Rugani: "Grazie Allegri, ora ti ripagherò" | JMania

Rugani: “Grazie Allegri, ora ti ripagherò”

Rugani: “Grazie Allegri, ora ti ripagherò”

Daniele Rugani, difensore centrale della Juventus, dovrebbe giocare titolare anche contro il Palermo, intanto parla del suo momento super a Sky

Daniele Rugani, difensore centrale della Juventus, dovrebbe giocare titolare anche contro il Palermo. Sarebbe la sua terza partita consecutiva: complice l’infortunio di Giorgio Chiellini, l’ex Empoli si è ritagliato il suo spazio e l’assenza del pur importante ‘Re Giorgio’ nelle ultime partite non si è avvertita. Eppure, dopo la disastrosa partita di Coppa Italia contro l’Inter, in molti lo avevano bocciato troppo in fretta:

“Sto vivendo questo momento con grande gioia e orgoglio – dichiara oggi Rugani a Sky – Per me è una soddisfazione essere stato scelto dal mister, adesso cerco di ripagarlo dando il meglio in campo”.

Ha avuto ragione Allegri, dunque, che lo ha inserito piano piano tra i titolari, senza mandarlo in campo allo sbaraglio sin da subito:

“Ha sempre parlato tanto anche con me dicendomi di avere pazienza, di stare tranquillo. Allegri mi è stato sempre vicino. In un club come la Juve – continua – , con grandi campioni che scrivono la storia del calcio, bisogna entrare in punta di piedi. Io ho fatto così, e grazie all’aiuto dei miei compagni mi sto ritagliando il mio spazio”.

Del resto, Rugani si è trovato sin da subito tre dei più forti difensori al Mondo, come Bonucci, Barzagli e Chiellini…

“Sono tre giocatori straordinari, con caratteristiche che messe insieme compongono il difensore perfetto: da Barzagli prenderei l’attenzione, da Chiellini l’aggressività e la cattiveria agonistica, da Bonucci la personalità e la capacità di impostare il gioco con un alto livello tecnico. Io tendo a essere riflessivo e poco irruento sull’uomo, ma anche quello è un requisito che ci vuole, sto imparandolo per ampliare il mio bagaglio”.

Rugani, la Champions e il campionato

La stagione, dunque, nonostante l’inizio difficile, è da considerarsi positiva:

“Se devo scegliere un momento da conservare, dico il mio esordio in Champions League contro il Siviglia. Mi sono detto: è un sogno che si realizza, essere alla Juve e giocare su un palcoscenico del genere. Campionato? Mancano sei partite, gli avversari non mollano, ci sono ancora punti a disposizione e siamo chiamati a spingere sull’acceleratore fino alla fine. Forse Firenze sarà uno snodo fondamentale, ma anche prima giochiamo due partite in casa che ci potrebbero dare una grande spinta”, conclude.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi