Puntare all’Europa League sostenuti dalle statistiche | JMania

Puntare all’Europa League sostenuti dalle statistiche

Puntare all’Europa League sostenuti dalle statistiche

La Juventus è stata costretta ad abbandonare la Champions League, avendo subito, su un campo da gioco quasi impraticabile, l’offensiva del Galatasaray. Decisiva è stata la rete segnata dal dall’ex interista Sneijder all’85’. A questo punto dovremo rifarci in Europa League, dove però non mancherà la competizione data la presenza di altri grandi protagonisti come …

europa-league-2013-2014La Juventus è stata costretta ad abbandonare la Champions League, avendo subito, su un campo da gioco quasi impraticabile, l’offensiva del Galatasaray. Decisiva è stata la rete segnata dal dall’ex interista Sneijder all’85’. A questo punto dovremo rifarci in Europa League, dove però non mancherà la competizione data la presenza di altri grandi protagonisti come Fiorentina, Lazio e Napoli. Purtroppo l’esito dalla Champions raggiunto dai ragazzi di Conte non è stato così inaspettato, soprattutto alla luce dei precedenti risultati. Le buone notizie potrebbero però giungere dall’Europa League. Perché? Perché anche nel calcio contano le statistiche.

Competere ai massimi livelli in una disciplina sportiva significa interpretare ogni dettaglio utile a valutare le chance di vittoria. Un approccio simile a quello utilizzato dai poker player più esperti intorno ai tavoli da gioco. Eccone un esempio. Osservando il bilancio dei bianconeri in Champions League sappiamo che a fronte di 217 match disputati, quelli vinti sono stati 106. Ciò significa disporre di una probabilità di vittoria pari a circa il 49%. Si tratta di una situazione simile a quella di un giocatore di Texas Hold’em, la variante più diffusa a livello planetario, che con un progetto di scala colore cerca di chiudere una scala o un colore al flop (le prime tre carte comuni poste al centro del tavolo). Ok, forse mi sto addentrando un po’ troppo, se non comprendete i riferimenti potete dare un’occhiata alle regole.

Invece di stimare un bilancio in un arco temporale così ampio, possiamo prendere in oggetto i singoli avversari, ma è sempre la statistica uno dei fattori decisivi da considerare per una previsione attendibile dei risultati. Certo, le aspettative possono essere sovvertite, ma anche questo si spiega con i numeri. La Juve, ad esempio, ha giocato tre spareggi per la Europa League (quando ancora si chiamava Coppa UEFA) non andando mai oltre il pareggio, eppure ogni volta gli appassionati sperano nella vittoria. È un po’ come un essere seduti al tavolo verde con una doppia coppia tentando di migliorarla in full al flop. L’importante difronte a una scommessa, anche se condotta con sé stessi o con i tifosi, è la consapevolezza dei rischi assunti.

Dicevamo però che le buone notizie potrebbero giungere proprio dall’Europa League. Sono ben 69 le partite vinte su 112 giocate. In percentuale oltre il 61% di opportunità di vittoria. Il team di Conte, se fosse un giocatore di poker texano, andrebbe a giocarsi AK contro QJ dell’avversario. Insomma, una situazione che spingerebbe ogni giocatore avveduto a puntare, che tradotto dal punto di vista di un tifoso di calcio significa poter realisticamente ambire alla vittoria o a un ottimo piazzamento.

Sarà questa la conclusione della prestazione bianconera nell’imminente rassegna europea? Solo il campo da gioco fornirà la risposta definitiva che molti attendono. Per il momento abbiamo valide ragioni per aspettarci un discreto risultato, e non è solo il cuore a parlare, ma la rasserenante obiettività dei numeri. E se questi hanno permesso a tanti giocatori di incassare premi milionari, perché non dovrebbero giocare a nostro vantaggio questa volta? Staremo a vedere.

4 commenti

  1. Premesso che concordo totalmente con ale_71,

    Sai ched’è la statistica? È na’ cosa
    che serve pe fà un conto in generale
    de la gente che nasce, che sta male,
    che more, che va in carcere e che spósa.

    Ma pè me la statistica curiosa
    è dove c’entra la percentuale,
    pè via che, lì,la media è sempre eguale
    puro co’ la persona bisognosa.

    Me spiego: da li conti che se fanno
    seconno le statistiche d’adesso
    risurta che te tocca un pollo all’anno:

    e, se nun entra nelle spese tue,
    t’entra ne la statistica lo stesso
    perch’è c’è un antro che ne magna due.

    Trilussa

  2. sanguebianconero

    concordo con ale71
    io dico che bisogna cercare di vincere sempre, soprattutto in Europa, innanzitutto in Champions, ora che siamo in Europaleague cerchiamo di vincerla a tutti i costi, è sempre un trofeo per dipiù europeo
    e poi la finale sarà allo Stadium !!!!!

  3. Capitan Sparrow

    Neanche io, anche perche’ ho sempre odiato il poker. Diciamo cosi’: abbiamo l’asso in mano (finale incasa) ma briscole e carichi come gli altri avversari. Ved iamo di metterci in condizione di giocarel’asso nel migliore dei modi.

  4. Non ci ho capito niente! e sinceramente non ho capito il senso di questo articolo!!!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi