Rogelio Gabriel Funes Mori: un nuovo Crespo per la Juve | JMania

Rogelio Gabriel Funes Mori: un nuovo Crespo per la Juve

L’ultimo nome annotato sul taccuino di Renzo Castagnini, 007 bianconero in mis­sione in Sud America, è quello di Rogelio Gabriel Funes Mori, diciot­tenne centravanti del Ri­ver Plate, battezzato il nuovo Crespo dall’ex la­ziale Matías Almeyda, suo compagno. Lasciata Mendoza in tenera età per seguire il padre, ex- calcia­tore di buon livello del campionato argentino, al­la …

funes moriL’ultimo nome annotato sul taccuino di Renzo Castagnini, 007 bianconero in mis­sione in Sud America, è quello di Rogelio Gabriel Funes Mori, diciot­tenne centravanti del Ri­ver Plate, battezzato il nuovo Crespo dall’ex la­ziale Matías Almeyda, suo compagno.
Lasciata Mendoza in tenera età per seguire il padre, ex- calcia­tore di buon livello del campionato argentino, al­la ricerca di miglior fortu­na negli Stati Uniti, i ge­melli Gabriel e José im­piegano poco tempo per farsi notare nei vari club texani e, in seguito, nelle giovanili del Dallas. Approdati nel club della Major League Soccer dopo aver raggiunto rispettiva­mente la vittoria (Ga­briel) e un piazzamento nelle prime cinque posi­zioni (José) nel reality show Sueño MLS, orga­nizzato da una nota rete televisiva statunitense, il centravanti e il difensore centrale di casa Funes Mori vengono notati e in­vitati per un periodo di prova al Chelsea da Jorge Alvial, procuratore fra gli altri di Franco Di Santo. Nonostante l’ottima im­pressione, l’avventura londinese dei gemelli Fu­nes Mori dura solo qual­che settimana per proble­mi burocratici. Rientrati in Texas e decisi a tornare in Argentina, ad attender­li dietro l’angolo c’è pro­prio la squadra del cuore, il River Plate.
Per Ga­briel, dall’arrivo a Nuñez all’esordio in Prima squa­dra, il passo è breve. Ag­gregatosi alle giovanili dei Millonarios poco meno di un anno fa e conquista­ti diversi titoli nazionali a suon di gol, è arrivata dapprima la chiamata fra le “Riserve” e poi l’ina­spettata convocazione di Astrada. Il tecnico del Ri­ver non ha infatti esitato a puntare su Funes Mori per rimediare all’assenza di un centravan­ti.
Dotato di una buonissi­ma tecnica di base, all’oc­correnza può essere schie­rato anche come ala sini­stra, ruolo in cui ha mosso i primi passi. Convocato assieme al gemello José anche nella Selezione ar­gentina Under 18, Funes Mori è una punta di razza abile nel gioco aereo. L’at­testato di stima più im­portante arriva però dal suo capitano, Matías Al­meyda, che si è la­sciato andare ad un para­gone eccellente: «Astrada ha fatto debuttare come titolare questo giovane, Funes Mori, che secondo me ha davanti a sè un grande futuro. Credo pro­prio che siamo di fronte ad un altro Hernán Cre­spo».


(Credits: Tuttosport)

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi