Quanto vale la Serie A? | JMania

Quanto vale la Serie A?

Stando alle quotazioni del sito transfer mrkt (http://www.transfermarkt.co.uk/)  il parco giocatori della SerieA italiana varrebbe circa due miliardi e mezzo di euro, dei quali poco meno della metà in mano alle prime quattro in classifica (Inter, Milan, Roma, Juventus), seppur in ordine leggermente diverso. Al primo posto troviamo infatti l’Inter con una valore stimato di …

calciomercatoStando alle quotazioni del sito transfer mrkt (http://www.transfermarkt.co.uk/)  il parco giocatori della SerieA italiana varrebbe circa due miliardi e mezzo di euro, dei quali poco meno della metà in mano alle prime quattro in classifica (Inter, Milan, Roma, Juventus), seppur in ordine leggermente diverso.
Al primo posto troviamo infatti l’Inter con una valore stimato di € 354,550,000.00, poi la Juventus con € 266,450,000.00, al terzo posto il MIlan con € 259,800,000.00 e infine la Roma con € 237,100,000.00.
Nulla di strano che i valori economici delle rose rispecchino le posizioni dei top club del campionato.
Non male la valutazione del nostro massimo campionato nemmeno in senso assoluto, visto che siamo terzi per valore, superati solo dalla Premier League e dalla Liga spagnola e che aggiungendo ai club già citati il Napoli e la Fiorentina raggiungiamo pressoché il valore dell’intera Bundesliga.
Scavando un po’ più a fondo, vediamo che la rosa del Bayern Monaco vale grossomodo quanto il Valencia, il Manchester City e la Roma, però, assieme all’Olimpique Lione, ha buttato la Juve fuori dalla Champions League, ovvero il club con la rosa più ricca del girone.
Proprio la Juve ha tra i suoi prezzi pregiati Buffon (30MLN di €), Diego (27MLN), Chiellini (23MLN), Felipe Melo (17MLN) mentre capitan Del Piero si trova al decimo posto, subito sotto Iaquinta.
Sono solo giochini di prestigio, d’accordo, numeri del tutto indicativi e che possono mutare non solo in base alla condizione fisica e all’età dei giocatori ma anche in base alle prestazioni.
Certo però non possono che aumentare i rimpianti per i trenta giorni di buio (che in realtà sarebbero molti di più) durante i quali il club torinese è riuscito nella non facile impresa di farsi eliminare dai giochi che contano su tutti i fronti.
Dove si è sbagliato? Come evitare di sbagliare ancora? Sono queste le domande a cui la dirigenza bianconera deve trovare risposta per programmare il futuro in maniera credibile.
Ammesso che ne sia capace.

di Luca Falvo

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi