Real Madrid-Juventus 1-1, pagelle: Morata ex decisivo

Real Madrid-Juventus 1-1, pagelle: Morata ex decisivo

Real Madrid-Juventus 1-1, pagelle: Morata ex decisivo

Real Madrid-Juventus 1-1, le pagelle: Vidal è tornato grande, Morata serve un piatto al veleno alla propria ex squadra

Real Madrid-Juventus 1-1: le pagelle. La Juve vola a Berlino e lo fa al termine di una gara eroica. Al cospetto dei campioni d’Europa in carica, i bianconeri sfoderano una prova d’orgoglio e di qualità. Inizialmente qualcuno degli uomini chiave è parso contratto, quasi impaurito, poi con il passare dei minuti il nervosismo ha lasciato spazio alla tranquillità dei campioni.

Buffon 7: Un paio di interventi decisivi e salvifici (Bale e Benzema) e tanta sicurezza nelle uscite, sia alte che basse. Sul rigore, nulla da dire; con CR7 davanti, è una giocata al lotto.

Lichtsteiner 6: Qualche volta si lascia prendere dal nervosismo o la foga, contro Marcelo capita che subisca la rapidità, ma bene o male riesce sempre a mettere una pezza e sbrigare la faccenda.

Bonucci 6.5: Zero superficialità nell’impostazione e tanta attenzione nelle coperture a uomo. Non sbaglia praticamente nulla.

Chiellini 6+: Troppo ruvido nell’occasione del rigore, ma molto concentrato nel resto della partita. Bale, Benzema, Hernandez, nessuno che sia riuscito a metterlo davvero in difficoltà.

Evra 6.5: Quando l’esperienza conta, tantissimo. Un paio di diagonali decisive su Bale e la attenzione costante nella marcatura ed i movimenti ad accorciare.

Marchisio 6.5: Lotta e rilancia l’azione, fa da collante tra i reparti e si lancia spesso all’attacco. Peccato per l’uno contro uno con Casillas; avrebbe risparmiato molti patemi.

Pirlo 5-: Situazione ed ambiente erano tipici delle serate alla Pirlo, ma sbagli, errori e disattenzioni hanno proposto tutt’altro.

Vidal 6.5: Picchia e si dà da fare, cerca di dare rapidità alla manovra e servire ai compagni l’occasione giusta per far male.

Pogba 6+: Vederlo in campo sembrava utopia, e invece.. Invece gioca, anche se a rilento, i primi 45 minuti, per poi iniziare a carburare nella ripresa. Qualche sbaglio, sì, ma la solita, elegante, classe sopraffina.

Tevez 5.5: Vale un po’ lo stesso discorso fatto per Pirlo. Doveva essere la sua serata ma.. Non è andata, nonostante la voglia di lottare e l’impegno in campo.

Morata 7: Enorme rispetto. Mandato via, nemmeno troppo bene, punisce ed elimina la squadra che l’ha cresciuto, portando grande rispetto ed evitando esultanze polemiche. Nonostante tutto, si becca i fischi dei vecchi tifosi, ma a questo punto, e sembra logico dirlo, lì a Madrid, uno così, non lo meritano.

Barzagli 6: Conferisce quella sicurezza in più al reparto che nei minuti finale serviva ad Allegri.

Pereyra 6: Utile soprattuto nell’ammazzare la partita e tenere la palla lontana dalla propria area.

Llorente 6: Anche per lui, vale lo stesso discorso fatto per Pereyra. Utile soprattuto per quel tipo di lavoro.

Allegri 7+: Due cose, su tutte, degne di nota: l’intelligenza e la tranquillità. Si è conquistato, silenzioso e col lavoro, una tifoseria, una città, e, con l’ennesima grande prova strategica, anche la finale di Champions. Nient’altro da aggiungere, se non grande rispetto e profonda ammirazione.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi