Sul filo dei ricordi | JMania

Sul filo dei ricordi

Sul filo dei ricordi

C’era una caratteristica della prima Juve di Lippi che mi esaltava oltre ogni\r\nmisura: ogni minuto era buono per cambiare a proprio vantaggio le srti di una\r\npartita. Anche l’ultimo. Ieri Krasic, complice Muslera, me l’ha ricordata,\r\nsegnando il goal del 2-1 a pochi secondi dalla fine.\r\nL’analogia finisce lì, perché negli ultimi minuti la Juve di Del Neri …

C’era una caratteristica della prima Juve di Lippi che mi esaltava oltre ogni\r\nmisura: ogni minuto era buono per cambiare a proprio vantaggio le srti di una\r\npartita. Anche l’ultimo. Ieri Krasic, complice Muslera, me l’ha ricordata,\r\nsegnando il goal del 2-1 a pochi secondi dalla fine.\r\nL’analogia finisce lì, perché negli ultimi minuti la Juve di Del Neri sembrava\r\npiuttosto spenta e incapace di saltare la diga biancoceleste.\r\nPer fortuna uno che non è serio ma solo serbo ha tentato l’ultima percussione,\r\nè andato sul fondo e ha messo in mezzo.\r\nPer fortuna un altro che è un ottimo portiere, che poco prima aveva levato a\r\nDel Piero la gioia del goal, ha smanacciato in porta la palla che arrivava dal\r\nfondo.\r\nIl resto è esultanza bianconera e rimpianto biancoceleste.\r\nOnestamente la Lazio non meritava la sconfitta ma vincere così dà gioia e\r\nmorale alla squadra e ai tifosi.\r\nUltimo appunto: Platini quando calciava le punizioni sorprendeva le barriere\r\navversarie in tutti i modi possibili. La palla passava sotto i piedi degli\r\nsciagurati avversari, ai lati della barriera, la scavalcava inesorabilmente.\r\nOggi tutti mirano solo a scavalcarla. Non è una critica a qualcuno in\r\nparticolare: ieri il capitano ha tirato una punizione perfetta e solo Muslera\r\nha impedito che la palla si insaccasse in rete.\r\nPiù che altro è nostalgia di un tipo di soluzione che si fa beffe della\r\nbarriera in modo diverso ma non meno efficace. Chissà se un giorno rivedremo\r\nqualcuno far goal allo stesso modo.\r\n\r\nDi Luca Falvo per Juvemania.it

3 commenti

  1. La prima Juve di Lippi era una macinasassi, era di una potenza mostruosa e non si arrendeva mai.\r\nQuesta ha mezzi limitati, non dà quasi mai l’impressione di dominare le avversarie, però lotta e c’è.\r\nMeno male che a volte i singoli riescono a sopperire alle carenze del gruppo, perché ieri con la Lazio non riuscivamo proprio a sfondare.\r\nMeglio così, meglio che Muslera ci abbia messo la manina.\r\nMa quanto ci farebbero comodo una prima punta di peso e un terzino sinistro di caratura internazionale?

  2. Grande vittoria venuta piu’ dal cuore che dal gioco,prendiamoci sti 3 pnt ed andiamo avanti cosi’,sperando che se nn segna Quaglia-gol(che ci sta se sbaglia 1 partita),ci pensi qualche altro attaccante.Puo’ anche essere questa la forza della squadra,(che segnino tanti)ma,avessimo un centravanti coi marroni(Dzeko opp Pazzini)le cose si semplificherebbero.Vorrei tanto vedere Pepe esterno basso dietro a Marchisio o cmq Grygera opp De Ceglie, ma x carita’, BASTA con Grosso !La 1^ Juve di Lippi nn è da paragonare a questa Juve, io preferisco il lino alla lana…

  3. la lazio non ha fatto niente per vincere; è venuta a torino per pareggiare la partita…. e se non fosse stato per storari avremmo fatto piu di 2 gol….. una grande squadra gioca sempre per vincere…. la lazio ha qualità tecniche superiori alla squadra di del neri ma bisogna anche saperle sfruttare…. REJA è un allenatore da centroclassifica…. ha perso la partita nei cambi paradossalmente togliendo zarate e matuzalem….. (catena di sinistra)…. NOI SIAMO TORNATI AD ESSERE LA JUVE… CI MANCA SOLO UN Pò DI QUALITà CHE CI DARà CASSANO A GENNAIO.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi