Stefano Palazzi rischia la poltrona: fine della farsa? | JMania

Stefano Palazzi rischia la poltrona: fine della farsa?

Stefano Palazzi rischia la poltrona: fine della farsa?

Partito con enorme vantaggio – visti i tempi solitamente celeri della giustizia sportiva di Calciopoli 2006 – il procuratore federale Stefano Palazzi, in scadenza di nomina a giugno 2011, rischia uno storico sorpasso: la giudice della IX sezione del tribunale penale di Napoli, Teresa Casoria, può arrivare a concludere la fase dibattimentale (il 14 dicembre) …

Partito con enorme vantaggio – visti i tempi solitamente celeri della giustizia sportiva di Calciopoli 2006 – il procuratore federale Stefano Palazzi, in scadenza di nomina a giugno 2011, rischia uno storico sorpasso: la giudice della IX sezione del tribunale penale di Napoli, Teresa Casoria, può arrivare a concludere la fase dibattimentale (il 14 dicembre) del processone penale a 24 imputati (50 avvocati, una decina di parti civili) prima che la Figc partori­sca una risposta all’esposto juventino sull’assegnazione dello scudetto del 2006 all’Inter e chiuda l’indagine sul­le 200 telefonate che da aprile costitui­scono il corpo della cosiddetta Calciopoli 2. Roba da Guinness se si considera che le trascri­zioni sono quelle periziate dal tribuna­le di Napoli e coinvolgono pochi tesse­rati, volendoli ascoltare.
Ci si domanda perché si proceda così lentamente. Una spie­gazione può essere legata allo spino­sissimo caso di Premiopoli: Palazzi ha tolto tre settima­ne fa dalle mani dei due esperti 007 che indagavano, il caso delle possibili false o imprecise autocertificazioni avallate dall’Ufficio Lavoro della Figc, guidata dal collaboratore federale Pi­chi fino alle improvvise dimissioni del 14 agosto. In ballo rimborsi di centi­naia di migliaia di euro spillati ai club pro (il Catania chiede verità su 500 mi­la euro, il Chievo su circa 200 mila). Ora uno degli investigatori, Marco Mattioli, resta in attesa di comunica­zioni (anche lui) da Palazzi: è in servi­zio effettivo, conosce i meandri della vicenda ma non può agire per ora.
Di certo la vicenda Pre­miopoli, il caso Milito-Motta, la lentez­za su Calciopoli 2 mettono a rischio la conferma di Palazzi. Se passerà la riforma dello Statuto (nuova divisione tra Procura e Ufficio Indagini) in Figc si fanno tre nomi: l’attuale viceprocu­ratore Giorgio Ricciardi, il numero 2 della procura della Cassazione (se va in pensione) Vittorio Martusciello o il ritorno di Italo Pappa, ora in Corte di giustizia.

(Credits: ‘Tuttosport’)

6 commenti

  1. palazzi sorprendici RADIANDO l’inter per le grigliate di facchetti, per falsa testimonianza di moratti che 4 anni fa negava che facchetti telefonasse e per lo spionaggio (che nello sport è illecito se ne hai dei vantaggi)

  2. l’unico posto che si merita questo fighetto del caz.zo è un bel gulag nella desolante e desolata siberia…
    ma quando ci libereremo di questi personaggi corrotti!!! palazzi dicci da quale buco di cu.lo sei uscito…!!!!

  3. Quale vicenda doping scusa? Assolti perché il fatto non sussiste. Tutto il resto è fuffa

  4. ragazzi…non esagerate… Palazzi è la stessa persona che ha lasciato andare in prescrizione per la giustizia sportiva la vicenda del doping di Agricola…possibile che vediate sempre solo quello che vi conviene???

  5. palazzi il lavori suo lo ha fatto egregiamente. dal punto di vista sportivo dovrebbe aver accompagnato alla prescrizione tutte gli illeciti compiuti dai nerazzurri. cos’altro chiedergli? adesso può essere sostituito, tanto tutto si è regolarizzato, con buona pace di chi ha pagato.

  6. Fino a quando palazzi(scandaloso)abusera’ della nostra pazienza?

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi