – La squadra non regge il giuoco veloce delle altre squadre.
    – Grazie ad Hernanes e poi Cuadrado hanno messo un po’ di difficoltà il Chievo
    Sicuramente Allegri deve rimediare al più presto una situazione non sostenibile, altrimenti vedo già un sostituto dopo Genova.
    Spero che domani col Manchester City abbiano una prova d’orgoglio altrimenti saranno guai.
    Però è anche vero che bisogna stare anche vicino alla squadra… Forza Juve, ora e Sempre!

  5. Mister Allegri non si tocca ……Se la Società smantella il centrocampo e non gli dà ricambi all altezza lui che colpe ha???

    • Egregio Dott Gio’,
      se lei ha letto i miei commenti di un anno fa, quando venne assunto Allegri, capirà che non ho mai parteggiato per tale allenatore.
      Nella sua carriera non è mai stato in grado di insegnare “calcio” e questo lo si è potuto constare già dai tempi in cui allenava il Cagliari.
      Colui che confuta questo non è obiettivo.
      Purtroppo, con i molti giocatori cambiati, nella Juve attuale ci vuole un allenatore di calcio vero: ciò che non è Allegri. Purtroppo!
      Coloro che non comprendono questo( in modo particolare la dirigenza societaria) fanno un enorme danno alla squadra, perché fra un po’ i molti giovani giocatori, appena acquisiti, perderanno di valore, si sentiranno smarriti e, poi, sarà difficile recuperarli.
      L’anno scorso la squadra era ben definita sia negli uomini che nel gioco: il merito di Allegri e’ stato quello di non aver fatto troppi danni.
      Se non vi saranno cambiamenti vedo un proseguio molto difficile.

  6. a me non preoccupa molto l’andamento dei punti, perchè ci può stare ad essere generosi…quello che mi preoccupa è che c’è confusione in campo…quando alla prima o seconda partita i giocatori sono andati da allegri a chiedere cosa fare in campo, è stato un pessimo segnale…sono smarriti e se non stiamo attenti cappottiamo davvero…

    abbiamo un organico potenzialmente devastante con la possibilità di giocare con 3-4 moduli, ma mi pare che allegri si confonde parecchio…

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi