Pjaca: "Verrà il mio momento, non mi monto la testa" | JMania

Pjaca: “Verrà il mio momento, non mi monto la testa”

Pjaca: “Verrà il mio momento, non mi monto la testa”

Marko Pjaca, talento croato acquistato dalla Juventus, ha rilasciato oggi una lunga intervista alla Gazzetta dello Sport, ecco gli spunti salienti

Marko Pjaca, talento croato acquistato dalla Juventus, ha rilasciato oggi una lunga intervista alla Gazzetta dello Sport. Dopo essere esploso agli Europei di Francia, l’ex Dinamo Zagabria è stato seguito a lungo da Milan, Inter e Napoli. Tutti e tre i club sono stati vicinissimi al tesseramento, ma alla fine l’ha spuntata la Juve. E mai scelta fu più felice, come conferma il diretto interessato.

“Non ho seguito le ultime trattative – ammette a mercato chiuso – , ma so che sono arrivato in una squadra di stelle. E’ sempre stato così”.

Nelle prime due partite, Pjaca è rimasto in panchina, ma nel finale contro la Lazio è entrato ed ha subito dato un saggio delle sue qualità.

“Devo dimostrare di essere una star? Lo so, devo lavorare ogni giorno per questo. Migliorarmi, non perdere mai la serietà – sottolinea – e la concentrazione. E poi verrà il mio momento, ne sono sicuro”.

Quanto all’approccio con il mondo Juve è stato fantastico, sotto ogni punto di vista. A Torino non lasciano nulla al caso, è una società super-organizzata la Juventus, nello spogliatoio ci sono uomini con attributi.

“È un pianeta magnifico – continua Pjaca – , ma non avevo dubbi: ero consapevole quando ho fatto la mia scelta. Appena arrivi, poi, basta poco a capire che sei in una società dalla storia unica, come poche altre nel mondo”.

Pjaca e il modulo: dove può giocare?

Quanto alla collocazione tattica, Pjaca difficilmente riuscirà a giocare nel 3-5-2, a meno che non venga utilizzato come seconda punta. Se Allegri cambiasse modulo, però, per il croato si aprirebbero orizzonti che già conosce molto bene: il ruolo di trequartista, o quello di esterno offensivo.

“Nel 3-5-2 della Juve di adesso posso fare la seconda punta, al massimo arretrando un po’ perché penso di poter giocare anche da trequartista. La posizione che preferisco in assoluto, però, è l’esterno d’attacco, preferibilmente a sinistra: da lì posso accentrarmi con il destro. I complimenti di Allegri? Lo ringrazio, ma non sono il tipo che si monta la testa”.

Infine, le parole sui compagni di squadra, tra i quali ci sono dei campioni di livello mondiale.

“Sono tutti top player, ma se devo fare un nome dico Buffon: basta parlargli un attimo e capisci che non hai davanti un giocatore, ma una leggenda. Mandzukic, come ha preso la concorrenza di Higuain? Nessun problema per l’arrivo di Higuain, sa che ci sarà spazio per tutti. Lui stesso, quando mi chiamava per dirmi di venire qua, diceva sempre che è una squadra piena di campioni. La scelta di venire alla Juve si deve molto anche a lui: adesso Mario è decisivo per il mio ambientamento, anche nella vita di tutti i giorni”, conclude.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi