Editoriali Primo Piano

Samp-Juve: 3 punti pesanti come macigni

samp-juve cuadrado
Scritto da Alessandro Magno

Alcune considerazioni a caldo su Samp-Juve di oggi e sulle nuove accuse alla Juventus e al suo presidente Andrea Agnelli

Samp-Juve 0-1. Una Juventus molto bella nel primo tempo e anche molto sprecona. Una Juventus non bella nel secondo, con troppa voglia di amministrarla, poca voglia di chiuderla e che comunque ha rischiato zero. La partita è tutta qui. Le grandi squadre vincono anche queste partite a differenza di quelle che grandi non lo sono. La difesa, come detto, ha retto benissimo, Buffon si è dovuto fare, mi pare, un paio di tuffi, ma niente di che, mentre dall’altra parte il portiere Doriano ha dovuto salvare almeno due gol quasi fatti su Higuain. Cuadrado poi è stato il mattatore della serata con una buona prova e un bellissimo gol. Altra cosa da segnalare, Buffon che scavalca Boniperti ed entra di diritto nella leggenda, anche se già c’era, diventando il giocatore bianconero con piu’ minuti giocati in serie A. I tre punti, inutile negarlo, sono la cosa migliore, perché tengono gli altri ancora a debita distanza e con una partita in meno, è tutto grasso che cola. Ci eravamo prefissi, dopo il mezzo passo falso contro l’Udinese, di vincere sia con Milan che con la Samp, in modo da andare a Napoli con un buon margine, e così è stato. Ad oggi mancano 9 partite e cioè 27 punti a disposizione. A noi per vincere il Campionato a questo punto ne bastano 20.

Un pensiero va ancor al deferimento subito dal Presidente Agnelli e i suoi collaboratori. Ottima la sua reazione anche se devo dire tardiva. Se fossi io il Presidente della Juventus non avrei lasciato che personaggi come Pistocchi, Ziliani, Liguori, Alvino e quanti altri con tweet o dichiarazioni non consone, avessero potuto insultare impunemente la Juventus per così tanto tempo. A inizio mese mi pare che la Juventus ha già querelato Il Fatto Quotidiano, ma credo che davvero sia poco. Con le buone, ma soprattutto con le cattive, riporterei tutti a un comportamento piu’ professionale. Per quanti sono questi qui ci sarebbe da farsi i soldi e metter a bilancio la voce querele. Spero che a questo punto la Juventus voglia fare davvero la voce grossa. L’unica Italiana che brilla in coppa e porta il buon nome del calcio italiano in giro per il mondo sempre vituperata in casa propria. Questo è totalmente inaccettabile. Spero che la Juventus nella persona del Presidente non solo non accetti penalizzazioni né paghi multe, ma chieda e ottenga quanto prima l’allontanamento di questo procuratore napolista che è andato a trattare personalmente con Jenny la carogna all’Olimpico di Roma, che ha consentito che nello stadio assistessero alla partita a bordo campo personaggi ritenuti appartenenti alla camorra o che gli stessi entrassero in campo a portare in trionfo la Coppa Italia senza intervenire minimamente, e ora per un fatto in cui la Juventus è parte lesa, si inventa una cosa che non sta né in cielo né in terra. Abbiamo già assistito alla sceneggiata con Conte prima da radiare e poi squalificato e messo dietro i vetri come un criminale, poi portato in nazionale e osannato come il salvatore della patria. Ora basta!

3 Commenti

  • Tutto molto vero, non dimenticherei però che Conte in nazionale ci è voluto andare, e non è un dettaglio da poco secondo me .. dopo quello che ha subito non è normale accettare quella panchina, lo dico con tutto il riconoscimento che ho per lui ma certe scelte sono state abbastanza discutibili. Per quanto sta accadendo ora spero davvero che la lezione sia stata imparata e che siamo pronti a difenderci una buona volta

    • Ricordiamoci sempre dove eravamo prima di Conte e di dove ci ha lasciato; non dimentichiamo quante volte ha difeso la Juve e come è stato lasciato solo nei momenti di difficoltà; chiediamoci perché ha lasciato la Juve e ha accettato la nazionale salvo poi mollarla dopo due anni.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi