Radiazione: Preziosi a rischio. Le cessioni di Motta e Milito irregolari? | JMania

Radiazione: Preziosi a rischio. Le cessioni di Motta e Milito irregolari?

Moggi non è mai stato radiato. Su questo non ci sono dubbi. E il “parere” secondo il quale dovrebbe esserlo rischia di trasformarsi in una “polpetta avvelenata” per la Figc. Sì, perché dentro le quattro pagine vergate dal Collegio e che i media hanno letto come una “radiazione ex lege” ci sono invece ampi spazi …

Moggi non è mai stato radiato. Su questo non ci sono dubbi. E il “parere” secondo il quale dovrebbe esserlo rischia di trasformarsi in una “polpetta avvelenata” per la Figc. Sì, perché dentro le quattro pagine vergate dal Collegio e che i media hanno letto come una “radiazione ex lege” ci sono invece ampi spazi di interpretazione e, soprattutto, di discrezionalità da parte dell’organo politico. E, dettaglio importantissimo non indica in alcun modo chi sia a dover irrogare la sanzione: il Presidente federale? Il Consiglio? Chi manderà la tanto attesa letterina all’ex Direttore Sportivo bianconero (sempre che ciò avvenga)?\r\nDietro questo “parere, poi si cela un altro “problemino”: se dovesse venire accolto chiamerebbe in causa altre situazioni simili. In questa situazione, per esempio, si trova anche Enrico Preziosi, patron del Genoa, squalificato per cinque anni con conseguente proposta di radiazione. Il parere, al paragrafo 9, recita che il «provvedimento di preclusione debba ritenersi implicito quale effetto ex lege (…), dopo aver erogato le sanzioni nella misura massima, si sono pronunciati nel senso della particolare gra­vità delle infrazioni». Insomma, fuori dal linguaggio giuridico, la radiazione sarebbe insita nel provvedimento di squalifica e quindi retroattiva.\r\nSe la Procura federale fosse più solerte e usasse lo stesso metro, potrebbero quindi esserci clamorose conseguenze anche sull’Inter, fino all’annullamento del passaggio di Milito e Thiago Motta in nerazzurro e la sottrazione alla squadra di tutti i punti conseguiti con i due in campo. Essì, perché fu lo stesso Preziosi a dire pubblicamente che «si sarebbe incontrato a colazione con Moratti per definire il trasferimento dei due». C’è un problema, però, perché l’articolo 10 comma 1 del Codice di giustizia sportiva recita: «Ai dirigenti federali, nonché ai dirigenti, ai tesserati delle società, ai soci e non soci di cui all’art. 1, comma 5 è fatto divieto di svolgere attività comunque attinenti al trasferimento, alla cessione di contratto o al tesseramento di calciatori e tecnici, salvo che avvengano nell’interesse della propria società. È fatto altresì divieto, nello svolgimento di tali attività, di avvalersi di soggetti non autorizzati e di avere comunque contatti con tesserati inibiti o squalificati. In questi casi gli atti, anche se conclusi, sono privi di effetto».\r\nConclusione: i trasferimenti di Milito e Thiago Motta non sono validi. E, sempre codice alla mano, essendo il tesseramento di questi due giocatori irregolare, in ogni partita in cui anche solo uno dei due sia stato schierato dovrebbe scattare la sconfitta a tavolino.\r\nOvvia­mente, i nerazzurri sono in una botte di ferro: non succederà perché nella giustizia sportiva non c’è l’obbligatorietà dell’azione penale e la Procura federale può far finta di niente… Certe sanzioni si effettuano solo ad personam (Moggi) o ad squadram (Juventus).\r\n\r\n(Credits: Tuttosport)

LEGGI ANCHE  L'Inter replica a Elkann: "Ognuno ha la sua storia"

7 commenti

  1. No Luca… Non puoi dirgli certe cose 😀

  2. Aggiungo solo che l’articolo di per sé fa solo notare l’assurdità della radiazione implicita nella condanna massima.\r\nTanto che se così fosse per Moggi, si dovrebbe usare lo stesso metro per tutti, anche per Preziosi, con conseguenze a dir poco ridicole.\r\nIl fatto che tali conseguenze siano ridicole è sotto gli occhi di tutti ma essendo naturali evoluzioni di una eventuale radiazione di Moggi sulla base della sospensione di 5 anni inflittagli, rende questa prospettiva altrettanto ridicola.\r\nTroppo difficile, Alessandro?

  3. Qui l’unico che parlava con gli arbitri (Nucini, De Santis e chissà chi altri….) era il signor Facchetti…se sai altro puoi andare a Napoli a raccontare tutto ai Pm che poverini mi sembrano un pò in difficoltà

  4. Io per ora so solo che l’unico che parlava direttamente con gli arbitri era Facchetti… Ed è l’illecito più grave della storia del calcio. Parlare con arbitri in attività, indipendentemente di ciò di cui parli, anche di fighe, era ed è illelage. Con i designatori no. Se poi tu vivi in un modno in cui ci sono altre regole… Restaci e vivi nell’ignoranza

  5. gettare merda non significa giustificare le nostre colpe….ma calciopoli doveva essere completa…no una parte….ma nel calcio commanda chi ha piu soldi…inutile…inter sta dentro anche lei

  6. non vi resta altro che sperare che ci tolgano qualcosa, perchè da quando la verità è venuta a galla, siete una squadra di perdenti.\r\nInvece che ammettere le vostre colpe continuate a gettare merda sugli altri, e non volete ammettere, perchè lo sapete benissimo, la differenza tra le telefonate di moggi e quelle di tutte le altre squadre che state accusando per tentare di scagionarvi da una cosa vergognosa, che vi farà passare alla storia come la squadra più ladra del mondo.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi