Scommessopoli Napoli - Inter del 2010-2011 nel mirino di Palazzi, torna a parlare Carobbio | JMania

Scommessopoli Napoli – Inter del 2010-2011 nel mirino di Palazzi, torna a parlare Carobbio

Scommessopoli Napoli – Inter del 2010-2011 nel mirino di Palazzi, torna a parlare Carobbio

Dopo aver archiviato il caso in un primo momento, il procuratore Stefano Palazzi ha deciso di tornare e fare luce su Napoli-Inter della stagione 2010/2011. A riportare la notizia è l’edizione odierna de ‘La Repubblica’, secondo cui il superprocuratore federale avrebbe preso la decisione in seguito alle dichiarazioni dell’ex portiere azzurro Gianello: l’estremo difensore ha …

Dopo aver archiviato il caso in un primo momento, il procuratore Stefano Palazzi ha deciso di tornare e fare luce su Napoli-Inter della stagione 2010/2011. A riportare la notizia è l’edizione odierna de ‘La Repubblica’, secondo cui il superprocuratore federale avrebbe preso la decisione in seguito alle dichiarazioni dell’ex portiere azzurro Gianello: l’estremo difensore ha dichiarato che nove dei suoi ex compagni hanno avuto un atteggiamento piuttosto morbido durante la gara.

La notizia giunge nello stesso giorno in cui Filippo Carobbio, il grande ‘pentito’ del calcioscommesse, rilascia una lunga intervista a ‘Il Giorno’:

Ho venduto delle partite e combinato delle altre, ma non ho mai scommesso altrimenti mi sarei arricchito. E non lo sono. Io avevo paura delle scommesse, e quando Gervasoni, saputo dell’accordo con l’AlbinoLeffe mi propose di scommettere con lui, gli risposi di no. In vita mia ho giocato solo una volta al casino, 500 euro. Poi mai più. Conte? L’ha presa male e mi spiace per lui, ma io ho solo detto la verità: prima di Novara-Siena ci disse di stare tranquilli, in albergo si capiva che la gara sarebbe finita così, da giorni c’era puzza di pareggio e alla fine lo sapevano tutti. Da parte mia resta stima nei confronti del mio ex allenatore e non è certo quel che è accaduto che mi fa cambiare idea su di lui. La verità è che nessuno dice che a fine stagione certe cose sono sempre accadute, che è normale che ci si metta d’accordo. Sbaglio o anche Buffon ha detto che è meglio avere due feriti che un morto? Astio tra me e Conte? Non è assolutamente vero. Mi ha portato prima al Bari e poi mi ha voluto al Siena. Nel Bari restai pochi mesi, non giocai neppure una partita perché Conte si dimise il 30 giugno e arrivò Ventura. E in piena estate io fui mandato al Grosseto.

12 commenti

  1. Che dire..qui sembra convenga fare i falsi ci si guadagna in soldi è si diventa famosi . Come Farsopoli qui penso chi deve pagare viene premato chi è onesto va ha pagare , mi voglio fermare qui col commento e vedremo che succederà.

  2. rimane molto difficile, per un PM serio, credere a questo Carobbio, a meno che….dietro c’è un disegno criminoso, cioè di fregare nuovamente la juve.A me sembra proprio questo,speriamo di sbagliare…..forza juve. Il resto è solo fumo negli occhi del pubblico, vedrete che…….

  3. più passa il tempo più capisco che oggi la giustizia la fanno i giornali… ed i soliti furetti…ad oggi bisogna fare attenzione se qualcuno parla male di te potresti andare in carcere, anche su tu non conosci e non hai mai interagito con quella persona… è non vale solo per lo sport…

  4. difficile credere ai miracoli, ma qualche volta……mah. beh direi che GIANELLOessendo un tesserato napoli sia molto piu’ credibile dello sfigato millantatore carrobbio, ci sara’ pure un “giudice a berlino” anche per i prescritti-mafiosi.

  5. Il Procuratore Palazzi, tira fuori la partita Napoli-Inter del 2010/2011.
    Perchè? Per buttare un pò di fumo negli occhi di chi ci vede meglio di lui. Gli Juventini, ne hanno parlato insistentemente, chiedendo di investigare su quella partita. Il Procuratore, non avendolo ritenuto necessario, ha provveduto all’archiviazione.
    Evidentemente, non trattandosi della JUVE, …….. non era interessato.
    Dobbiamo aspettarci che trovi delle irregolarità????
    Se ci dovessero essere, lo sapremo …… alla scadenza dei termini.

  6. Se Carobbio continua così, otterrà l’azzeramento della pena o, addirittura, un premio. Con la nostra (in)giustizia sportiva, è possibile anche questo.
    Non so se dire “bravo” a Carobbio, ai suoi legali o ad altri registi, per questa “sceneggiata”.
    Le sue dichiarazioni, quasi quasi, mi commuovono. Mi sembrano quelle di un ragazzo che “involontariamente” viene coinvolto in loschi affari.
    Deve fare attenzione, però, a non parlare male delle squadre milanesi o dei loro tesserati, diventerà …….. inattendibile e perderà i benefìci dei quali stà godendo.
    Sei “attendibile”(?). Non sei come Tavaroli!!!!!

  7. eh carrobbio carrobbio,non hai mai scommesso ma hai venduto e combinato tante partite senza incassare un’euro. mi sembra che in questa triste storia ci siano troppi SANTI che intervengono a zero euro.citi la frase di buffon? ma allora che c’entra conte? suvvia schiarisciti un po’ le idee.

  8. Ma poi che vuol dire che ha combinato delle partite e vendute altre ma non ha mai scommesso, sennò si sarebbe arricchito? L’ha fatto per beneficienza?? L’amico Carobbio o non la conta giusta, o non la conta tutta.

  9. Questo filone del calcioscommesse si sta rivelando una grande montatura, frutto della decisione di premiare i cosiddetti pentiti

  10. abbiamo fiducia in antonio conte e nei nostri avvocati sarai tu carobbio a risarcire un risarcimento danni nei confronti della Juve e del nostro Mister/Capitan Conte

  11. albertosanguebianconero

    Volevo fare un commento all’intervista di Carobbio,ma la deduzione che sopra il sig.Giuppe è sacrosanta.Dalla prima a quella di ieri c’è una bella differenza.

  12. Gentile sig. Carrobbio, che il pareggio fosse nell’aria e che lo sapevano tutti che poteva andare bene ad entrambe e’ MOLTO diverso dal dire che le due societa’ si fossero messe d’accordo per il pareggio.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi