Pirlo al New York | Venerdì l’annuncio

Pirlo al New York: venerdì l’annuncio

Pirlo al New York: venerdì l’annuncio

Andrea Pirlo vicinissimo al New York City: l’indiscrezione è un’esclusiva Goal.com, secondo cui non è ancora chiaro se il regista bianconero si trasferirà subito nella MLS americana oppure a partire da gennaio. Venerdì prossimo, in ogni caso, ci dovrebbe essere l’annuncio ufficiale, visto che Pirlo è già negli Stati Uniti per trascorrere le vacanze estive. …

Andrea Pirlo vicinissimo al New York City: l’indiscrezione è un’esclusiva Goal.com, secondo cui non è ancora chiaro se il regista bianconero si trasferirà subito nella MLS americana oppure a partire da gennaio. Venerdì prossimo, in ogni caso, ci dovrebbe essere l’annuncio ufficiale, visto che Pirlo è già negli Stati Uniti per trascorrere le vacanze estive. Per la Juve, dunque, si prospetta un altro ‘caso Tevez’: anche Pirlo, infatti, ha ancora un anno di contratto con la Vecchia Signora, ma il dg Beppe Marotta dovrebbe sostanzialmente svincolarlo per consentirgli di chiudere la carriera negli States.

Andrea Pirlo è da tempo nel mirino della franchigia newyorkese che milita in MLS e che annovera tra le sue fila già Frank Lampard e David Villa. Fin qui il regista era stato sempre titubante, poiché vorrebbe comunque continuare a giocare con la maglia della nazionale azzurra di Antonio Conte, ma a quanto pare i nodi stanno per essere sciolti. Sabato notte Pirlo ha assistito all’incontro di baseball tra gli Yankees e i Tigers presso lo ‘Yankee Stadium’, lo stesso terreno di gioco nel quale il New York City disputa le partite casalinghe.

A supportare la voce di Goal.com, il fatto che Pirlo fosse allo stadio proprio assieme al proprietario del club, Ferran Soriano. La Juventus ha già messo sotto contratto Sami Khedira per la sua sostituzione, ma ancora aspetta la comunicazione ufficiale da parte del metronomo.

Foto: Twitter.com/Pirlo_official/

Un commento

  1. Sicuramente un fuoriclasse indiscusso, ma che ha condizionato alcune scelte tattiche di Allegri, come la sua presenza in finale di C.L. a Berlino, soprattutto dopo tutte le polemiche seguenti al suo addio al Milan. Se vogliamo è un po’ la storia di Totti alla Roma, ai tempi di Spalletti e Ranieri quando la società giallorossa perse due scudetti, aldilà degli errori banali commessi durante tutto l’arco dei due campionati.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi