Nuova rubrica: Farsopoli! Quale più grave di questa? | JMania

Nuova rubrica: Farsopoli! Quale più grave di questa?

Da ora Juvemania.it offrirà a tutti i suoi lettori una nuova rubrica, nella quale sarà possibile leggere ed informarsi sui fatti che si stanno verificando a Napoli. Il nostro obiettivo non è quello di presentare documenti, testimonianze e cose simili perchè questo e non solo viene fatto dalle redazioni di Ju29ro.com, GiulemanidallaJuve ecc. Il nostro …

Da ora Juvemania.it offrirà a tutti i suoi lettori una nuova rubrica, nella quale sarà possibile leggere ed informarsi sui fatti che si stanno verificando a Napoli. Il nostro obiettivo non è quello di presentare documenti, testimonianze e cose simili perchè questo e non solo viene fatto dalle redazioni di Ju29ro.com, GiulemanidallaJuve ecc. Il nostro vero scopo è quello di analizzare a 360° tutte le clamorose sviste fatte dalla giustizia sportiva e il trattamento che gran parte dell’informazione italiana ci riserva.

La prima intercettazione da far notare è quella più grave, e vede a telefono Facchetti, con il designatore degli assistenti Mazzei. Quasi tutti i media italiani hanno riportato, sia sui giornali, sia sul web solo la prima parte, nella quale anche se l’ex dirigente interista chiede di bypassare i sorteggi, comunque non mette in risalto nessun tentativo concreto di ordinare un arbitro.

Mazzei – Sono in macchina che vado a Coverciano..

Facchetti – Sceglili bene per domenica sera eh..

Mazzei – Il n.1 e il n.2, da quello che penso, Ivaldi e Pisacreta

Facchetti – Ivaldi e Pisacreta?

Mazzei – Eh sono il n.1 e il n.2

Facchetti – Si certo, e il n.1 degli arbitri..

Mazzei – Eh si, speriamo che ci caschi con questo sorteggio del cavolo, che ci caschi il n.1..

Facchetti – Non li non devono fare i sorteggi, ci devono..

Mazzei – Come si fa Giacinto, purtroppo ci vuole fortuna

Facchetti – Ma dai..

Mazzei
– Ti dico la verità, qui un sorteggio lo fa un giornalista, devono studiare una griglia e le possibilità sono più alte…
Questo già evidenzia il mal costume del sistema calcio. Il punto però è che la linea cade e avviene un’altra chiamata sempre tra i due esponenti calcistici. Ecco la trascrizione:

Facchetti – Pronto

Mazzei – Si scusami

Facchetti – Eh lo so…in macchina  è così

Mazzei – Il problema è quello…l’unica cosa si ehm…devono studiare una griglia dove le possibilità sono più alte per lui

Facchetti – Ma si…Mettono…mettono De Santis che ha già fatto la Juve domenica e non può…mettono Rosetti che è di Torino

Mazzei – Ma devono lasciare un campo aperto di almeno un 50% per quello che è scritto nel regolamento, mi sembra…

Facchetti – Eh?

Mazzei – Devono lasciare un campo di probabilità di almeno un 50% da quello che ho capito per il regolamento

Facchetti – Ah…

Mazzei – Eh…non possono forzare con le preclusioni…almeno un 50% di possibilità mi sembra eh…c’è scritto sul regolamento. Dopo ne parlo con Bergamo

Facchetti – Ah va bene…

Poi la conversazione sta finendo e l’argomento non viene più trattato.

Analizzare questa intercettazione è d’obbligo. Nella prima parte ci sono due fatti da mettere in evidenza:

1) Facchetti conosce in anteprima i nomi dei due  guardalinei (che saranno poi quelli della partita)….Pensate che a Moggi come capo d’imputazione c’è scritto che conosceva i nomi degli arbitri e dei suoi assistenti, dopo il sorteggio ma prima della comunicazione ufficiale. E ora si viene a sapere che addirittura c’erano dirigenti che sapevano i nomi degli assistenti (gli unici che potevano essere designati) prima di tutto.

2) Facchetti dice “Non li devono fare i sorteggi…ci devono”. Questo fa capire che almeno cerca di “scavalcare” i sorteggi.

Nella seconda parte invece vi troviamo cose molto più gravi:

3) Facchetti suggerisce a Mazzei di far inserire nella griglia 2 arbitri (De Santis e Rosetti) preclusi e metterci Collina, che poi naturalmente sarebbe uscito. Mazzei spiega che da regolamente non si può fare…anche se ne parlerà con Bergamo.

4) Infine si evince anche il fatto che i sorteggi erano regolari altrimenti Mazzei non spiega all’ex bandiera interista tutte le norme .

Trovare un’intercettazione di Moggi (o Giraudo) più grave di questa è impossibile semplicemente perchè non c’è. Nonostante ciò, secondo il mio parere, neanche questa è da articolo 6 perchè rientra nel famoso “mal costume” generale. Ma dal momento in cui quelle di Moggi ci hanno fatto retrocedere in serie B, l’Inter per questa dovrebbe andare in serie C o D. (Antonello Angelini dixit).

Stefano Luongo

2 commenti

  1. tutto questo mal costume ha portato a una sola unica certezza di pena e quella pena l’abbiamo pagata noi molto gratuitamente e frettolosamente come se non ci fosse altra via di scampo..via il dente via il dolore..ma qui non si parla di odontoiatria e’ molto piu’ grossa la cosa tanto grossa che moggi non avrebbe potuto gestire come si vuol far credere ..difatti alla luce dei nuovi fatti e intercettazioni precedentemente omesse o nascoste si evince come il mal costume fosse generale ma non proibito da nessun regolamento all’epoca dei fatti mentre ora lo e’ dal 2006 strano vero?? e questa trovata chiamata prescrizione e’ stata messa in atto proprio per non poter scavare nel passato e colpire altri protagonisti,quelli veri di tutto questo circo delle streghe..la sola cosa che sappiamo di sicuro e’ che noi da allora abbiamo perso tutto oltre la credibilita’e qualcun altro ancora ne gode i benefici…piu’ chiaro di cosi..

  2. bisogna inanzitutto sconfiggere la falsa stampa tipo gli Italo Cucci oppure quell’ottuso di Liguori , questa e una bella battaglia, ma nella speranza che il primo se ne vada in pensione, per il secondo che e manovrato politicamente ci aspettiamo le vicende da Napoli.
    Voglio solo sapere come va a finire dal punto di vista sportivo , il sig Palazzi come si esprimerà visto che nel PALAZZO aimè sono sempre loro.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi