Roma - Juventus 1-0 | Coppa Italia Tim | Le pagelle

Pagelle Roma – Juventus 1-0: bianconeri non all’altezza

Pagelle Roma – Juventus 1-0: bianconeri non all’altezza

La Juventus esce dalla Coppa Italia, la Roma è più brava, più fortunata e più aiutata: le pagelle dei bianconeri

FBL-ITA-CUP-AS ROMA-JUVENTUSLa Juventus dice addio al sogno di conquistare la decima Coppa Italia: con una formazione rimaneggiata per l’ampio turnover, i titolari della Roma riescono ad avere la meglio dei bianconeri tutt’altro che irresistibili. Al di là degli evidenti aiuti arbitrali a favore dei giallorossi, i campioni d’Italia hanno fatto davvero poco. Le pagelle:

Storari 6: Non ha un gran da fare nell’arco dei 90′ minuti di gioco ed incolpevole risulta sul gol partita di Gervinho.

Barzagli 6: Come sempre il migliore del suo reparto. Riesce a chiudere coi tempi giusti quasi tutte le offensive dei giallorossi, sbagliando però qualche pallone di troppo i fase di impostazione. Nell’azione che ha portato al vantaggio di Gervinho poteva insistere di più nell’andare a chiudere su Strootman.

Bonucci 4–: Disastroso. Durante tutta la gara alterna interventi più decisi a disimpegni completamente erronei, che in alcune circostanze rischiano di mandare direttamente in porta gli avversari. Sul gol di Gervinho sbaglia completamente l’intervento, mancando prima l’uscita alta in mezzo al campo su Pjanic e addormentandosi poi in area di rigore lasciando liberissimo il camerunense. Errori del genere, contro avversari di questo tipo, ti condizionano la partita.

Chiellini 6–: Nei primi scampoli di partita sembra tenere bene contro i vari Maicon e Gervinho, ma col passare dei minuti comincia a patire la loro velocità. Sui cross dal fondo avversari si fa trovare troppe volte fuori posizione (colpa anche di alcune incomprensioni tattiche con Peluso), che probabilmente hanno portato Conte a farlo uscire in avvio di ripresa.

Isla 5: Impalpabile. Sbaglia quasi tutti gli appoggi per i compagni e non riesce mai nell’impresa di saltare l’uomo. Nell’arco di tutta la partita riesce a costruirsi un’unica azione, che sciupa però malamente con un tiro al limite dell’area. In fase difensiva, poi, è completamente nullo e in più di una circostanza lo vediamo arrivare tranquillo tranquillo a recuperare l’avversario. Se alle difficoltà con l’ambiente ed i limiti tecnici ci si aggiunge anche una mancanza d’impegno…

Vidal 6+: L’unico che ci crede fino alla fine. Anche nelle serate più scure prova un minimo a portare la luce, cercando di illuminare con una giocata la difficile serata bianconera. In fase di recupero è onnipresente ed in mezzo al campo recupera una quantità stratosferica di palloni. Lì davanti mancano i soliti inserimenti alle spalle della difesa, ma col tipo di gioco impostato da Conte per la partita, era prevedibile una carenza sotto questo profilo. Per il resto, il migliore dei suoi.

Pirlo 5: E’ noto incontrare un periodo di flessione in questo preciso momento dell’anno e come un po’ tutti ci si aspettava questo è arrivato tempestivo. In fase d’impostazione e palleggio tocca una quantità minima di palloni, mentre un lavoro più concreto svolge in fase di contrasto. Gran parte dei kilometri percorsi durante l’intera partita, tuttavia, sono a stati vuoto e a poco sono servite le caratteristiche tecnico-fisiche di cui è dotato in una partita maschia come questa.

Marchisio 5+: I progressi fatti nelle ultime uscite non sono stati confermati nella partita di ieri sera, dove lieve è stato l’apporto del principino nella manovra bianconera. In fase di recupero è stato di sicuro più deciso, ma oltre a portare un debole impedimento alle folate avversarie, ha fatto ben poco. Meglio, forse, avrebbe fatto nei panni di regista.

Peluso 6-: Non una partita esaltante per l’esterno ex-Atalanta, che però è riuscito a mantenere un discreto rendimento di gioco finchè in campo. Non è stato certamente in grado di creare potenziali pericoli alla retroguardia avversaria, ma almeno è riuscito ad azzeccare qualche disimpegno palla al piede a differenza di tanti altri.

Giovinco 6: Più per l’impegno che per gli effettivi pericoli creati in campo. Cerca di sfruttare come meglio può l’importante occasione che Conte gli ha concesso, ma nel momento clou di una qualsiasi azione sbaglia troppe volte la giocata, mancando di quella incisività che molti gli hanno imputato durante tutti questi anni. Per quanto riguarda l’impegno, come detto, gli si può criticare ben poco e anzi è stato uno dei pochi a provare a mettere un po’ di brio alla gara.

Quagliarella 5: Le poche palle che riesce a toccare nel corso di tutta quanta la partita vengono immediatamente perse o sottrate dai difensori avversari, che mai gli condedono tempo e spazio per girarsi e puntare la porta. Di scambi veloci col compagno di reparto non ce n’è stato manco uno e questo testimonia la scarsa affinità di coppia che corre tra lui e Giovinco.

Ogbonna 6-: Non commette particolari distrazioni, ma in qualche circostanza sbaglia un disimpegno di troppo. Eccessive sono infatti le palle sprecate per un controllo difettoso od un lancio sbagliato.

Llorente S.V.

Tevez S.V.

Conte 5: Se Bonucci non avesse commesso quella doppia ingenuità così grossolana a quest’ora staremmo forse parlando di un’altra partita, ma purtroppo questo è quello che è accaduto. La gara con i giallorossi l’aveva evidentemente preparata così, con un baricentro molto basso ad aspettare l’avversario, pronti a sfruttare le eventuali situazioni favorevoli che si sarebbero andate a creare via via col passare dei minuti. Purtroppo la strategia del mister questa volta non ha funzionato e loro sono stati bravi a punirci nell’unico errore (madornale) che gli abbiamo concesso. Rimane un po’ di amarezza per la mancata qualificazione alle semifinali di questa coppa nazionale (che tra l’altro si conferma un tabù per Conte), ma non c’è assolutamente motivo di creare particolari allarmismi. Sarà solo l’ennesima occasione da cui trarre un pizzico di esperienza.

Foto Getty Images – Tutti i diritti riservati

6 commenti

  1. Sono d’accordo sui voti, avrei dato qualcosa in meno anche a Giovinco e Isla direi 4. Anche Conte stavolta ha sbagliato, con giocatori poco tecnici sulle fasce almeno Llorente lì in mezzo avrebbe dovuto esserci per qualche eventuale cross. La squadra non mi ha mai dato l’impressione di poter segnare e abbiamo fatto sembrare la Roma il Barcellona, cosa che non è poi così perché in fondo un gol annullato e uno loro su erroraccio di Bonnie hanno secondo me esaltato troppo la partita dei giallorossi. Che stimoli possono trovare giocatori che Conte reputa buoni solo per la Coppa Italia, trofeo del quale il mister non sembra avere una grande considerazione? Vabbé ora pensiamo a non perdere punti e a rimanere concentrati in Campionato!

  2. Ci voleva la squadra titolare per questa partita. Peccato perché la Juventus di quest’anno aveva la Coppa Italia alla sua portata.

  3. Se Bonucci avesse un ginocchio mobile non avrebbe le gambe di legno e sarebbe un giocatore passabile ma abbiamo scienziati che insistono sul contrario

  4. Concordo in linea di massima con le pagelle, tranne qualche punteggio troppo buonista verso certi giocatori.
    Bonucci ogni volta conferma le sue giocate a cappella, con disimpegni a metacampo da brividi e lanci fuori misura: altro che regista difensivo: voto 4……….Chiellini come al solito scomposto nei suoi interventi e spesso in difficoltà fisica. Ma perchè una volta per tutte non gli viene impedito di fare lanci lunghi e assist che se va bene sono lontani 20 metri dall’obiettivo ?: voto 4.Ogbonna se gli si da fiducia è sicuramente più dotato tecnicamente. Su Isla stendiamo un velo pietoso, oramai quello che si doveva scoprire si è scoperto: Basta!!! voto 4,5. Su Giovinco che dire? Qualche occasione gli è stata data per mostrare il suo valore, ma ogni volta è una pena vederlo arrancare per tentare dribbling che spesso finiscono male. Neppure come rifinitore ha dato quello che ci si aspettava: ha sprecato l’unica occasione seria che gli si è presentata, sbagliando il lancio smarcante. Da rivedere? Sono stato un estimatore di Giovinco in passato, ma adesso da un pò di tempo lo vedo come un pesce fuor d’acqua, capace di fare solo goal (quando gli capitato)a risultato acquisito: non all’altezza (in tutti i sensi) per una grande squadra. Purtroppo in un calcio atletico come questo, le sue doti fisiche sono un handicap, mancando quella forza fisica in grado di vincere contrasti e scontri. Gente come Messi, o lo stesso Tevez, pur non avendo una stazza fisica sopra la norma, hanno tuttavia una grinta atletica e una capacità a resistere ai contrasti che il buon Giovinco se li sogna. Basta per cortesia….Pirlo purtroppo questa sera non pervenuto. A che ci serve un giocatore così, che oramai anche a livello di punizioni ne mette dentro una su 30 e centra la porta una volta su 40 ????? Urge un suo sostituto. in definitiva La Juve non può fare a meno di giocatori di classe e di esperienza anche internazionale. Ieri sera è stato un suicidio. Non capisco Conte: non vorrei pensare male come chi dice che è stata una scelta voluta per uscire anzitempo da questo torneo. Sarebbe immorale per una società come la Juventus che ambisce a vincere ogni partita e ogni torneo.

  5. con le squadre più forti vengono fuori i limiti (EVIDENTI):

    Bonucci non è un gran difensore, dovrà rientrare nei ranghi che gli competono…quando sbaglia lui becchiamo la fregatura, vedasi pareggio con il galatasaray e il doppio errore che ha favorito il gol romano di ieri PUO ANDARE VIA, PERCHE’ SI VENDEREBBE BENE

    Isla come Peluso sono giocatori inutili per il ruolo che dovrebbero avere in campo

    Giovinco più che cercare l’azione vincente cerca il contrasto perdente per guadagnare la punizione e chissà MEDIOCRE E PROVINCIALE

    Pirlo ieri non era in campo: se é marcato non corre e diventa un uomo in meno

    Marchisio non è in grado di dirigere l’orchestra o di smarcare l’uomo per andare a rete.

    Quagliarella teniamocelo per le partitelle: non offre mai la sensazione che possa farsi carico dell’attacco e nemmeno la sicurezza di saper tenere la palla.

    Mi sembra il caso mescolare un pò di uomini il prossimo giugno: possiamo vendere bene e acquistare nuovi uomini, ma soprattutto liberarci del vincolo PIRLO e puntare a un nuovo modulo con palleggiatori in grado DI SALTARE L’UOMO!!!!!!!!

  6. Non vi meravigliate conte è sincero solo con i suoi giocatori, ha promesso ad isla-storari-peluso di fargli giocare la coppa italia e cosi è stato tanto la roma con chi vuoi che giocasse con la squadra titolare. DIMENTICAVO MARCHISIO MAI PIU’ CAPITANO INDEGNO, PIRLO FUORI DAI COGLIONI.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi