Scommessopoli presto sentiti Pepe e Stellini, il tabaccaio di Parma e Buffon replicano ai media | JMania

Scommessopoli presto sentiti Pepe e Stellini, il tabaccaio di Parma e Buffon replicano ai media

Scommessopoli presto sentiti Pepe e Stellini, il tabaccaio di Parma e Buffon replicano ai media

Chiuso il dibattimento, dal prossimo venerdì la camera di consiglio della Commissione Disciplinare esaminerà le posizioni degli imputati nel primo procedimento sportivo sul calcioscommesse. I verdetti sono attesi all’inizio della prossima settimana, mentre nel contempo saranno in pieno svolgimento gli interrogatori che porteranno ai deferimenti per il secondo processo sulle presunte partite truccate. La procura …

Chiuso il dibattimento, dal prossimo venerdì la camera di consiglio della Commissione Disciplinare esaminerà le posizioni degli imputati nel primo procedimento sportivo sul calcioscommesse. I verdetti sono attesi all’inizio della prossima settimana, mentre nel contempo saranno in pieno svolgimento gli interrogatori che porteranno ai deferimenti per il secondo processo sulle presunte partite truccate. La procura della Figc convocherà tutti i tesserati e gli ex che sono stati tirati in ballo dal filone barese dell’inchiesta. Le audizioni cominceranno domani per finire il 14 giugno: nel mirino del pool di Palazzi 8 partite del Bari del campionato 2010/11 e tra i convocati ci sarà anche lo juventino Simone Pepe tirato in ballo per Udinese-Bari del 9 maggio 2010 e il vice di Conte Stellini. Dopo la metà di giugno, invece, la procura si dedicherà agli atti di Cremona non entrati nel primo processo e quindi alle audizioni, fra gli altri, del presidente del Siena Mezzaroma e di Antonio Conte.

Intanto, a ‘La Stampa’ ha parlato oggi Massimo Alfieri, tabaccaio di Parma al centro di alcune indagini per presunte “puntate anomale”. “C’era mia figlia piccola, quando mi hanno detto della perquisizione… Si immagini che situazione. Ero lontano e non riuscivo a capire. È stato tremendo. Davvero. Non sono abituato a cose del genere”, ha spiegato l’uomo all’ingresso dello studio del suo avvocato. L’ipotesi di reato è frode sportiva: “Non esiste – continua Alfieri – in queste pagine si parla di calcio, ma il calcio rappresenta poco più del 5% del nostro giro d’affari. La nostra ricevitoria ha un flusso di scommesse importante, ma ci dedichiamo soprattutto agli sport minori… Posso spiegare qualunque movimento. Sono tranquillo. Quanto a Gigi Buffon, è un’altra cosa che non esiste e mi amareggia. Siamo amici. Mi sono occupato di alcuni acquisti per lui. E proprio il fatto che mi abbia girato degli assegni (sarebbe quantomeno stupido scommettere ‘clandestinamente’ usando assegni tracciabili, ndr) dimostra l’assoluta buona fede dell’operazione. Tutto a prova di fraintendimenti”. Gli fa eco il suo legale, avvocato Gilberto Lozzi: “Finora non abbiamo ricevuto convocazioni da parte della Procura, siamo in attesa. La ricevitoria movimenta importi rilevanti. Ma pochi soldi, percentualmente, sul calcio”.

Ci mette il carico l’avvocato Marco Valerio Corini, che cura gli interessi di Gianluigi Buffon, che a ‘Tuttosport’ ha spiegato:

Non esiste nessun procedimento a carico di Buffon, né sotto il profilo penale, né sotto quello sportivo. Vale la pena ricordarlo, visto che dopo l’impatto mediatico avuto in questi giorni sembra che Gigi sia al centro di un processo. Anzi, stando alle ultime dichiarazioni delle varie procure la sua posizione non risulta di essere di alcun interesse per la magistratura. La storia della tabaccheria? Si tratta di un’informativa che si riferisce al 2010 e che gli inquirenti di Cremona avevano ricevuto circa sei mesi fa dalla Procura di Torino. In questi sei mesi, né la Procura di Torino, né quella di Cremona hanno indagato Buffon. Al momento, quell’informativa è stata solo resa pubblica… Non c’è niente di illegale e se un magistrato fosse mai interessato a conoscere i dettagli di quei movimenti, Gigi è pronto a spiegare. Buffon non è stupido e conosce molto bene i regolamenti, quindi non ha mai scommesso su partite di calcio. Nell’informativa c’è scritto: Non è possibile escludere a priori che Buffon abbia posto in essere un’intensa attività finanziaria legata al mondo delle scommesse sportive. E vale la pena sottolineare che la formula non è possibile escludere a priori si può applicare virtualmente a qualsiasi cosa. Tant’è che
quell’informativa non ha avuto seguito. Gigi è sconcertato per quanto è successo. E molti dovrebbero interrogarsi. Non solo è stata calpestata la privacy, ma è stato innescato un processo mediatico che non corrisponde a un processo reale. Di solito c’è un avviso di garanzia, un’indagine e in seguito a quello si scatena il meccanismo dei media. Oggi mi trovo nella paradossale situazione di giornalisti che mi chiamano per sapere se è arrivato l’avviso o se è scattata un’indagine. E’ folle….

7 commenti

  1. Paolo scusa ma vaneggi cosa c’entra che a Buffon piaccia scommettere con il marcio in casa ma dove lo vedi oppure lovedi solo tu perchè hai sbagliato casacca e sei interista,fino a prova contraria se Gigi ha i soldi e se li vuole giocare legalmente (BADA BENE )LEGALMENTE non capisco perchè tu debba parlare di marcio in casa ma guarda a milano cosa hanno fatto negli anni e poi puoi parlare di marcio inter, intercettazioni non autorizzate e cosa è successo? recoba patente falsa e falsa documentazione per l’acquisto cosa è successo? NULLA e mi fermo qui per dare spazio agli altri amici Ciao a tutti

  2. Buffon ha sempre amato le scommesse.Parlando di calcio si parla di un mondo dove ingenui ragazzetti maneggiano cifre importanti,non si può parlare di mondo pulito.Ma questa sporcizia è generalissima,comune a tutte le società dalle minori alle top.E allora per un amante senza confini della JUVE come me non resta che attacarsi sempre di più ai colori,sopportando la parte di marcio che aleggia in squadra così come sopportiamo la moglie come fosse (luogo comune)l’unica donna “non TR…”

  3. KIM,mi spiace ma non afferro che significhi “troppi soldi a questi giocatori e ..muoversi così sufficientemente”!
    Ma tant’è…I troppi soldi non giustificano il VOLUTO ATTACCO MEDIATICO sfruttando fraintendimenti e falsi
    Sotto intendimenti!! Ognuno con i suoi soldi fa quello che gli pare…soprattutto se lo fa legalmente!!
    Secondo Avvocati consultati…qualche PM e GIP dovrà rispondere a BUFFON e spero al TABACCAIO di gravi reati commessi…acquisendo e pubblicizzando DOCUMENTI PRIVATI e completamente slegati da SCOMMESSOPOLI!!
    A bocce ferme qualcuno dovrà rispondere di pensieri ,parole ed opere…troppo spregiudicate e chiarire come ………….in meno di 24 ore sia venuto in POSSESSO si un Documento non attinente …o lo aveva già e ….ne ha degli altri…….senza averne il Diritto??????

  4. Caro amico non ci sperare che ha oggi si possa porre rimedio ha quanto fatto nel passato pensa tu la FIGColtre ha rimetterci la faccia dopo ci sarebbe un indenizzo corposo da versare nelle casse della JUVE. secondo il mio avviso essi cercheranno di insabiare quanto piu possibile x cio non avvenga .xla buona pace della famiglia bassotti <> Hanno tanto di quella presunzione che riuswcirebbero ha riempire una citta .

  5. capitan haddock

    Sarà che ormai vedo nero, ma secondo me l’intera questione (Conte-Buffon-Bonucci-Pepe) altro non è che il tentativo della FIGC e dei suoi referenti (giornali, amici, procure, …) di estromettere la Juve dalla CL, possibilemente facendoci entrare i prescritti.
    Pensateci: la Juve è già ora l’unica grande con prospettive economiche in crescita, grazie all’aumento di capitale, allo stadio, alla politica degli ingaggi ed ora agli introiti CL. Milan ed Inter sono alla frutta. Il Milan avrà i soldi CL, ma serviranno per tenere in piedi la baracca, non certo per investire. L’Inter manco quelli e – senza soldi – andrà di lusso se l’anno prossimo si salva senza affanni, altro che rientrare in CL.
    Insomma, qui si prospetta un quinquennio di dominio bianconero, che scaverebbere un solco non più recuperabile con le milanesi. Se poi saltasse il tappo di farsopoli (con il corollario dei milioni di danni da versare aalla Juve)…. Una prospettiva orribile per taluni, da esorcizzare a tutti i costi.

  6. cmq sia troppi soldi a questi giocatori e troppo ingenui sono a muoversi cosi sufficientemente…

  7. …quello che trovo scandaloso oltre misura è la consuetudine degli interventi delle forze dell’ordine (guardia di finanza, carabinieri o polizia) palesemente basati solo ed esclusivamente sull’attenzione mediatica.
    Cioè, questa segnalazione relativa a Buffon risale al 2010 e nessuno ha ritenuto necessario approfondire finchè la cosa non viene montata mediaticamente?!?
    Guarda un po’, appena i media cominciano a ricamarci sopra ed a sparare titoloni, la guardia di finanaza ritiene necessario procedere ad una perquisizione !?! perchè prima no, non c’erano abbastanza riflettori???
    Se ricordate, fecero lo stesso nei giorni caldi di farsopoli, quando facevano a gara a chi doveva andare nella sede della Juventus a perquisire, ispezionare e sequestrare, ovviamente il tutto ben sotto i riflettori, salvo poi tacere sul fatto che da tutte quelle pompose perquisizioni non venne fuori una beata mazza (trafiletto in 40esima pagina, come al solito).
    Non so voi, ma io mi inc…o quando vedo i servizi di trasmissioni tipo le iene o striscia la notizia dove vengono messi in evidenza dei reati, e DOPO, SOLO DOPO, intervengono in pompa magna le forze dell’ordine. Dovrebbero arrivarci prima loro a scoprire e perseguire i reati, non le tv.
    Dovrebbero chiedersi come mai questo accade. Le trasmissioni solitamente ci arrivano a seguito di segnalazioni; dovrebbero chiedersi come mai la gente preferisce segnalare a striscia o alle iene invece che alle forze dell’ordine (forse perchè finchè non ci sono i riflettori mediatici 9 segnalazioni su 10 vengono ignorate?).
    Non c’è niente da fare, siamo in itaglia, un paese dove è praticamente impossibile trovare qualcosa che funzioni come dovrebbe.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi