Ora chiedete scusa a Ciro Ferrara | JMania

Ora chiedete scusa a Ciro Ferrara

Alberto Zaccheroni ha fallito. Inutile girarci attorno, anche il tecnico romagnolo dopo un buon inizio sulla panchina bianconera ha dovuto deporre le armi e rassegnarsi al destino: la Juventus è morta e nessuno al momento può risuscitarla. Ci ha provato Zac, ha messo un poco d’ordine in un ambiente in cui la confusione è il …

Ciro FerraraAlberto Zaccheroni ha fallito. Inutile girarci attorno, anche il tecnico romagnolo dopo un buon inizio sulla panchina bianconera ha dovuto deporre le armi e rassegnarsi al destino: la Juventus è morta e nessuno al momento può risuscitarla. Ci ha provato Zac, ha messo un poco d’ordine in un ambiente in cui la confusione è il fattore imperante, ma l’impresa era al di là delle sue capacità. A dire il vero pochi al mondo sarebbero in grado di destreggiarsi in un contesto a dir poco desolante: il Presidente, l’Amministratore Delegato e il Direttore Generale sono tre dilettanti allo sbaraglio, (pps, dimentico sempre che sono tutti e tre la stessa persona), la proprietà è assente, impegnata com’è nella risoluzione di altri problemi che riguardano le aziende del gruppo… Chi dovrebbe quindi “vigilare” e mettere ordine in una società allo sbando?
In quattro anni si sono susseguiti sulla panchina bianconera i seguenti allenatori: Didier Deschamps, Giancarlo Corradini, Claudio Ranieri, Ciro Ferrara e Alberto Zaccheroni. Cinque eroi che si sono sobbarcati in avventure più grandi di loro stessi, in balia di venti contrari da ogni dove e senza nessuno a tutelarli quantomeno dalle correnti interne.
Su Claudio Ranieri lo scorso anno sono state scaricate tutte le colpe di alcune figuracce rimediate di certo non per colpa dell’allenatore: “L’ho mandato via perché gli voglio bene”, disse Jean Claude Blanc, uno che vuole più bene a Ranieri, dunque, che a sé stesso. Qualcuno avrebbe dovuto quantomeno chiedere scusa al tecnico di Testaccio. Non è successo ma lui, da gran signore qual è, si è preso le sue rivincite e non ha voluto infierire sul conduttore della Corrida bianconera.
Quest’anno è andata addirittura peggio, con un progetto congegnato male e messo in pratica peggio: Ciro Ferrara, che di colpe ne ha comunque anche lui, è stato lasciato alla mercé dello spogliatoio nella speranza che dal cilindro tirasse fuori qualche coniglio, alla Guardiola insomma. Da buon capatosta napoletano, Ciro ci ha messo tutto l’impegno e la voglia ma è stato fagocitato in un vortice ben più forte di quello nel quale è stato attirato l’anno precedente il tecnico romano. Nello spogliatoio bianconero, infatti, sono stati introdotti transfughi Lippiani, con l’obiettivo si studiare “il nemico” e preparare l’invasione post mondiale.
Qualcuno dovrebbe chiedere scusa anche a Ciro, per averlo usato e abusato in maniera indegna.
Infine fu Zaccheroni… Come dicevo, dopo i primi risultati positivi, ottenuti grazie al proverbiale “cul de Zac” è stato subito bollato da Blanc: “E’ l’uomo della provvidenza, potrebbe restare anche l’anno prossimo”. E fu il diluvio universale… Il tecnico ex Milan inanella una serie di trovate degne del peggior Mister Tinkerman (l’ultima ieri sera con la sostituzione Grygera-Del Piero) che fanno aleggiare su di lui il fantasma di Ciro e della sua Danette. Ma non si può e non si deve infierire su Zac, un gran lavoratore: cosa volete che si combini con una rosa costituita da campioni logori alla quale sono stati aggiunti negli anni fior fior di bidoni e per giunta strapagati (per ultimi i due brasiliani)? Gli ottimi risultati ottenuti alla risalita in Serie A hanno ingolosito tennisti, pallavolisti e tutti gli altri figuri che troneggiano in società tanto da convincerli che con qualche acquisto mirato si sarebbe vinto subito: e allora giù a comprare vagonate di bidoni… Tiago, Poulsen, Melo, Diego, Grosso, Cannavaro… E chi si illude che spendendo 80 milioni di euro nella prossima stagione si possa rimediare a questo scempio si sbaglia di grosso: davvero pensate che possa agilmente rifondare questa rosa? Il rischio è di ritrovarci la prossima stagione con 40 calciatori, poiché sfido chiunque di voi a vendere alle cifre che ci sono costati i  vari Felipe Melo, Diego, Poulsen, Amauri… A meno di non regalarli al Corvino di turno. Non vorrei proprio essere nei panni del prossimo tecnico. Da tifoso mi auguro sempre il meglio per la squadra per la quale mi batte il cuore e mi duole lo stomaco, ma non vedo il cielo sereno all’orizzonte. E a passare un’altra stagione come quella in corso, non mi ci voglio proprio rassegnare. E voi?

Di Mirko Nicolino

7 commenti

  1. scusate, ma i conti non tornano. ferrara e zac hanno avuto la stessa “rosa costituita da campioni logori alla quale sono stati aggiunti negli anni fior fior di bidoni e per giunta strapagati (per ultimi i due brasiliani)..”. zac è arrivato dopo, avendo a disposizione l’esperienza di ciro e sapendo dove mettere le mani, mentre ciro partiva da zero, con un progetto sbagliato dalla società a cui cercare di dare una forma. nonostante ciò la media punti/partita è abbondantemente a favore del napoletano. come se non bastasse zac ci ha fatti uscire pure dall’europa league (contro il fulham, credo si scriva così) e stasera contro l’udinese ha messo in campo la peggiore juve degli ultimi 30 anni, una vera agonia calcistica. se ferrara è un pippa zac che cosa è? la verità è che la squadra fa pietà e non c’è nessun allenatore che possa rendere vincente questo gruppo. e cmq ferrara è stato più bravo di un allenatore di grande esperienza. che la colpa non fosse sua è una cosa indiscutibile. io ero fra i detrattori di ciro, ma ammetto di avere sbagliato.

  2. con tutto il bene che gli voglio,rimango dell opinione che sia lui che deve chiedere scusa per non essersi dimesso aubito dopo l uscita dalla champions,altro che” io so capatosta” e non mi dimettero mai! ma per piacere..

  3. Io personalmente con Ferrara non devo scusarmi.Spiace vedere fuori dalla Juve ,l’unico dirigente che di calcio ne’ masticava un bel po’.Fare l’allenatore in Italia è semplice solo x chi allena l’inter.

    Poi siamo tutti bravi a parole a fare i DS e gli allenatori in campo..

    Vorrei vedere chi di voi è capace di mettere in campo una Juve vincente senza scrivere le solite formazioni con Ribery,Aguero e Pizzaballa.

    La colpa è di tutti ed anche di quei tifosi che lasciano la curva vuota per protesta.Io vivo lontanto ed oggi non posso piu’ muovermi come prima…ma in quello stadio domenica ci saro’…il mio pensiero è fisso li’!

    forza juve

  4. Gli infortuni non sono una scusante ma contano, o almeno, secondo me, hanno contato tantissimo…Per quanto riguarda lo Zac io, anche se perdiamo, ho molta più fiducia in lui che in Ferrara quando perdeva. Certo che il futuro prossimo è molto buoio…l’unica soluzione è arrivare quarti ma le speranze si affievoliscono.. se dovessimo farcela confido nel lavoro estivo di Bettega…penso che si possa risollevare la situazione che oggi è quasi tragica…

  5. Enrico Fracassi

    Non avevo colto la finezza…:-D

  6. Per carità… l’ho pure scritto: Ferrara di colpe ne ha anche lui. La cosa è più sottile: devono chiedergli scusa proprio per averlo messo in panchina! 😀
    “Ma non si può e non si deve infierire su Zac, un gran lavoratore: cosa volete che si combini con una rosa costituita da campioni logori alla quale sono stati aggiunti negli anni fior fior di bidoni e per giunta strapagati (per ultimi i due brasiliani)?” 😉

  7. Enrico Fracassi

    Ferrara è una pippa, indipendentemente da Zac.
    Chiedergli scusa per cosa? Per essere una pippa? Mi pare ridicolo anche il pensiero.
    Zaccheroni non puo’ fare molto, con 11 scansafatiche in campo. Ieri sera ha messo 7 difensori ed è riuscito lo stesso a prendere 3 pappine dal Napoli. Secondo voi è davvero colpa di Zac, tutto questo?
    Questi fannulloni vanno mandati a casa.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi