Roberto Beccantini: Juventus, un disastro di gruppo | JMania

Roberto Beccantini: Juventus, un disastro di gruppo

Il Milan passeggia fra le macerie della Juventus come un turista goloso: appena può, ne porta via un pezzo. Alla fine, resterà ben poco, della Juve e dei suoi sogni. Zero a tre: un disastro alla periferia di un trionfo. La vittoria del Diavolo, la prima dopo il ritorno dei bianconeri in serie A, ha …

roberto-beccantiniIl Milan passeggia fra le macerie della Juventus come un turista goloso: appena può, ne porta via un pezzo. Alla fine, resterà ben poco, della Juve e dei suoi sogni. Zero a tre: un disastro alla periferia di un trionfo. La vittoria del Diavolo, la prima dopo il ritorno dei bianconeri in serie A, ha un valore che esula dal risultato nudo e crudo: consegna Leonardo al ruolo e al rango di anti-Inter e gli avversari a un fallimento che coinvolge l’allenatore, i giocatori, la società. Tutto, tutti. Un anno fa, con Ranieri, la Champions durò sino agli ottavi e il campionato «aziendale» rimase aperto fino al 22 marzo (Inter 69, Juventus 62). Oggi, siamo al giro di boa e la musica è già finita. In barba al rombo, ai botti di mercato, alla cotta brasiliana ( Diego e Felipe Melo, 50 milioni in due). A dodici punti dalla vetta, ciao scudetto: meglio tener d’occhio la zona Champions, intasatissima. La Juventus è scivolata al quarto posto, visto che il Napoli l’ha agganciata e «superata» in virtù del confronto diretto. E la Roma di Ranieri è lì, a un passo; e la Fiorentina (una gara in meno) e il Palermo a non più di tre.
Non che il Milan abbia disputato una partita memorabile: tutt’altro. Hanno risolto un gollonzo di Nesta e una doppietta di Ronaldinho. A Parma, mercoledì, era andata di lusso: autogol più orgoglio più catenaccio. Il Milan è il Milan, anche quando baratta la fantasia con i calcoli e gli scrupoli. E la Juve è la Juve, un gregge disperatamente e malinconicamente aggrappato al carattere. Ferrara l’ha montata e smontata fino a crollare. Dal 4-2-3-1 al 4-4-2 la squadra si è attorcigliata su stessa, il corpo come simbolo, il cuore come distintivo. Troppo poco. Per accumulare sei sconfitte, l’ultima Juventus aveva impiegato un campionato intero; questa, appena un girone d’andata. Bettega, arrivato a Natale, non poteva fare miracoli. Gli infortuni, certo: ma chi non ne ha avuti? Ferrara è stato solo e, acerbo com’era, si è smarrito nel labirinto, che a Torino va di moda ovunque, anche in granata. Temo che pagherà in nome e per conto: non è giusto, ma, purtroppo, non si possono licenziare né gli ufficiali né i soldati (non tutti, almeno).
Ha perso, la Juventus, in entrambe le versioni, con Del Piero in panchina e poi in campo per non più di mezz’ora: un argomento, questo, che farà discutere. Come il cambio di modulo, l’imbrocchimento dei brasiliani (Amauri su tutti), le cessioni di Zanetti e Marchionni, le dritte di Lippi. Il Milan si è limitato a sfruttare le tensioni dei rivali, i nervi scorticati da una deprimente povertà di idee. Ha giocato con la forza dei calmi, più che con la calma dei forti. L’esatto contrario della Juventus, contestata, fischiata e «bruciata». Con il rombo si segnava di più (e si prendevano più gol); senza, si rischia di meno ma si produce la metà della metà. L’impegno, quello, mai è mancato; e mai la squadra ha giocato contro Ferrara. I problemi si annidano nel progetto, sopravvalutato, e nella preferenza del muscolo. Pensare che basti esonerare Ferrara per salvare la baracca, sarebbe imperdonabile.

(Roberto Beccantini per La Stampa)

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi