Parla Conte "Potessi tornare indietro non accetterei il patteggiamento" | JMania

Parla Conte “Potessi tornare indietro non accetterei il patteggiamento”

Parla Conte “Potessi tornare indietro non accetterei il patteggiamento”

“C’è una cosa che non rifarei se potessi tornare indietro: accettare controvoglia il patteggiamento. Non si patteggia l’innocenza anche se gli avvocati ti consigliano di farlo perché è un’opportunità e i rischi del dibattimento sono alti. E’ stato un errore. Certo, non avrei ammesso nulla, ma si sarebbe percepita una cosa diversa. Ecco, anche se …

Conte rinnova con la Juventus“C’è una cosa che non rifarei se potessi tornare indietro: accettare controvoglia il patteggiamento. Non si patteggia l’innocenza anche se gli avvocati ti consigliano di farlo perché è un’opportunità e i rischi del dibattimento sono alti. E’ stato un errore. Certo, non avrei ammesso nulla, ma si sarebbe percepita una cosa diversa. Ecco, anche se oggi avessi la certezza dei tre mesi di stop, la mia risposta sarebbe no. Su un fatto concordo con i giudici: 90 giorni non erano una pena congrua. Quella giusta è zero: non ho commesso né illeciti, né omesse denunce”. Antonio Conte è duro in una lunga intervista concessa oggi alla ‘Gazzetta dello Sport’: per un paradosso tutto italiano, come dichiarato ieri dall’avvocato D’Onofrio, “Mauri arrestato può giocare, Conte archiviato (nelle prossime ore, ndr) non può allenare”. Una sorta di tribunale dell’Inquisizione, quello sportivo, dal quale nessuno può difendersi, mentre i pentiti possono avere fino al 600% dello sconto della pena in base al numero delle persone tirate in ballo.

Ieri il tecnico bianconero è stato difeso da un pool di primissimo ordine. La speranza di chi vuole bene alla giustizia è che si faccia una volta per tutte chiarezza. Conte è fiducioso?

Sì, sono convinto che leggeranno le carte con attenzione evitando, con il proscioglimento, un’ingiustizia. Ho la coscienza a posto, non penso possa dire lo stesso chi ha gettato fango su di me. Sbaglio o parliamo di un ex giocatore che ha ammesso di aver truccato partite per anni? Per carità, il fenomeno del calcioscommesse va stroncato. Ma non si può squalificare una persona in questo modo, senza nessun riscontro. Chiunque può alzarsi, puntare il dito su qualcuno e mandarlo al macello. Dei giudici ho fiducia, del sistema meno. Un passaggio è fondamentale: se per assurdo avessi ammazzato delle persone, il tifoso juventino sarebbe lo stesso pronto a difendermi. Per gli altri accade il contrario. Ma questa storia va al di sopra delle fazioni. Voglio che la gente sappia che una cosa così può capitare a chiunque. Per questo quando le Procure avranno finito le indagini, penso che la Federcalcio debba chiedersi se le regole attuali del processo sportivo siano rispettose della difesa di un tesserato e delle società quotate in Borsa. Credo si possa coniugare la lotta alle combine con un dibattimento meno sommario: vi sembra normale quello dove i difensori non hanno la possibilità almeno di controinterrogare un pentito considerato credibile anche quando si contraddice in modo evidente? I collaboratori sono tutelati in modo spropositato.

Poi Conte racconta cosa ha provato nei primi giorni in cui è stato tirato in ballo in questa vicenda, dai primi articoli di giornale alla perquisizione:

Quasi mi mettevo a ridere. L’avevo presa alla leggera. Tutto cambiò con la perquisizione. Solo io so il dolore che ho provato quel giorno. Non ero in casa, ma c’erano mia figlia piccola e sua nonna. Sa che cosa ha detto un poliziotto a mia suocera che domandava perché? Lo chieda a suo genero il perché. Ha detto così, in modo quasi sprezzante. Ecco, non avendo fatto nulla non potrò mai dare una risposta a mia suocera. Gli avvocati mi hanno spiegato che quello era un atto dovuto, ma questo non lenisce una ferita che resterà aperta per tutta la vita.

Tornando alle accuse di Carobbio e Gervasoni, Conte entra nel merito e si difende così:

Accusa insensata: sarei stato così fesso da rendermi ridicolo e ricattabile da 25 giocatori? Lo stesso Carobbio fa riferimento al mio discorso: intenso e carico di motivazioni. E dopo averli spronati per lui avrei concluso dicendo “comunque pareggiamo”? Ma che senso ha? Mi faccia spiegare l’importanza del fatto: due pentiti ritenuti credibili raccontano cose diverse su Novara-Siena. Non avendo altri riscontri, una versione annulla l’altra. E poi Carobbio ha continuato a cambiare le sue dichiarazioni in modo camaleontico, altro che arricchimenti come li ha definiti Palazzi. L’ultimo aggiustamento è arrivato, guarda caso, tre giorni prima della mia audizione. Carobbio in realtà non è un vero collaboratore ma un soggetto che si sta difendendo. Se vuole posso fare degli esempi. Dice a Palazzi di aver interrotto i rapporti con gli slavi perché a Siena non voleva combinare le partite e invece si sentiva con loro, anche prima delle gare, con una scheda taroccata. Il suo filo conduttore è chiaro: cercare di spostare l’attenzione su altri. Senza dimenticare che faceva da tramite anche sul fronte Bari.

E poi c’è la vicenda Stellini, che ha patteggiato la squalifica ammettendo di avere chiesto a Carobbio di contattare gli avversari. Per Palazzi, Conte non poteva non sapere…

Sono rimasto allibito dinnanzi a questa motivazione: non dimostra nulla. E’ proprio la separazione dei ruoli a spiegare le cose. Stellini mi ha tenuto all’oscuro perché sapeva bene quale sarebbe stata la mia reazione. E’ vero, ho un carattere difficile. Per una volta dovrebbe essermi d’aiuto. E invece…  Mi sono arrabbiato molto con Cristian. Mi spiace averlo perso come assistente. Sta vivendo un momento difficile: dando le dimissioni ha dimostrato senso di responsabilità. Dal punto di vista umano l’affetto resta, è chiaro che i suoi comportamenti mi hanno messo in difficoltà e danneggiato.

Tornando al calcio giocato, Conte fa un bilancio di questo pre-campionato:

Siamo partiti col piede giusto. Vincere aumenta la consapevolezza e arricchisce la bacheca. Il triangolino sulla maglia ci responsabilizza, ma è il ruolo naturale della Juve. La Champions? Puntiamo a essere competitivi su ogni fronte. Contento per il mercato? Per ora, sì. Abbiamo fatto quello che avevamo programmato. Ora c’è da completare la rosa. Chi scelgo tra Llorente e Dzeko? C’è sintonia con Marotta. Il top player non deve essere solo per il costo. Qualcuno arriverà.

Poi la risposta a Mazzarri e alle polemiche post-Supercoppa:

Ognuno vede le cose a modo suo. Sento dire anche che la Juve attuale si è ispirata a Mazzarri. Si possono copiare i numeri, ma di sicuro è molto diversa la mentalità, il modo di affrontare la gara, la voglia di essere propositivi, i principi di gioco. Devo continuare?

Quanto alle dimissioni, paventate spesso dai media, il tecnico leccese conclude:

Nella tristezza della vicenda il grande aspetto positivo è che tutti all’interno della società mi sono stati vicini umanamente, supportandomi in ogni momento. Mai pensato a dimettermi e neanche John Elkann, il presidente Agnelli e il direttore Marotta hanno mai preso in considerazione questa ipotesi.

27 commenti

  1. rogerilmigliore

    va beh niente piu’ roger…giorno triste questo per gli juventini :(…ci avevamo tanto sperato e invece ….posso scrivere che sandulli mi fa schifo? o è troppo diretto?

  2. Nessuno ha detto questo, ma se da un’intervista di Conte finiamo a parlare di Federer, chi vuole partecipare al dibattito su Conte deve scalare un sacco di messagi non a tema, prima di poter dire la sua e magari replicare all’ultimo commento sull’argomento. Non sono regole nostre, ma del vivere sul Web. In qualunque forum o blog ti direbbero la stessa cosa.

  3. allora devo evitare di parlare di qualunque cosa che non includa la parola calcio? se si mi complimento con voi.

  4. Numero 7 fa parte della redazione

  5. @numero7.nessuno Le impedisce di farlo e non credo che alla redazione questo dia fastidio. in fondo sono colloqui civili, fra sportivi che amano anche altri sport. a meno che non mi venga impedito personalmente continuero’ a dialogare anche su altri argomenti. di certo, anche se a Lei non importa, personalmente evitero’ di farlo con Lei.

  6. Non me ne vogliate, ma qui si parla di calcio. Grazie

  7. secondo me ragazzi la forza di federer sta nel fatto che ama il tennis perche’ gli piace “semplicemente” giocare. in questo sport frenetico che impone ritmi altissimi e spostamenti con cambio di fusi orari da incubo, se non hai un’equilibrio psico-fisico che ti deriva da una passione sfrenata per il tennis, rischi di scoppiare. ricordo un grande campione, matts wilander, che smise di giocare ancora ralativamente giovane perche’ era nauseato da questo meccanismo perverso. roger invece si intuisce dalla serenita’ con cui affronta le partite che non e’ ancora logorato da questo sistema.probabilmente anche la sua famiglia lo aiuta molto.ti ringrazio @ROGER per le tue considerazioni, ma io sono un depresso cronico e mi fanno piacere questi contatti con voi giovani perche’ danno speranza. foooooorza juve e foooorza roger.

  8. rogerilmigliore

    🙂 eh che vuoi mauretto …in effetti a decretare la fine di roger sono stati in tanti, anche noi che lo amiamo ad un certo punto abbiamo pensato che non lo avremmo piu’ rivisto in cima all’olimpo del tennis. O alzare la coppa di uno slam . Ma ci eravamo dimenticati che roger non è un tennista come gli altri: è il mozart della racchetta, il nureyev dei campi da tennis.

  9. Mi inserisco sulla tematica tennistica, essendo anch’io un federeriano doc, per mandare cari saluti a Tommasi e Clerici che da anni decretano la fine di Roger. Ma purtroppo per loro è ancora il numero uno.

  10. rogerilmigliore

    ops …ho fatto(non facco)

  11. rogerilmigliore

    BRUNO direi che la tua splendida nipotina ha un nonno in gamba.Sicuro di rimpiangere così tanto il tempo dell’iperattivita,superimpegnato,schiavo deglle incombenze da rispettare?Certo non ti conosco ma da quello che scrivi non mi sembri sciocco o superficiale.E le persone così non sono mai inutili.:)in effetti ho facco caso che i tifosi sono condizionati dal carattere dei loro beniamini, infatti gli appassionati di rafa nadal sono molto piu’ aggressivi. Ciao Bruno e su col morale mi raccomando 😉

  12. Adoro Federer, adoro Nole: due campioni e due signori. Vinca il migliore; per chi ama il tennis è sempre un bel vedere.

  13. no no amica @ roger, non sei indiscreta, anzi, e’ un piacere dialogare con te come con gli altri amici juventini. quest’anno niente vacanze, per ora , vedremo. il fatto e’ mia cara che sono un quasi pensionato di 63 anni, gia’ nonno di una splendida bambina, e di vacanze purtroppo, sono costretto a farne in quantita’ industriale, il che mi deprime non poco essendo stato iperattivo fino ad un paio d’anni fa, ma quando si arriva alla mia eta’ diventi praticamente inutile. dialogare con voi giovani mi da’ un certo sollievo e mi fa passare un po di tempo in maniera diversa.comunque complimenti per il tuo modo gentile di esporti, sei certamente una persona positiva, d’altra parte, per una che tifa federer, non puo’ essere altrimenti. ciao cara.

  14. rogerilmigliore

    @BRUNO si dai, si capiva che ti riferivi a Zeman. Davvero odioso quest’uomo e pensare che Conte gli ha dato pure il benvenuto in serie A. Sono ritornata dall’irlanda perche’ la vacanza era finita purtroppo :(. Rimpiango la bufera di vento e pioggia sulle scogliere di Moher . E tu niente vacanze fratello bianconero?(se non sono indiscreta)

  15. preciso che tutto il discorso era riferito a zeman, certamente non a nole, che e’ un ragazzo d’oro ed estremamente simpatico @roger.

  16. @roger. beh…dai, ho detto ” spazzolata” anche perche’ un 6 a 0 come nel primo set a questi livelli non si vede spesso. si, nole e’ forte, anche se e’ “milanista”,il che non e’ un delitto sia chiaro, piuttosto che interista…ma roger e’ un campione d’altri tempi, un “romantico” del tennis e godo di piu’ quando batte quel presuntuoso di nadal.perche’ non sei rimasta ancora qualche giorno nella verde irlanda? giovedi’ scorso sono stato a villar perosa e ho visto antonio un po triste ma determinato, speriamo bene, con lui in panca si parte con un set di vantaggio per dirla in termini tennistici!buon rientro juventina doc. p.s, nel mio precedente intervento ho parlato di serbo clandestino, ovviamente ho sbagliato, intendevo boemo clandestino riferito a quella pippa di zeman. un saluto a te e a tutti i fratelli juventini. foooooooooooooooooooooooooooooooooooorza juve forever

  17. rogerilmigliore

    ah magic, abbiamo un tifoso di nole qui 🙂

  18. esatto….vediamo a new york che succede…..federer sicuramente “the best” ma nole ha un cuore immenso….puo’ farcela anche stavolta……forza juve

  19. rogerilmigliore

    ehilààà ciao bruno!ti quoto al 100%. Ma sei un po’ troppo duro con Nole 🙂 a me non dispiace. Vediamo a New York che succede. Certo se Roger avesse la grinta del nostro mister…ma forse non ci piacerebbe. Sicuramente roger ha l’umilta’ di Antonio.Ecco perche’ continua ad essere una leggenda. Speriamo bene per domani, rivederlo in panchina sabato sera sarebbe meraviglioso.Uno come lui non si merita l’umiliazione di una squalifica!
    PS sono appena tornata dall’irlanda: quanto mi mancano i 17 gradi!

  20. eh… la classe non e’ acqua e antonio e’ classe allo stato puro, esattamente come il grande ROGER FEDERER, vero @rogerilmigliore? altra spazzolata al serbo! alla domanda di cosa ne pensasse di zeman ha risposto: lo aspetto in campo,li ci misureremo. mediti il serbo clandestino su questa lezione di stile ricevuta da quest’uomo che ha vinto tutto il vincibile ma che rimane sempre con i piedi per terra con un’umilta’ che ne esalta la nobilta’ d’animo.ANTONIO alla juve a vita!

  21. @avx2003…..non ho scritto “accomodante” ma “un po’ piu’ furbo”….che vuol dire un po’ piu’ flessibile, ironico e scaltro….. non lo voglio assolutamente “accomodante”, come lo e’ sicuramente Prandelli, ad esempio….ciao e forza juve

  22. @magic66
    Non sono d’accordo sul fatto che Conte debba essere più accomodante con i media. E’ giusto che li tratti come meritano.
    Poi dovremo essere noi tifosi a fargli capire che non devono attaccare più gratuitamente Conte e la Juve, non comprando più i giornali colpevoli di questo.
    Vedrai che per vendere dovranno cambiare atteggiamento…

  23. Grande antonio, un oasi nel deserto della mediocrita’ del calcio italiano…..comunque dovra’ imparare ad essere un po’ piu’ furbo con i media, fare il duro a priori potrebbe essere controproducente con questa gente assetata di sangue bianconero…..in passato, ricordo che sacchi ha dovuto subire molte critiche per colpa del suo carattere sempre molto spigoloso e duro….forza juve

  24. rogerilmigliore

    speriamo nella coscenza dei giudici di appello. Diamine sono a sezioni unite: possibile che non si accorgano di quanto fa acqua la versione di Carobbio? Il patteggiamento è colpa di quell’incompetente di Briamonte. La Bongiorno avrebbe dovuto essere l’avvocato del mister gia’ in primo grado. In appello avrebbe smontato del tutto il castello accusatorio. Ora tutto è nell’incertezza. Speriamo bene.

  25. Un uomo che dire “raro” è poco…UNICO!Oltre che un grande sportivo,un grande uomo,ce ne fossero…chapeau!

  26. lucaodiaiprescrittidellinter

    siamo con te Antonio…..hai ragione il patteggiamento è stato un grandissimo errore (e si che l’esperienza di calciopoli avrebbe dovuto insegnarci qualcosa) e non so chi erano quei pseudo avvocati che ti hanno consigliato di patteggiare (patteggiare cosa se non hai fatto niente!)….comunque ormai il danno è stato fatto, adesso andiamo avanti e pensiamo al futuro sperando nell’assoluzione o al massimo ad una breve squalifica……SEMPRE FORZA JUVE30

  27. Grande Mister!!!! I veri sportivi e non solo noi juventini stanno dalla tua parte!!! Forza Juve!!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi