Pepe infuriato con i giornalisti: "vi auguro una bara marrone..." | JMania

Pepe infuriato con i giornalisti: “vi auguro una bara marrone…”

“Chi scrive per il Giornale tra di voi? Non c’è nessuno? Allora visto che ha messo 11 bare azzurre in prima pagina fategli sapere che è un becchino“. L’aereo che riportava gli azzurri in Italia dopo la disfatta al mondiale era appena partito, quando Simone Pepe, brandendo una copia di ieri del quotidiano milanese (con …

“Chi scrive per il Giornale tra di voi? Non c’è nessuno? Allora visto che ha messo 11 bare azzurre in prima pagina fategli sapere che è un becchino“. L’aereo che riportava gli azzurri in Italia dopo la disfatta al mondiale era appena partito, quando Simone Pepe, brandendo una copia di ieri del quotidiano milanese (con una vignetta di Forattini molto dura in prima pagina) si è avvicinato in coda, dove si trovavano gli inviati al seguito: voce alta, visibilmente alterato, il giocatore ha gettato ai cronisti il quotidiano. “Le bare – ha poi spiegato il neo juventino – sono davvero troppo, una cosa vergognosa. Se noi siamo morti, chi ha deciso di pubblicare una cosa del genere è un becchino. E se tanto mi dà tanto, mi verrebbe da dire che spero gliela facciano presto a lui, una bara: ovviamente non azzurra ma di colore marrone“.
Alle 8.45 in punto con la partenza in auto di Morgan De Sanctis si è chiuso, all’aeroporto di Fiumicino, il concitato e mesto rientro del primo gruppo di azzurri in Italia. Poco prima, era stato Pepe, il più scuro e tirato in volto tra tutti, anch’egli contestato, a lasciare lo scalo, inseguito da troupe e giornalisti, per chiedergli i motivi di una sua presunta arrabbiatura durante il viaggio di ritorno. Ma Bonucci, interpellato sull’argomento, ha detto “No, non è vero nulla“. E capitan Cannavaro aveva detto a tal proposito: “Contestazioni? La gente ha capito”. E Pazzini invece non vede l’ora di girare pagina: “Ora voglio andare subito in vacanza e mettermi dietro le spalle questa brutta avventura e smaltire la delusione”.
Sono grato e riconoscente a Lippi  per quello che ha fatto per me“. Sono state queste le prime parole pronunciate da Alberto Gilardino, all’uscita dell’aeroporto di Fiumicino, dopo l’arrivo della Nazionale di rientro dal Sudafrica. “Peccato essere usciti prematuramente, questa è stata la cosa più dolorosa“, ha aggiunto. Gilardino, nonostante le prove opache offerte in azzurro ai Mondiali, non è stato nè contestato e neppure acclamato dalla gente. Ma è stato avvicinato da diversi tifosi che volevano farsi immortalare assieme a lui. “Il mio futuro in Nazionale? Prandelli mi conosce benissimo – ha concluso l’attaccante della Fiorentina –  con lui ho trascorso stagioni entusiasmanti“.

Credits: Sky.it
Fracassi Enrico – Juvemania.it

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi