O Capitano mio Capitano | JMania

O Capitano mio Capitano

O Capitano mio Capitano

(Di Gaver) Non può essere un giorno come altri; non può esserlo per chi, da sempre, tifa per una maglia a strisce bianconere, non può esserlo per chi, da 20 anni circa, con quella maglia ha visto battagliare uno dei giocatori più forti di sempre.\r\nSenza graduatorie, senza classifiche da stilare o da interpretare ma, Alessandro …

(Di Gaver) Non può essere un giorno come altri; non può esserlo per chi, da sempre, tifa per una maglia a strisce bianconere, non può esserlo per chi, da 20 anni circa, con quella maglia ha visto battagliare uno dei giocatori più forti di sempre.\r\nSenza graduatorie, senza classifiche da stilare o da interpretare ma, Alessandro Del Piero è stato, è, uno dei più grandi di sempre.\r\nUn uomo fuori da ogni schema, tanto elegante da apparire a volte inverosimile, educato, cordiale e simpatico come l’amico che vorresti; ma, dentro al campo verde, un interprete sublime del football, uno dei geni massimi che la nostra penisola pallonara abbia partorito.\r\nOggi, dicevo, non è un giorno come tanti; oggi ha fine, dal mero punto di vista contrattuale, il vincolo tra Alessandro e la Juventus, ovvero ha termine il sodalizio tecnico che ha legato questo emblema sportivo (e non) Italiano alla società più blasonata di casa nostra.\r\nUn velo di tristezza non può non affiorare, il pensiero non può non andare a quel Foggia-Juve di tanti anni fa, dove il Trap faceva esordire un giovanissimo Alex, sparuto e quasi intimidito, ma già con le stimmate del campione.\r\n\r\nIn questi anni Alex ha saputo donarci ogni sorta di emozione, ha saputo sorprenderci, confonderci, rallegrarci, renderci tristi e infinitamente felici… Ma sempre e comunque ha saputo essere il più grande punto di riferimento per ogni tifoso! Ha saputo essere il migliore, un capitano capace di dare, fuori come dentro al rettangolo da gioco, quel marchio tutto personale di uomo vero prima che di gran calciatore, un interprete sempre fuori dal coro capace di gesti mai banali, mai scontati.\r\nSussurrando senza sbraitare, parlando senza urlare, dirigendo senza imporre, ha saputo essere un Capitano più unico che raro.\r\nDa più parti ho udito levate di scudi a discapito del comportamento della società; ma penso che, per il bene della Juve, i due abbiano già parlato, e molto,di quel che Alex è e sarà sempre per la Juve.\r\nLe cariche non contano, non si programmano, non hanno l’importanza di certi sguardi e di certi apprezzamenti o di standing ovation che stadi di caratura mondiale gli han donato. Un giorno, quando sarà quello giusto, Alex e la Juve saranno di nuovo insieme, nei modi e nei tempi che entrambi riterranno opportuni.\r\nOra non affrettatevi a dimenticarlo, a rimpiangerlo o a chiederne un ridimensionamento, trattatelo semplicemente per quel che è: un monumento calcistico nazionale che, per fortuna, ha indossato i nostri colori.\r\nSe a Manchester inneggiano Giggs, a Madrid “el buitre” o a Barcellona Guardiola… Non siate tristi o invidiosi, noi abbiamo Alessandro del Piero.\r\nQualcuno storcerà il naso perché, sappiatelo, il Belpaese delle meraviglie sa essere sempre molto autolesionista; ma voi siate caparbi e, senza dir nulla, invitateli a godersi, tra i tantissimo altri momenti di calcio assoluto, questo minuto in silenzio di un Juve-Fiorentina di tanti anni fa.\r\nQui non è il gol che ha fatto la differenza tra lui e gli altri….la differenza è che gli altri, in quel frangente, non avrebbero pensato di tirare!\r\nCiao Alex… A presto.

LEGGI ANCHE  Dura lex, Stadium lex

5 commenti

  1. C’è solo un capitano. Per sempre.

  2. Alessandro Magno

    Grandissimo Del Piero. Campione Uomo e Capitano vero. L’unico capace di emozionarmi sempre in campo e anche fuori dal campo. La sua ultima lettera sul sito mi ha fatto venire i lucciconi agli occhi. Continuero’ ad usare questo mio nikname in tuo onore. A presto Capitano.

  3. Il primo gol della sua carriera bianconera fu fantastico, ma non dimenticherò mai il primo “alla Del Piero” contro il Borussia Dortmund: ci fu pure un periodo in cui non poteva segnare altrimenti.

  4. quel famoso gol in juve vs fiorentina fu il biglietto da visita di un CAMPIONE che si affacciava sulla scena calcistica che conta. il volo di quel ragazzino a domare un pallone”impossibile” per collocarlo all’incrocio dei pali resta un’ICONA del calcio. Alex e’ stato IL CAMPIONE DI TUTTI anche se indossava la maglia della juve. Spero che in futuro possa continuare a mettere la sua intelligenza e la sua classe al servizio della juve, magari come PRESIDENTISSIMO.

  5. capitan sparrow

    Scusate se mi ripeto: veder uscire Alex dallo spogliatoio di Rimini mi ha fatto capire (e con me a tutti gli juventini) che la Juve era ancora viva, sarebbe rinata. Allora non lo sapevo, ma in quel momento stavo iniziando a vivere la serata di Trieste. Grazie, Alex, anche per questo.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi