Pirlo "Scartato dal Milan, sapevo avrei vinto alla Juventus" | JMania

Pirlo “Scartato dal Milan, sapevo avrei vinto alla Juventus”

Pirlo “Scartato dal Milan, sapevo avrei vinto alla Juventus”

“Quando abbiamo parlato del mio contratto, mi hanno proposto il rinnovo per un anno. Io chiedevo un triennale perché ero più giovane degli altri giocatori in scadenza. Ma il vero motivo del mio trasferimento è stato un altro: Allegri voleva piazzare davanti alla difesa Ambrosini o Van Bommel e io avrei dovuto cambiare ruolo. Allora …

“Quando abbiamo parlato del mio contratto, mi hanno proposto il rinnovo per un anno. Io chiedevo un triennale perché ero più giovane degli altri giocatori in scadenza. Ma il vero motivo del mio trasferimento è stato un altro: Allegri voleva piazzare davanti alla difesa Ambrosini o Van Bommel e io avrei dovuto cambiare ruolo. Allora ho detto ‘no, grazie’ e ho scelto la Juve, che mi offriva motivazioni importanti”. Andrea Pirlo racconta l’addio al Milan in una lunga intervista concessa oggi alla ‘Gazzetta dello Sport’. A distanza di qualche giorno dalla conquista dello scudetto, il centrocampista della Juventus si toglie qualche sassolino dalla scarpa: “Ci tengo a dire che non è stata una questione economica. Il Milan ha deciso che non servivo più. L’ho capito subito durante quel colloquio. Nel mio ruolo Allegri preferiva altri giocatori. Infastidito dalla richiesta di prova tv pubblicata sul sito del Milan per una mia presunta gomitata a Van Bommel? Certo: ho giocato lì 10 anni, sanno che io non faccio certe cose. Qualcuno si sarà pentito di avermi lasciato andare? Non lo so. Ma durante la stagione molti miei ex compagni mi hanno detto che sentivano la mia mancanza. Io sono contento: ho vinto. Se è arrivato qualche Sms di complimenti dal Milan? Sì, quasi tutti gli ex compagni mi hanno scritto. Berlusconi e Galliani? No”.

La scelta della Juve si è quindi rivelata azzeccatissima. Molti lo scorso anno davano Pirlo per finito, per via di vari acciacchi, e invece quest’anno non ha praticamente mai riposato:

Quando ho capito che sarebbe stato possibile? Da subito: ho avvertito un’aria particolare. A giugno al matrimonio di Buffon alcuni suoi amici mi chiedevano se fossi pazzo per aver lasciato il Milan, risposi che quando mi sposto lo faccio per vincere. E dissi che avremmo conquistato lo scudetto. Adesso mi ringraziano perché andarono a scommettere sul nostro trionfo…. Se ho temuto di non farcela col Milan a +4? No, ero dispiaciuto perché pensavo di stravincere e invece ci saremmo dovuti accontentare di vincere. Le proteste per il gol di Muntari? Era il segnale che ci temevano, avevano compreso la nostra forza. Non erano più convinti di vincere.

La svolta per la Juventus è stata senza dubbio la scelta di Conte, di cui Pirlo ricorda le prime parole:

Ero in Nazionale, lui aveva appena firmato. Mi chiamò per presentarsi e mi sorprese: dovevamo ancora fare le vacanze e lui era già carico. Fu una bella telefonata. È un grandissimo allenatore. Io ne ho avuti tanti, ma nessuno così meticoloso nel lavoro e bravo a spiegare le cose. Dal punto di vista tattico e didattico è perfino più bravo di Ancelotti e Lippi, che pure hanno tante qualità. Prepara benissimo le partite, studiamo i video degli avversari 3-4 volte alla settimana e quando scendiamo in campo è difficile che qualcosa ci sorprenda. Conte è un talento della panchina. Se ha un chiodo fisso? Vuole i centrocampisti stretti per evitare passaggi tra le linee. Se il 4-2-4 iniziale mi sembrava un azzardo? Per me non cambiava molto, comunque quel modulo mi divertiva. Poi Conte ha scelto altre strade: è segno di grandezza saper modificare le proprie idee. Il modulo con tre centrocampisti centrali è il più adatto alla squadra, ci ha reso più aggressivi. Conte parla molto con noi, si confronta.

Molti si chiedono come avrebbe figurato questa Juve in Champions…

Come se la sarebbe cavata questa Juve in Champions? Ce la saremmo giocata, proprio per il tipo di calcio che facciamo. Servirà qualche innesto, ma siamo pronti. Il martedì e il mercoledì ci restava l’amaro in bocca perché avremmo voluto confrontarci con le grandi d’Europa. Ormai ci siamo, prosegue Pirlo

Sulla terza stella e l’imbattibilità, poi Andrea puntualizza:

Non entro nel merito. Da avversario ho sempre pensato che la Juve avesse vinto quegli scudetti perché era molto forte. Furono campionati vinti sul campo. Non esco dal campo sconfitto in campionato dal 18 dicembre del 2010? Una sensazione bellissima, teniamo molto a chiudere la stagione imbattuti e a proseguire l’anno prossimo. E vogliamo anche la Coppa Italia: il giorno prima è il mio compleanno, sarebbe il regalo più bello.

Infine una battuta sui prossimi Europei:

Qual è l’obiettivo minimo dell’Italia all’Europeo? La semifinale. Siamo forti e giochiamo per vincere. Il blocco Juve è una bella base da cui partire. 

13 commenti

  1. La sapete la differenza tra Pirlo e Allegri?
    Pirlo è Pirlo, Allegri è pirla.

  2. Grande Andrea senza peli sulla lingua goditi il momento e falli rosicare!
    BILANISTI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  3. PIRLO grande professionista ed esempio per i giovani calciatori.
    Nel suo ruolo è ancora un GIGANTE, ma organizziamoci per dargli un po di respiro. Non che lo voglia scaricare, non esistono altri giocatori come lui, ma un sostituto di peso ci serve.
    Mi viene in mente:
    Hernanes (26) 15 mln.
    Nuri Sahin (23) 18 mln. (in rottura con il R.Madrid)

  4. Sarà per questo che a berlusconi non gli va tanto a genio allegri….perchè ha fatto andare via Pirlo, oltretutto a parametro zero…ahahahahahah!!!! Inoltre tutti gli 11 titolari, compresa qualche riserva e ad eccezione dei portieri e di Barzagli (fondamentale per la difesa), hanno segnato almeno un gol!!

  5. Rosica schifoso bilanista……..è la giusta punizione per chi ha trattato un campione come Pirlo come l’ultimo giocatore della rosa……..VERGOGNA!!!!!!!!!!!!

    p.s. INFAME è stato il trattamento riservato dalla tua sociètà a Pirlo….come infame è stata la squallida e misera trovata, del video sul vs cesso (pardon) sito ufficiale che invocava contro di lui la prova televisiva…quella come la chiami….infame tu………..

  6. Sono interviste come queste che ci fanno capire ancora una volta, ammesso che ce ne fosse il bisogno, quanto strabiliante sia stato il lavoro svolto da Conte & co. quest’anno.

    Non si può che ringraziare chi ha creduto ciecamente nel progetto (e se penso alla Roma me la rido di brutto) ONORANDO la NOSTRA maglia, indossata troppo spesso, negli ultimi anni, da persone indegne.

    Grazie di cuore a tutti, è stato un meraviglioso sogno avveratosi.
    Speriamo che sia anche una solida base dalla quale partire per obiettivi più ambiziosi.

    Tornando a Pirlo VS Milan: Andrea ha di fatto confermato quello che già s’era capito osservendo gli acquisti, le scelte tattiche e l’effettivo stile di gioco di Allegri. Da sempre il Milan è stato sinonimo di “bel calcio” o, quantomeno, della sua ricerca. Allegri invece pensa bene di imbottire il centrocampo di mazzolatori per destinare l’unica fonte di gioco vera e propria ai giocatori del reparto più avanzato.
    Tra Cassano, Ibra, Robinho, Pato (?), Boateng, Seedorf sicuramente gli spunti non sarebbero mancati ma, di fatto, l’unica fonte è stata Ibra per tutto l’anno.

    Il “calcio totale” ce l’abbiamo noi, 18 giocatori han fatto gol, senza un bomber d’eccellenza, possesso palla dietro alle sole Barça e Bayer, mai sterile. Abbiamo chiuso nella propria metà campo praticamente TUTTI, magari non sempre per 90 minuti, ma per almeno un tempo abbiamo preso TUTTI per il culo.

    Gente, non godevo così da taaaanti tanti anni (Zidane).

  7. Grazie Milan….qualche anno fa ci hai dato Davids e l’anno scorso Pirlo ah ah ah ah ah

  8. Allegri e tutto il milan devo dire che sn stati molto generosi nel farci questo bellissimo regalo che poi gli si è ritorto contro..(GIUSTIZIA E’FATTA VERO PIRLO!!! :-))Cmq io penso che come è colpa di allegri è colpa anche della società mialn perchè da quel che ho cpt nn lo hanno fatto sentire importante e un campione come lui ha bisogno di questo genere di cose. Anche se io penso che Pirlo nel milan di oggi non avrebbe fatto cosi bene primo perchè il milan ha giocatori con caratteristiche diverse da quelli della juve sono un po statici mentre i nostri si muovono tutti, secondo pirlo non ha mai giocato cosi bene con tutta questa continuità.

  9. Io credo che Allegri sia stato solo molto presuntuoso…L’anno scorso Pirlo giocò pochissime partite per colpa degli infortuni e il Milan vinse lo scudetto lo stesso giocando con van bommel…Avrà pensato che ci si poteva privare di lui e ci ha fatto un grandissimo regalo!!!

  10. Azzzzzzzzz…..avete capito allegri?voleva far fare a pirlo il manovale a favore dei fabbri Ambrosini o Van bommel………che genio……

  11. Pirlo….. un vero campione come Del Piero….. immenso

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi