Palazzi: 85 giorni per condannare, 150 di immobilità | JMania

Palazzi: 85 giorni per condannare, 150 di immobilità

Tenete a mente questi due numeri: 86 e 150. Perché sono i protagonisti d’una strana storia cominciata 4 anni fa. La scintilla che fece scoppiare il devastante incendio di Cal­ciopoli scoccò il 2 maggio, con la pubblicazione delle prime intercettazioni. Passarono 86 giorni e la sentenza della Cor­te Federale (il secondo grado della giustizia sportiva) …

Tenete a mente questi due numeri: 86 e 150. Perché sono i protagonisti d’una strana storia cominciata 4 anni fa. La scintilla che fece scoppiare il devastante incendio di Cal­ciopoli scoccò il 2 maggio, con la pubblicazione delle prime intercettazioni. Passarono 86 giorni e la sentenza della Cor­te Federale (il secondo grado della giustizia sportiva) con­dannò: la Juventus alla B e alla revoca di 2 scudetti; Milan, Fiorentina e Lazio a penalizzazioni di varia entità; una deci­na di dirigenti e arbitri ad ammende e squalifiche. Bastaro­no, insomma, 2 mesi e mezzo per istruire non uno ma due processi ed emettere una sentenza che ha cambiato la storia del calcio italiano.

L’ESPOSTO BIANCONERO
Il 10 maggio 2010, a quasi 4 anni dallo scoppio dello scanda­lo, la Juve ha presentato un esposto alla Federcalcio, firma­to dal presidente Andrea Agnelli, nel quale si chiede in mo­do circostanziato e motivato che la giustizia sportiva analiz­zi i nuovi e fondamentali elementi emersi durante il proces­so penale di Calciopoli. Secondo la Juventus, sulla base del­le nuove intercettazioni, 40 delle quali riguardano i dirigen­ti dell’Inter, si può rivedere la decisione che il 27 luglio 2006 assegnò lo scudetto proprio ai nerazzurri e valutare un’even­tuale revisione dell’intero processo. Da allora sono passati 150 giorni, quasi il doppio di quelli che ce ne vollero percon­dannare la Juve alla B, e la Procura Federale non si è mos­sa. Dov’è finita la fretta di fare chiarezza del 2006? Dov’è fi­nita la proverbiale celerità della giustizia sportiva? Perché ci vuole così tanto a leggere 40 intercettazioni e provare a trar­ne una conclusione?

5 MESI DI IMMOBILITA’
Sono passati cinque mesi da quando sulla scrivania del pro­curatore Stefano Palazzi è at­terrato l’esposto della Juven­tus. Ne sono passati sei e mez­zo da quando le prime inter­cettazioni dei dirigenti dell’In­ter sono comparse sui giornali. Si è avuta notizia dell’apertu­ra di un fascicolo a riguardo, senza che poi se ne avessero al­tre su eventuali sviluppi con­creti. Se qualcuno ricorda la frenesia della torrida estate del 2006, non può non notare come strida la differenza con i tempi rilassati con i quali la giustizia sportiva si occupa dell’argomento oggi.

(Credits: Tuttosport)

4 commenti

  1. Normalmente si lega l’asino dove dice il padrone e palazzi è l’asino….

  2. E’ vergognoso assistere alla condanna di un MITO ” JUVE ” in 86 giorni e poi far finta di niente in 156 giorni con prove lampante di telefonata che coinvolgono ” gli Onesti del Calcio ” sul tavolo del Procuratore PALAZZI.

    E’ qusta si chiama Giustizia!!!… Quale esempio diamo ai ragazzi che crescono? Il Calcio è tutto truccato?

    Vergogna!!!!

  3. Personaggio squalido.La Juve dovrebbe denunciarlo e chiedere i danni a sto farabuto.

  4. Palazzi non si muove perche’ il padrone (DENTI MARCI) gli ha detto di far finta di niente.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi