Scommessopoli: Roma, Genoa, Fiorentina, Lecce e Cagliari le squadre di A coinvolte | JMania

Scommessopoli: Roma, Genoa, Fiorentina, Lecce e Cagliari le squadre di A coinvolte

Scommessopoli: Roma, Genoa, Fiorentina, Lecce e Cagliari le squadre di A coinvolte

Roma, Fiorentina, Genoa, Lecce e Cagliari. Sono queste le cinque squadre di Serie A al centro delle tre partite ritenuti truccate e rivelate agli inquirenti da uno dei nuovi “collaboratori” dell’indagine sul calcio scommesse. A indicare i cinque club è stato venerdì scorso proprio il dentista Mario Pirani, al centro dell’associazione che truccava le gare: …

Roma, Fiorentina, Genoa, Lecce e Cagliari. Sono queste le cinque squadre di Serie A al centro delle tre partite ritenuti truccate e rivelate agli inquirenti da uno dei nuovi “collaboratori” dell’indagine sul calcio scommesse. A indicare i cinque club è stato venerdì scorso proprio il dentista Mario Pirani, al centro dell’associazione che truccava le gare: lo ha fatto nell’interrogatorio di garanzia davanti al gip di Cremona, Guido Salvini, e di nuovo lo farà domani con il procuratore Roberto Di Martino che lo ha convocato per ottenere ulteriori spiegazioni.
Le tre gare non erano state sfiorate dall’inchiesta di Cremona prima dell’interrogatorio di Pirani. Per questo gli investigatori dovranno vagliare e verificare le dichiarazioni del dentista con il vizio delle scommesse: perché la procura possa parlare ufficialmente di partite truccate è necessario avere riscontri esterni. Pirani al gip ha raccontato spontaneamente delle “tre partite sicure” giocate dall’associazione premettendo però di non aver avuto una conoscenza diretta di chi, come e per quanto avesse indirizzato le gare: ha invece detto di aver saputo che la cricca stava investendo molto denaro sulle gare che poi si sono concluse con il risultato previsto.
Queste cinque squadre di A non sono le uniche sulle quali lavoreranno questa settimana gli agenti della Mobile di Cremona, diretta da Sergio Lo Presti, che stanno conducendo le indagini. Oltre che su Roma, Fiorentina, Genoa, Lecce e Cagliari lavoreranno anche sulla neopromossa Siena e sul Bologna. Il nome della squadra toscana compare in alcune intercettazioni telefoniche tra Massimo Erodiani e Marco Paoloni, gli altri due capisaldi dell’associazione a delinquere nel mirino della procura: in un paio di conversazione i due sostenevano che la società toscana avesse pagato alcuni giocatori del Sassuolo per vincere la partita. Al momento nessuno è indagato, ma la procura sta cercando riscontri. Sempre in settimana, probabilmente giovedì, verranno ascoltati come persone informate sui fatti i vertici dell’agenzia di scommesse Skysport365 che ha offerto collaborazione agli investigatori.
Le nuove scosse dell’inchiesta sul calcio scommesse finiscono per strattonare il destino del pallone a Siena. La svolta parte da uno dei personaggi chiave dello scandalo e termina dentro il verdetto della sfida fra i toscani ed il Sassuolo: «Ha pagato i giocatori del Sassuolo…», così in un’intercettazione Massimo Erodiani, gestore di due agenzie di scommesse a Pescara ed Ancona, nella partita finita 4 a 0 per i bianconeri. Il club del presidente Massimo Mezzaroma si infuria («Assistiamo con profondo sconcerto all’amplificazione di dichiarazioni già conosciute da sei giorni e del tutto inattendibili», così una nota della società) e si affida al lavoro della magistratura così come ha annunciato di fare l’altra squadra di B pesantemente coinvolta nel caos, ovvero l’Atalanta.
Il campionato cadetto trema, quello dei grandi potrebbe farlo presto proprio nelle ore in cui i palazzi dello sport italiano scendono in campo giocando in contropiede come mai prima. Il livello di guardia è superato, l’allarme rosso impone misure immediate e drastiche: così in un vertice straordinario di domenica mattina, Coni e Figc hanno segnato il cammino. Il punto di partenza prende in ostaggio il codice di giustizia sportiva per modificarlo in alcuni suoi capitoli. D’ora in avanti, tolleranza zero per chi non collabora e per chi scommette, con innalzamento delle pene per i singoli tesserati (i 18 mesi di squalifica oggi previsti come sanzione massima potrebbero diventare quella minima) e per i club coinvolti. Soprattutto, sarà l’accorciamento dei tempi dei processi sportivi la vera rivoluzione.
Gli 007 della Figc sono in affanno in fatto di numeri e gettoni di presenza (31 gli euro previsti come rimborso spese). E lo sono ancor di più perché sull’ufficio di procura federale incombe da tempo la sindrome del traditore, di colui che spiffera i segreti istruttori. Così, il pm del pallone Stefano Palazzi ha di fatto ridotto il già esiguo numero dei suoi vice fidati e quello della diffidenza è un peso che si fa sentire anche dall’esterno: gli stessi investigatori della procura di Cremona sono piuttosto prudenti nel trasferire le loro carte di inchiesta alla Figc. La rivoluzione della tempistica dei procedimenti sportivi è legata, dunque, all’esigenza del presidente della Federcalcio Giancarlo Abete, su invito dello stesso numero uno del Coni Gianni Petrucci, di garantire un doppio grado di giudizio breve: anche nell’ordinamento del pallone verrà introdotto con norme ad hoc da varare in Consiglio federale una specie di rito per direttissima per reati come, appunto, quello delle scommesse con conseguente illecito (o tentato illecito) per alterare il risultato delle partite.
Il calendario per le mosse dei palazzi dello sport è segnato. Prima la Giunta del Coni (questo pomeriggio), poi il Consiglio federale (giovedì) e l’approvazione delle modifiche al codice di giustizia sportiva. Ma dall’incontro fra Abete e Petrucci è uscito anche l’invito alle istituzioni statali perché non lascino il calcio impantanato con i suoi problemi. Il ministero dell’Economia, quello della Giustizia e dell’Interno dovranno fare la loro parte all’interno di una struttura che avrà il compito di prevenire fenomeni come le scommesse illegali. Più mezzi e strumenti per agire, chiede il pallone italiano. Ma anche maggiori investimenti economici per evitare nuovi scossoni. Si pensa ad una sorta di commissione «anti-truffa» dove far pervenire le segnalazioni dei Monopoli di Stato sui flussi anomali di giocate. Atalanta, poi Siena. Gli 007 aspettano ancora le carte dalla procura di Cremona per poter cominciare le proprie audizioni in un lavoro che dovrà terminare con i deferimenti dopo la metà di luglio e far partire, così, i processi sportivi. Sullo sfondo si intrecciano rumors e indagini: da Napoli arriva notizia di una gran mole di scommesse dei clan della camorra all’intervallo di un Napoli-Parma del 19 aprile 2010, tutte sulla vittoria degli emiliani puntualmente verificatasi.
“Sono arrabbiato, molto arrabbiato… Se uno dice che un altro è il referente, ma quell’altro non ne sa niente, ditemi voi che storia è questa…”, così intanto Cristiano Doni, simbolo dell’Atalanta, commenta quanto sta emergendo dall’inchiesta di Cremona. Doni è il vice presidente dell’Anc, ma, soprattutto, il nome al centro del corto circuito delle scommesse che ha preso in ostaggio il campionato di serie B. “Io con tutta questa cosa non c’entro niente, ne uscirò bene. Io ho dei valori morali a cui non ho mai derogato…”, racconta Doni agli iscritti o cofondatori del sindacato dei calciatori. Lui, il capitano dell’Atalanta, alla nascita dell’Anc ha lavorato con impegno e dedizione fin dal momento in cui ha capito che nel panorama italiano si erano creati i presupposti perché una sigla di versa da quella storica dell’Aic trovasse spazio. In queste ore di tempesta, all’interno dell’Anc è il momento delle riflessione, ma, spiega Paolo Conti, direttore generale dell’associazione, “nessuno mette in dubbio l’operato di Cristiano, a cui ognuno di noi ha confermato la propria fiducia: stiamo parlando di un giocatore che ama la sua squadra, la sua città e il calcio, sua vera passione di una vita”.

Credits: Repubblica e La Stampa

8 commenti

  1. @dna, hai perfettamente ragione. E’ stato un refuso. O forse è la rabbia che dal 2006 mi sta montando. Vorrei avere fra le mani uno a caso fra Elkann, Moratto, Guido Rossi …

  2. @ Actarus, il Lecce NON è retrocesso .

  3. hooooo ma che bel calcio pulito così lo vogliamo, come dicevano i bassotti, il calcio è guarito finalmente. hahahahahahha
    MA NON FATE RIDERE I POLLI.
    Roma pur entrandoci fino al collo, mani lugubre e misteriose dall’interno ,la salveranno.
    Gente come abete, (che non vorrebbe mai immaginare una roma in serie B) gente come i politici (non sia mai una roma capitale d’italia finire in B) gente come unicredit (i debiti come lo ripianano??).

    La roma è la roma, quindi intoccabile.
    E’ QUESTO IL VERO SCHIFO.

  4. allora vi dirò come andrà a finire:
    1) c’è la Roma di mezzo? Unicredit metterà tutto a tacere perchè sennò col piffero che gli americani firmano;
    2) Il Genoa? Ah ah ah. Ma l’abbiamo dimenticato che Preziosi è ammanicato sia col petroliere (col quale ha firmato contratti quando era inibito) che col pelato (vedi affarucci per Boateng e Kuhca) quindi … a tarallucci e vino;
    3) chi restano? Fiorentina, Cagliari e Lecce? Il Lecce gia retrocesso per cui … E le altre due? Ma chissefrega … Retrocesse;
    Ovviamente di Milan e Inter manco a sfiorarle e guai se qualcuno si permette;
    Alla fine quindi chi resta? Ma la Juve ovviamente che ha giocato con il Chievo (che in qualche intercettazione è chiamata), ha giocato con il Bologna (come sopra). Quindi retrocessa d’ufficio in lega Pro perchè chi ha rubato una volta RUBA PER SEMPRE!
    Chiudo con un amara contastazione:
    Leggo dall’articolo ” (parlando dei 007) E lo sono ancor di più perché sull’ufficio di procura federale incombe da tempo la sindrome del traditore, di colui che spiffera i segreti istruttori”. Peccato che nel 2006 nessuno si sia fatto scrupoli di smerdare e diffondere urbi et orbi le intercettazioni sulla Juve. Maledetti!

  5. Juventinonelsangue

    dna,ma la Juve c’entra sempre!!!!!!se fossimo stati coinvolti,ci sarebbe già stato il processo sommario sportivo,con conseguente restituzione di coppe e trofei assortiti,con proposta di radiazione e lapidazione pubblica per i coinvolti e con impiccagione finale per la soddisfazione del pubblico presente.Tanto si decide sulla base del sentimento popolare,non ricordi?saluti….sempre FORZA JUVE E 4-4-4!

  6. Cosa aspettano giornali e telegiornali a fare il nome di queste 5 squadre ? Ci fosse stata la Nostra beneamata Juventus, a quest’ora lo sapevano anche nel Burundi !

  7. Vorrei sapere a questo punto come Cacchio sia uscito fuori nei giorni scorsi il nome della Juventus !
    Qualche buon tempone sempre in vena di tirare mer..da addosso alla Juve,sarebbe meglio che cambiasse mestiere,questa è pura DISinformazione !

  8. Juventinonelsangue

    Tutta colpa di moggi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi