Perché la Juventus continua a prendere gol al primo tiro?

Perché la Juventus continua a prendere gol al primo tiro?

Perché la Juventus continua a prendere gol al primo tiro?

Anche ieri ad Empoli la Juventus ha subito gol al primo tiro utile per gli avversari. Nemmeno Massimiliano Allegri può ormai negare che si tratti di un problema che va risolto al più presto possibile. Magari la sosta aiuterà, magari no, visto che sono in tanti i calciatori che hanno lasciato Vinovo per raggiungere i …

Anche ieri ad Empoli la Juventus ha subito gol al primo tiro utile per gli avversari. Nemmeno Massimiliano Allegri può ormai negare che si tratti di un problema che va risolto al più presto possibile. Magari la sosta aiuterà, magari no, visto che sono in tanti i calciatori che hanno lasciato Vinovo per raggiungere i rispettivi ritiri. Così, coloro i quali che dovrebbero lavorare di più su questo aspetto, non ne avranno probabilmente il tempo e costringeranno il tecnico toscano a rinviare ogni discorso agli ultimi giorni utili prima della prossima gara contro il Milan.

Quello subito contro l’Empoli è l’ottavo gol incassato al primo tiro per gli avversari, ma più che una questione di tecnica di squadra, si sta rivelando un problema tecnico individuale. Contro il Borussia Monchengladbach, ad esempio, Chiellini con una evidente disattenzione ha praticamente spalancato la porta a Johnson. Ieri contro l’Empoli, invece, l’errore individuale è stato di Bonucci, che sparacchia un pallone in faccia a Marchisio piazzato a pochi metri di distanza e porgendo il fianco a Maccarone che insaccava ringraziando. In altri casi, invece, i difensori hanno perso palla o sbagliato un appoggio in fase di impostazione da dietro per la mancanza di proposizione da parte dei centrocampisti.

Insomma, si tratta di un problema generato da una serie di concause che vanno analizzate e corrette. Gli attori in gioco sono pur sempre calciatori esperti come Bonucci, Chiellini, Barzagli ed Evra, gente che non può permettersi degli errori a certi livelli. Certo che colpevolizzarli direttamente non è nemmeno propriamente corretto e ad Allegri spetta il compito di far trascorrere magari qualche ora in più in sala video a tutti quanti, prima di scendere sui campetti di Vinovo e correggere gli errori. Si dovrà lavorare anche tanto sull’attenzione, quella che non può e non deve mancare ad una squadra che deve risalire la china in classifica.

Un commento

  1. [email protected]

    Credo che l’unico comparto che necessita di un robusto rafforzamento, sia la difesa; una difesa che, in ogni partita, concede troppo spazio agli avversari. La dinamica dei gol presi è quasi sempre la stessa, con Bonucci tra i maggiori responsabili; la cosa che mi fa imbestialire è il non riuscire a capire l’atteggiamento dei nostri difensori (Bonucci in primis), che anziché affrontare l’avversario a ridosso dei 16 metri, scappano all’indietro, lasciando tanto spazio agli avversari da far diventare la nostra porta un facile Bersaglio. Più in generale credo che la coppia Marotta-Paratici, in tema di calciomercato, abbiano compiuto degli errori grossolani, regalando al Bayern due gioielli come Coman e Vidal e privandosi, ritornando alla nota dolens, di Ogbonna degnissimo (a mio avviso) sostituto di Chiellini. Per non parlare di Rugani titolare inamovibile all’Empoli di mr. Sarri, e panchinaro con i bianconeri. Altro nodo spinoso è comprendere, il perché mr. Allegri utilizzi giocatori fuori Ruolo. Morata così come impiegato è un pesce fuor d’acqua (il riferimento a Coman non è inusuale); abbiamo acquistato Cuadrado, che può fare la differenza, ma Allegri a volte si incaponisce con il suo modulo preferito; Alex Sandro spacciato per un acquisto importante è in panchina, come Caceres, a parte la punizione inflittagli dalla società, dà il meglio di se quando gioca da centrale; Buffon non si discute, ma detesto Enrico Zambruno quando lo incensa a sproposito, perché il prode Gigi spesso rimane troppo statico tra i pali. Chiudo il discorso su Pogbà! A mio avviso Allegri non ha ancora capito che il prode Paul, non può fare fare ne la mezz’ala ne tantomeno il mediano, perché, anche se giovane, spreca troppe energie nel rincorrere gli avversari, che gli potrebbero servire più in fase realizzativa. Concludendo sono convinto che la Juventus ha a disposizione una squadra formata da un centrocampo ed un attacco stellari, in grado di competere alla pari con le più blasonate squadre europee; occorre, sin dal mercato di riparazione, provvedere a rafforzare la difesa con degli innesti di assoluto valore tecnico, sperando che il nostro mister sappia utilizzare i giocatori al meglio, come non ha fatto fino adesso. Alla nostra società chiedo, per l’anno prossimo un nuovo allenatore, che sappia coniugare la sua filosofia di gioco adattandola alle caratteristiche tecniche dei giocatori a disposizione.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi