On. Paniz: "Restituite gli scudetti alla Juventus" | JMania

On. Paniz: “Restituite gli scudetti alla Juventus”

Maurizio Paniz, avvocato bellunese di 62 anni, fondatore dello Juventus Club in Parlamento è stato intervistato dal Sole24 Ore ed è tornato sulle nuove intercettazioni di Calciopoli, che questa volta vedono coinvolti anche dirigenti di spicco di Inter e altre società. E non usa mezzi termini nel rivendicare i due scudetti sottratti alla Juve: “li …

scudetto-28-29-juveMaurizio Paniz, avvocato bellunese di 62 anni, fondatore dello Juventus Club in Parlamento è stato intervistato dal Sole24 Ore ed è tornato sulle nuove intercettazioni di Calciopoli, che questa volta vedono coinvolti anche dirigenti di spicco di Inter e altre società. E non usa mezzi termini nel rivendicare i due scudetti sottratti alla Juve: “li abbiamo vinti e ce li devono restituire”.

Un colpo di spugna su Calciopoli, questo vorrebbe, da juventino?
Un momento, torniamo a quegli anni.

Prego
Dissi: se vinciamo il Mondiale facciamo come nell’82, nel ’34 e nel ’38: grandi vittorie, grande clemenza. Fui profeta.

A metà
Ecco il problema. Si corse affannosamente dietro a una verità parziale, come era già chiarissimo dall’inizio, imbarcandosi in una clamorosa fuga in avanti. Salvo poi scoprire, come era logico, che i fatti erano molto più complessi.

E compromettenti
Inoffensivi, invece.

Scusi?
Di Calciopoli restano due processi azzerati: i bilanci della Juve, con la triade assolta con formula piena a Torino, e le frodi sportive a Roma, tutti assolti, solo Moggi condannato per violenza privata, un episodio. Ora aspettiamo Napoli, io ho già il sospetto che…

Quindi, per lei, pilotare sorteggi degli arbitri, blandire il designatore, darsi di gomito, controllare il controllore…
C’è nulla di male, anche perché cosi facevan tutti, lo sta vedendo?

Tutti colpevoli, tutti innocenti?
Il fatto è che quelle condotte, nei codici sportivi, hanno un nome: «Violazione del principio di lealtà e correttezza», articolo 1 del regolamento.

Dice poco?
Non c’era l’illecito sportivo volto dolosamente ad alterare il risultato delle competizioni. La verità è che nessuno riuscì a farlo.

Ma scusi, ammesso anche che sia così, lealtà e correttezza dovrebbero essere il fondamento della competizione sportiva
E infatti chi lo viola è punito.

Quindi?
Ma il punto è che le sanzioni per quelle infrazioni non sono nè la retrocessione nè la sottrazione di punti nè di titoli: solo la sospensione temporanea del tesserato che se ne rende responsabile.

Insomma, rivuole gli scudetti 2005 e 2006
Certo, ci spettano di diritto, codici e regolamenti alla mano. Ce li hanno sottratti, anche in modo non elegantissimo.

Perché?
Ci fu troppa fretta e poi…

Poi?
Lo dico scherzando: c’era un interista come commissario, se lo ricorda?

Ora ci vuol mettere pure la “legittima suspicione”?
Mannò, il problema è più alla radice: la Juve non meritava quel trattamento, come oggi non lo meriterebbero altri. Torniamo al campo e ai verdetti storici dello sport.

E magari stacchiamo anche i telefoni
Ma dai, erano chiacchiere al vento, ormai è chiaro no?

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi