Quagliarella, Conte e Bonucci in sette giorni ascoltati da Palazzi | JMania

Quagliarella, Conte e Bonucci in sette giorni  ascoltati da Palazzi

Quagliarella, Conte e Bonucci in sette giorni ascoltati da Palazzi

Nonostante in questi giorni siano stati ascoltati diversi calciatori e allenatori di A (tranquilli non ne avete trovato menzione sui quotidiani, non interessano a nessuno), le prime pagine ora sono tutte per Quagliarella, Bonucci e Conte, che nei prossimi giorni verranno ascoltati dalla giustizia sportiva. Specifichiamo: al momento non ci sono prove nei confronti dei …

Nonostante in questi giorni siano stati ascoltati diversi calciatori e allenatori di A (tranquilli non ne avete trovato menzione sui quotidiani, non interessano a nessuno), le prime pagine ora sono tutte per Quagliarella, Bonucci e Conte, che nei prossimi giorni verranno ascoltati dalla giustizia sportiva. Specifichiamo: al momento non ci sono prove nei confronti dei tre, solo chiacchiere che per la giustizia orinaria 99 volte su 100 si concludono con un nulla di fatto. Non per la giustizia sportiva, però, per la quale basta essere additati da qualcuno per essere automaticamente colpevoli e dover cercare prove a discolpa: ricapitolando, sei colpevole a prescindere, a meno che non provi il contrario. E chi se ne frega se chi ti accusa non ha alcuna prova a tuo carico. Roba che neanche nelle peggiori dittature sudamericane.

Per quel che riguarda l’audizione di Quagliarella, tutto ruota attorno a Matteo Gianello, l’ex portiere del Napoli coinvolto nelle scommesse e che ha tirato in ballo Grava e Cannavaro, che rischiano l’omessa denuncia per Samp-Napoli 1-0 del 16 maggio 2010. Lo stesso Gianello, avrebbe confidato ad un suo amico poliziotto che alcune persone del Nord avrebbero assicurato a Quagliarella la stessa cifra che De Laurentiis aveva promosso al bomber come premio in caso di arrivo a 12 gol. Assieme all’attaccante della Juventus saranno ascoltati oggi anche Piovaccari (Samp), Ariatti (Pescara), Acerbis (svincolato), Passoni (Folzano) e poi Giacobbe (uno dei due amici di Masiello) e Iacovelli, l’infermiere amico dei giocatori del Bari.

Poi toccherà a Carobbio e di conseguenza a Conte, sfilare davanti al procuratore Palazzi.  L’ex giocatore del Siena sarà ascoltato appunto in preparazione delle audizioni di Massimo Mezzaroma, il presidente del club toscano (giovedì), e di Conte (venerdì). Lunedì prossimo, poi, toccherà a Leonardo Bonucci e Andrea Ranocchia.

6 commenti

  1. Conte e Bonucci sono colpevoli di essere della Juve e per questo motivo devono essere condannati anche perche’ se no chi lo sente il “sentimento popolare”? Poi al max gli diranno che potranno chiedere un risarcimento in sede di giustizia ordinaria che arrivera’ tra molti molti anni.
    Se non condannano Conte si trovano con uno dei pentiti su cui hanno costruito tutto (e che ovviamente non e’ possibile controesaminare perche’ rischierebbero il ridicolo come successo piu’ volte a Napoli)che diventa inaffidabile facendo crollare quel poco che hanno fatto. Probabilmente vedremo poi Conte condannato senza che venga condannata l’intera rosa del Siena visto che avrebbe parlato della combine nella riunione tecnica pre-gara e quindi sarebbero tutti, dal magazziniere in su, responsabili di almeno una ommessa denuncia. E senza ovviamente che lo steso per gli avversari con cui si sarebbe combinato (se non mi sbaglio Novara di Tesser).
    UN po OT, vogliamo poi riflettere sul fatto che hanno punito squadre che avvrebbero, per responsabilita’ oggettiva, alterato il risultato di svariate partite con solo 9 punti da scontare il prox campionato.

  2. capitan sparrow

    Concordo, capitan Haddock. E’ ora di denunciare Palazzi: visto che facciamo parte di un “circolo della caccia” non credo che si possa giovare delle disposizioni sulla responsabilità civile dei magistrati.
    Ad ogni buon conto, leggete cosa afferma il C.S.M.: “Mentre, ferma restando l’insindacabilità nel merito dell’attività giurisdizionale, può esservi eventualmente spazio per la responsabilità disciplinare del magistrato, laddove, secondo la costante giurisprudenza della Sezione disciplinare del C.S.M., ci si trovi in presenza di un’abnorme o macroscopica violazione di legge ovvero di un uso distorto della funzione giudiziaria.Sotto il profilo processuale, va segnalato che la responsabilità per il risarcimento dei danni grava sullo Stato, nei confronti del quale il danneggiato può agire (art. 4), ma in caso di affermazione della sua responsabilità lo Stato può rivalersi, a determinate condizioni, sul magistrato (art. 7).”
    Nel caso della Federazione, chi risponde dei danni causati dal giudice nell’esercizio delle sue funzioni? Penso che la famosa richiesta di 440 milioni di danni vada in questa direzione.

  3. Capitan Haddock

    Per quanto riguarda Quagliarella, in realtà la Procura di Napoli mi pare abbia lasciato cadere tutto. Non credo che Palazzi voglia incamminarsi su un altro percorso.
    Per la questione Conte e Bonucci, vediamo che succede. Dato per assodato che stiamo parlando del nulla assoluto, io credo e spero che la Juve stia facendo pressione perchè tutto si risolva come deve risolversi. E’ chiaro che è una guerra: se Palazzi lascia andare Conte, che è innocentissimo, alla fine l’intera vicenda del calcioscommesse si rivela poco più che una bolla di sapone e la stessa esistenza della giustizia sportiva (e soprattutto di Palazzi, e di Abete) va messa in discussione.
    Speriamo che questa la Juve non esiti a mettere in campo l’arma finale: denuncia penale personale per Palazzi e ricorso al TAR, a costo di bloccare i campionati.

  4. maiellabianconera

    forse per la giustizia ordinaria, se non hanno le prove certe, può essere assolto. La giustizia sportiva usa un’altro metro di valutazione: basta una semplice accusa e si è dentro…..Speriamo bene

  5. non posso pensare ad una JUVE senza CONTE…. ora che siamo tornati cercano di buttarci giù; è veramente una manovra sporca e infame….
    comunque per ora non fasciamoci la testa, devono dimostrare se c’è stato reato….e non penso che bastino le parole di un giocatore corrotto per inguaiare un allenatore onesto….

  6. capitan sparrow

    Titolone del Corriere dello Sport: “Conte incubo squalifica. I tifosi ora si spaccano”. Io non mi sento per nulla spaccato e affermo: Conte allenatore bianconero anche se squalificato. Detto questo, aggiungo che sono convinto dell’assoluta estraneità di Antonio ai fatti contestatigli, e del fatto che se fosse stato allenatore del Gubbio (con tutto il rispetto per gli amici eugubini, ovviamente) nessuno l’avrebbe tirato in ballo.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi