Platini rilancia il Fair Play finanziario e attacca il calcio inglese | JMania

Platini rilancia il Fair Play finanziario e attacca il calcio inglese

Michel Platini rilancia il suo cavallo di battaglia, il Fair Play Finanziaro, e in un’intervista al ‘Times’ rinnova la sfida soprattutto ai club inglesi per abbattere l’eccesso di indebitamento e il conseguente bilanciamento dei costi. “Il problema non è l’Inghilterra, amo questo paese e i suoi tifosi. Abbiamo problemi anche in altre nazioni, Ucraina, Repubblica …

Michel Platini rilancia il suo cavallo di battaglia, il Fair Play Finanziaro, e in un’intervista al ‘Times’ rinnova la sfida soprattutto ai club inglesi per abbattere l’eccesso di indebitamento e il conseguente bilanciamento dei costi.
“Il problema non è l’Inghilterra, amo questo paese e i suoi tifosi. Abbiamo problemi anche in altre nazioni, Ucraina, Repubblica Ceca, Francia, Russia. Il ‘Financial Fair Play’ è un modo per lavorare con i club con l’obiettivo di aiutarli. Non sto dicendo che il Manchester United non può giocare in Champions League. Se paga i suoi debiti (oltre 700 milioni di sterline), non ci sono problemi. Non sono contrario all’indebitamento, ma alle perdite. Nel giugno 2012 presenteremo la nostra riforma che si ispira ad una filosofia semplice: non si può spendere più di quanto si generi. E tutti i club sono d’accordo”

I club inglesi, i cui debiti coprono più del 50% dei debiti totali, non sono cosi propensi ad accettare la riforma:
“Non sono d’accordo con il grande liberismo del calcio inglese. Non sono un esperto di finanza ma quello che era piuttosto chiaro da tempo era che un club come il Portsmouth era nei guai, a rischio bancarotta. Quando ero giovane – prosegue Platini – ricordo gente senza soldi che comprava le Ferrari. E grazie alle Ferrari potevano uscire con le ragazze più belle. Non è corretto! E così accade nel calcio: non hai soldi ma compri i giocatori migliori. Alla fine il risultato del campo viene alterato”

I mondiali sono alle porte e per l’ex numero 10 della Juventus le favorite sono proprio l’Inghilterra di Fabio Capello insieme al Brasile e la Spagna.
“Brasile, Spagna e Inghilterra sono le tre squadre migliori al mondo, anche se quando giochi contro Francia, Germania e Italia non sei mai sicuro di vincere. Perché l’Inghilterra? Perché ha buoni giocatori e un grande tecnico. Ottimi calciatori come Terry, Lampard e Gerrard. E soprattutto Rooney, che come Messi migliora con l’età”.

(Credits: Ilpallonaro)

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi