Rivoluzione Serie A: da Febbraio si gioca Venerdì e Domenica a pranzo | JMania

Rivoluzione Serie A: da Febbraio si gioca Venerdì e Domenica a pranzo

Prepariamoci a una rivoluzione del campionato. Un antipasto arriva presto con Milan e Inter al venerdì. La Lega calcio è un cantiere aperto come quello della nuova sede della Regione Lombardia dietro via Rosellini: aperto 24 ore su 24. Quello che sta cercando di innalzare la nuova confindustria del calcio, coordinata da Maurizio Beretta, che …

JuventusPrepariamoci a una rivoluzione del campionato. Un antipasto arriva presto con Milan e Inter al venerdì. La Lega calcio è un cantiere aperto come quello della nuova sede della Regione Lombardia dietro via Rosellini: aperto 24 ore su 24. Quello che sta cercando di innalzare la nuova confindustria del calcio, coordinata da Maurizio Beretta, che dal primo luglio diventerà Lega di A e Lega di B (già una rivoluzione), è un calcio molto moderno, adeguato ai tempi e ai più moderni sistemi europei. Si studia un calcio molto diverso che tenga conto delle esigenze tecniche e della  valorizzazione del calcio italiano all’estero, della competizione con gli avversari europei che già ci hanno superato in risultati, fatturati e innovazione di sistema. Un calcio che tenga conto delle esigenze degli spettatori, delle televisioni e degli sponsor: coloro che garantiscono il fatturato e chiedono un prodotto di più alta e confortevole fruizione, con esposizione mediatica per tutti i club. Importante il varo della legge sugli stadi. Ma i presidenti ritengono fondamentale anche costruire nuovi scenari. Così si sta studiando un nuovo palinsesto del campionato che sarà sempre più spalmato, nelle giornate e negli orari: per favorire gli spettatori degli stadi e delle tv, per dare a tutti i club una finestra in diretta e in esclusiva, evitando contemporaneità che costringe a scegliere e quindi ad escludere.
La partenza è la Champions League e la necessità già avanzata dal presidente della Lega A Adriano Galliani di agevolare il cammino delle squadre italiane nella competizione europea e di preservare i quattro posti nella massima competizione continentale. Dovesse andar male in blocco il sistema Italia in Europa, perderemmo un posto a favore della Germania. Quindi la prima novità in progetto è l’anticipo al venerdì delle partite della squadre che giocheranno in Champions il martedì. Questo fin dall’inizio della competizione che coincide quasi con l’inizio del campionato. Si sta discutendo se far giocare le due partite in contemporanea alle 20.45 o splittarle alle 19 (per darmodoal pubblico di seguirle allo stadio e a casa) e alle 21, anche per esigenze televisive. Una corrente di pensiero tenderebbe a mantenere una partita al venerdì sera anche quando non c’è la Champions.
Da considerare che quasi certamente già Milan-Udinese (precede Milan-Manchester di martedì 16 febbraio) si giocherà venerdì 12 alle 20.45 e Catania-Inter (prima di Chelsea-Inter di martedì 16 marzo) sarà anticipata a venerdì 12, sempre di sera. Il sabato resteranno le due gare di chi gioca in Champions il mercoledì (18 e 20.45). La domenica una gara alle 12.30 per il mercato internazionale che con il fuso orario se la guarda ad ora di cena. Poi una gara di sera. E l’altra novità è giocare forse non sempre ma spesso una gara di A il lunedì sera. L’eventualità è già prospettata nel bando per i diritti tv.

TUTTE LE ALTRE NOVITà
Il progetto di spalmare il campionato di A su quattro giorni nei ragionamenti che sta facendo la Lega porterebbe vantaggi anche alla B. Infatti si aprirebbero finestre importanti capaci di aumentare il pubblico negli stadi e davanti alla tv. In cambio del venerdì sera, la A cederebbe il posto del sabato alle 18 per una partita della futura Lega A Bis (nome ancora allo studio). E quando il lunedì sera giocherebbe la A, la B avrebbe una finestra alla domenica alle 19. Il resto della B sabato alle 15.
E’ vero che la Rai vedrebbe ridursi le gare di A della domenica pomeriggio per Novantesimo, ma è anche vero che con i diritti degli highlights allungati nei tempi costruirebbe nuovi programmi in esclusiva con piatti forti il venerdì e il lunedì sera, arricchirebbe di dirette Radiouno sempre più votata  all’informazione. Da notare che la Lega per soddisfare le esigenze dell’Antitrust ha appena varato un quarto pacchetto per i diritti della A mettendo in vendita sul satellitare per 30 milioni (2010-11) e 31 milioni (2011-12) gli highlights di dieci minuti per ogni tempo di gara: con il progetto spezzatino chi acquista può davvero confezionare un programma di valore per quattro giorni della settimana.

(Credits: Gazzetta dello Sport)

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi