"Per i Moggi condanne pure in appello" (cit.). E per loro? | JMania

“Per i Moggi condanne pure in appello” (cit.). E per loro?

“Per i Moggi condanne pure in appello” (cit.). E per loro?

(di Antonio Corsa) Premessa: quello che il giornalista Maurizio Galdi (sempre lui) scrive oggi su La Gazzetta dello Sport è tecnicamente corretto. Il punto però è un altro: è che ogni cosa può essere vista da più angolazioni, e quella del giornale rosa è nota da tempo. Si poteva titolare così, o si poteva invece …

(di Antonio Corsa)

Premessa: quello che il giornalista Maurizio Galdi (sempre lui) scrive oggi su La Gazzetta dello Sport è tecnicamente corretto. Il punto però è un altro: è che ogni cosa può essere vista da più angolazioni, e quella del giornale rosa è nota da tempo. Si poteva titolare così, o si poteva invece dire come sia (ri)caduta l’accusa di associazione a delinquere, nonchè quella di illecita concorrenza con minaccia o violenza, per le quali la procura aveva chiesto 4 anni e 8 mesi per Luciano Moggi, 4 anni per Alessandro, 2 anni e 4 mesi per Franco Zavaglia, 1 anno e 4 mesi per Davide Lippi e 8 mesi per Franco Ceravolo. Il col. Auricchio, che ha condotto le indagini anche di questo processo, si è visto ridotta la sua maxi indagine piena di paroloni e accuse pesanti a due meri episodi di violenza privata (una tentata e una consumata), sui quali tra l’altro ci sarebbe molto da dire. I titoloni dei giornali, la grande inchiesta, la GGEA (con due “g”), il sistema illecito di controllo del mercato dei giocatori, l’influenza illecita sul mondo del calcio… tutte balle. La GEA operava nella legalità, era una società e non un’associazione, Luciano Moggi non ne faceva parte e la condanna a 1 anno per l’ex direttore bianconero e a 5 mesi per il figlio procuratore si basa su due singole fattispecie di reato minori (una terza, riguardante Nicola Amoruso, è caduta in prescrizione), e non su reati associativi.

In attesa di leggere le motivazioni, vediamo di ricordare quali.

Per Alessandro, si tratta sostanzialmente di quello che la giustizia sportiva aveva riassunto nei capi d’imputazione 4, 6 e 7: l’accusa è di aver contattato due calciatori allora in forza alla Juventus, Budyanskiy e Zeytulaev, cercando di appropriarsi della loro procura, già occupata. I due calciatori si incontrano in albergo, a Torino, col Moggi (jr) e con un altro interlocutore (per uno dei due Ceravolo, per l’altro Leonardi. Per l’accusa la discrepanza è sintomo di sincerità, e non di falsità), parlando del loro contratto. Secondo la versione dei due calciatori, ricevono pressioni dall’interlocutore. «Firma per Alessandro e farete carriera», avrebbe riferito (non in russo, magari in italiano maccheronico misto ad inglese). I due rifiutano, anche perchè hanno intenzione di tornarsene in Russia e perchè, dicono, hanno già un procuratore («che tra l’altro parla russo»), Marco Trabucchi. Per la difesa non era registrato come agente italiano, ma solo internazionale, quindi la procura era comunque “libera”. Era occupata “di fatto”, dice la sentenza. Moggi jr viene accusato di aver avuto un comportamento omissivo: non denuncia la cosa, e anzi è lì pronto col foglio per la procura e la penna in mano. Deve però riporre entrambe nella valigetta, perchè alla fine non se ne fa nulla (alla faccia della minaccia!) e l’incontro – che dura comunque meno di cinque minuti – finisce lì e non si ripete più. Tirando le somme, per la giustizia sportiva è violazione dell’art. 1 del CGS e dell’art. 12 del Regolamento Agenti, per quella penale è “tentativo di minaccia privata” (il padre evidentemente era più bravo).

Papà Luciano, invece, è stato condannato per la “vicenda Blasi”. In breve: l’accusa sarebbe quella di aver proposto al calciatore un rinnovo da 1,3 milioni di euro l’anno a patto che avesse revocato la procura all’agente Stefano Antonelli e si fosse affidato alla GEA. In diverse telefonate tra Antonelli, Manuele Blasi e il papà del calciatore, si sarebbe fatto riferimento a pressioni e minacce provenienti dalla Società. In una di queste, il padre di Blasi riferisce ad Antonelli: «Noi siamo ricattati, la posta in palio è alta e quindi dobbiamo fare un passo indietro. Ogni tanto bisogna abbassare la testa». In un’altra, invece, è lo stesso giocatore a spiegare così ad Antonelli la necessità di lasciarlo come agente per passare alla Gea: «Se sto con te non mi fanno firmare il contratto, con te si sono impuntati. Non mi fanno prendere i soldi. Io lo so che sono uomini di merda, ma ho degli interessi». Tutto inequivocabile, parrebbe. Se non fosse che, in aula, il calciatore ha smentito tutto, dichiarando: «Le pressioni da parte della Gea sono tutte mie invenzioni. Ho pensato che fosse l’unico modo per liberarmi di Antonelli», beccandosi pure l’accusa di reticenza e calunnia da parte del pm Palamara (lo stesso che ora guida l’ANM, per capirci). Il paradosso della vicenda insomma è che Moggi e la presunta vittima della sua violenza hanno entrambi riferito le stesse cose, ma nessuno dei due è stato creduto. Blasi è al tempo stesso vittima e complice. E’ una vittima che scagiona ma non può farlo o diventa colpevole pure lui.

La morale: si potrebbe riassumere il tutto con un bel «chissenefrega dei fatti loro!», liquidando la cosa come affari “privati” dei “Moggi’s”. La Juventus, infatti, in tutto questo non c’entra niente, non trae vantaggio illecito da alcun comportamento (Blasi alla fine firma uguale, i russi no) e basterebbe dissociarsi per zittire chiunque, antijuventino, cerchi di cavalcare l’onda gazzettara. Chi vuole lo faccia. Quello però che è successo dal 2006 in poi è tale da spingere almeno me ad andare oltre. Alessandro Moggi è stato condannato dalla giustizia sportiva ad una pena giudicata “abnorme” dal TNAS, e anche allora si parlò semplicemente di “sconto” della squalifica, manco fossimo ad un supermercato. Per lui Palazzi chiese la radiazione, addirittura. Ora, alla fine di tutto, il 39enne Alessandro si ritrova con una condanna sportiva dimezzata e già scontata (e badate bene: il TNAS non l’ha assolto nemmeno da uno dei 23 capi d’imputazione della sentenza Coraggio. Ha semplicemente detto che non esisteva infliggere 4 anni di squalifica e una stellare multa di 250.000 € per quelle cose, attaccando duramente la Corte di Giustizia Federale: avete letto di giornalisti scandalizzati?) e con la condanna penale per una sola fattispecie di reato, la tentata violenza privata, neanche consumata nei confronti di due giocatori di fatto sconosciuti (uno gioca nel Khimki, l’altro nel Lanciano). Tutto ciò che è stato scritto e detto dal 2006 (e prima) è andato decisamente oltre. Le accuse di Caliendo & co. cadute. La GEA distrutta. La sua vita ancora no: che gli sia data la possibilità di ricominciare.

Luciano Moggi invece, lo sappiamo, è ancora lì che deve difendersi da una possibile radiazione, quando da Napoli sta emergendo una realtà che ha totalmente stravolto le accuse del 2006 nei suoi confronti (giusto per curiosità: leggetevi questo link, e quest’altro: ne fosse rimasta in piedi una…) e ha fatto emergere scenari allora impensati, anche su società autodefinitesi “oneste”. Il tutto senza che nessuno si sia scandalizzato (vero Galdi? Monti?), senza che nessuno senta il dovere di portare avanti una battaglia di verità (tranne noi tifosi) e magari rivedere propri errori e convinzioni (vedi i già citati links sulle intercettazioni tagliuzzate e decontestualizzate) e senza che “mr. radiator” Palazzi abbia finora concretamente mosso un dito, puntandolo contro qualcuno. Si era parlato di P2, di metodi mafiosi, di piaccia o non piaccia, di Moggiopoli. Rilette ore, certe dichiarazioni appaiono imbarazzanti, ingiustificabili, assurde.

Sono due santi? No (anche se è buona norma lasciare che sia il Padreterno a giudicare le persone…). Ma nei loro confronti c’è tanta cattiveria e la Gazzetta, protagonista in prima linea da sempre, farebbe bene, ogni tanto, a fare una riflessione di questo tipo, oltre ai titoli tecnicamente corretti. Le ridonerebbe un minimo di credibilità e umanità.

10 commenti

  1. Complimenti per l’articolo,ma noi tifosi siamo come dei don Chisciotte e ci battiamo contro i mulini a vento.Moggi è stato lasciato solo dalla società e la proprietà fa affari con chi ha trascinato la Juve nel fango.
    La verità non interessa anche perchè non fa comodo a nessuno dei soggetti coinvolti(FIGC Elkann-Montezemolo Inter-Telecom organi di stampa).
    Rimane solo la rabbia,tanta.

  2. capitan haddock

    Mi rivolgo ai signori Galdi e Monti, nella speranza – come scrive più sopra l’ottimo el Prof – che anche loro leggano questo blog.
    Sono sicuro che Antonio pubblicherebbe un vostro articolo nel quale esponete il vostro punto di vista e le argomentazioni che vi portano a sostenere certe tesi.
    Non vi chiedo di pubblicare l’articolo di Antonio sul vostro giornale – che fu grande e che non lo è più.
    Vi chiedo solo di mostrare coraggio e di scendere nell’arena, dove c’è gente appassionata e preparata, pronta a discutere civilmente.
    Dimostrate di essere giornalisti, non servi.
    O è chiedere troppo?

  3. Ma ci può essere uno straccio di giornale che pubblica questo articolo? C’è nessuno che si può far sentire oltre i vari forum e blog? C’è la possibilità che l’opinione pubblica venga a conoscenza di tutte queste cose? Fatemi capire perchè ne parliamo solo noi. Grazie

  4. Come al solito Antò: dritto al punto e dritto al cuore!!! Vi prego ragazzi, tutti, leggete l’articolo sapendo che GLI INTERESSATI LI LEGGONO ECCOME ANCHE LORO!!! Ormai sono sui nostri siti più di noi: stampano, leggono e sottolineano… MA NON POSSONO RISPONDERE: non hanno argomenti e non vogliono FARSI VEDERE!!!! Vero Galdi???? Vero Monti???? Godo per le Vs facce stravolte!!!! Juve e VERITA’ for ever!!!

  5. Antonio Corsa

    Roberto a loro non gliene può fregare di meno, e a me non me ne può fregare di meno cosa pensano loro. Io faccio delle riflessioni che mi sento di fare, cerco di spiegare per chi vuole approfondire le motivazioni della sentenza (per quanto possibile farlo in questo momento) e per il resto… noi continueremo ad essere sempre i siti e blogs “miserabili” che difendono il cattivo, e loro quelli che fanno informazione corretta.

    Guai però a farsi influenzare nella vita da questi discorsi. Non si fanno le cose solo per convenienza. E a volte è bello e giusto combattere anche battaglie che si perderanno.

  6. Ma pensi che a loro (Galdi, Monti ed altri) gliene possa fregare qualcosa?. Loro sono a stipendio da questi personaggi quindi di conseguenza o abbassano la china e vanno avanti con gli onori ai padroni altrimenti vanno a casa. E secondo te’ cosa scelgono i due e gli altri?.

  7. Mi accodo ai complimenti! Esaustivo e chiaro, questo articolo andrebbe mandato in prima pagina su VERI giornali che tengano alla VERA informazione.

  8. Antonio Corsa

    Grazie.

  9. Complimenti per l’articolo, bellissimo e chiarissimo!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi