Non aspettavano altro: è sempre Juve vs tutti | JMania

Non aspettavano altro: è sempre Juve vs tutti

Non aspettavano altro: è sempre Juve vs tutti

(Di Gaver) Già, non aspettavano davvero altro per poter scatenare su web e sulle solite radioline&testatine (Milanesi&Romane in primis) dibattiti pseudo-tecnici assillanti tendenti, secondo discutibili teorie, a identificare la vera forza europea della Juve. Tutti pronti a buttare in campo ogni propria conoscenza e critica calcistica che sarebbero solo, secondo illogiche giustificazioni, un mezzo per …

(Di Gaver) Già, non aspettavano davvero altro per poter scatenare su web e sulle solite radioline&testatine (Milanesi&Romane in primis) dibattiti pseudo-tecnici assillanti tendenti, secondo discutibili teorie, a identificare la vera forza europea della Juve. Tutti pronti a buttare in campo ogni propria conoscenza e critica calcistica che sarebbero solo, secondo illogiche giustificazioni, un mezzo per meglio conoscere quale potrebbe essere il cammino continentale bianconero. Un grazie di cuore per queste premure, ma avremmo accettato anche maggiori considerazioni dinanzi ai successi e non solo facili e futili giudizi dinanzi ad un passo falso che, per carità, ci può comunque stare.

Invece, oggi tutti a rimarcare i 9 pareggi consecutivi in Champions della Juve, esprimendo così una non conoscenza calcistica che fa paura, questo poichè mi chiedo come si può equiparare il cammino di Del Neri con quello di Conte-Alessio-Carrera? Appunto, non si può, e questo lo capirebbe chiunque abbia un solo grammo di conoscenza calcistica capace di permettere un’analisi seria e imparziale di una serata, di una prima parte di champions, che può certo definirsi non catastrofica, come invece da alcune latitudini vedo sentenziare! Ieri sera i 3 punti erano d’obbligo, è fuor di dubbio, d’altronde anche i 32 tiri in porta recriminavano una sorte migliore, ma non me la sento assolutamente di giudicare una squadra che da un anno e mezzo non conosce rivali in Italia e che sta, con ogni ragionevole sforzo, tentando di risalire la china anche in campo internazionale. E’ probabile che si stia pagando uno scotto forse un tantino esagerato con quello che è un ritorno alla più grande competizione di un club ricostruito da zero, in ogni sua componente, ma d’altra parte sono persino fiducioso dinanzi a questi 3 pareggi; la fiducia arriva sempre da una mentalità che non si acquisisce a Coverciano o sui banchi di scuola o in radio o in tv, ma è una mentalità che solo chi ha respirato certe emozioni può profondere ai propri giocatori.

Conte, Carrera e anche lo stesso Alessio sono stati protagonisti, da calciatori, di serate magiche che solo chi si confronta con i piu grandi può vivere; la loro mentalità e la loro esperienza sapranno dare il giusto peso a questi pareggi, sapranno rendere producente un passaggio della stagione che tutti adesso guardano con ragionevole dubbio. Per certi versi potrebbe persino essere un vantaggio, nel senso che vedo un beneficio nel mezzo passo falso di ieri, cioè quello di ridare alla squadra un po’ di quella fame un tantino assopita, almeno in campo europeo, che invece è venuta prepotentemente fuori nel secondo tempo di ieri, seppur bloccata da difesa avversaria e da imprecisioni proprie; ma era quello l’atteggiamento giusto, è fuor di dubbio!

La Juve deve acquisire la mentalità, deve rendere proprio il pensiero che non può contare su nulla e nessuno, che dovrà in ogni caso aspettarsi sempre critiche spropositate e complimenti inversamente proporzionali ai propri sforzi e successi, e questo per un solo e semplice motivo…perché è la Juventus, società che per una strana ed incerta alchimia o si odia o si ama; ma qui aprirei un dibattito lungo giorni sulle responsabilità di mezzi e uomini di informazione che hanno alimentato negli anni un’ombra madornale sui bianconeri, mentre han sempre sottaciuto su ogni altra lacuna di qualsiasi altro club Italiano, ma va bene anche così, essere la Juve è anche questo.

Da oggi si riparte verso un nuovo obiettivo, in direzione di quell’azione mentale capace di far rendere al massimo ogni sforzo in campo, come succede in Italia, come succede ad altri in Europa, ma che se da una parte deve prevedere una sempre maggiore applicazione e dedizione dei calciatori, dall’altra deve anche vedere attuata una diversa politica da parte della società, la quale per carità sta facendo grandi sforzi economici e sta risultando molto lungimirante, basti pensare ad alcuni esempi come Pogba o Caceres, o ad altri giovani di gran prospettiva come Masi, Boakye o Leali, ma dall’altra deve anche entrare nell’ottica di avere in rosa giocatori che sappiano essere un crack proprio per serate come quelle di ieri.

Concordo relativamente con Marotta, perché se effettivamente le società Italiane, per motivi che è lunga analizzare, non possono permettersi esborsi economici da 30 milioni e passa per un cartellino più relativo ingaggio, di contro penso che cercare sul mercato quel giocatore che sappia coniugare necessità realizzative e di bilancio non sia impossibile; vale per tutti l’esempio di Klose… Uno come il tedesco ieri sera avrebbe di certo fatto vincere la gara, non ho alcun dubbio in tal senso. Auguro alla squadra di riprendersi immediatamente e di scrollarsi ogni malcontento che non ha senso esserci, poiché bastano due vittorie consecutive allo Stadium per rimetere tutto a posto e la Juve, la miglior Juve, può farcela tranquillamente; i 32 tiri in porta di ieri sera e l’impresa sfiorata a Stamford Bridge lo dimostrano.

Ma confido anche nella società; stimo molto Matri e Quagliarella, ma probabilmente non hanno, per diversi motivi, lo spessore tecnico necessario in Europa, Bendtner è tutto da scoprire e chissà se saprà adattarsi ma non credo che sia il “bomber” di cui parlavo, ed i soli Vucinic in primis e Giovinco in seconda battuta non bastano per un cammino europeo dignitoso. Al gufo di turno appollaiato sull’albero invece do appuntamento a fine girone; ma il gufo è furbo, in quanto parlar in corso d’opera gli consente di avere una minima voce da esprimere, mentre se tacesse fino alla fine potrebbe rischiare come l’anno scorso di esplodere in preda alle proprie frustrazioni.

saluti

10 commenti

  1. si ma il problema dell’attaccante rimane! non possiamo illuderci…la juve di quest’anno per un motivo o un altro non ha la stessa intensità dell’anno scorso. E lo scudetto lo abbiamo vinto per l’intensità messa in campo dai ragazzi. Se ci becca una squadra come la fiorentina che l’anno scorso ne ha prese 5 e quest’anno ci ha fatto sudare, qualcosa significa.

    Corriamo meno, e posso capirlo perchè dobbiamo gestire le forze e trovare altre vie per essere i + forti, ma Lucescu per alcune cose ha ragione…siamo ripetitivi…Giovinco non è un campione ma è l’unico insieme a Mirko che ci dà fantasia e imprevedibilità. Se rientra da sinistra in corsa, può fare male. Ma è un assist man non un goleador. Quello manca…e vi assicuro che con uno come Trezeguet (che in un 4-3-3 poteva anche stare fermo in attacco, lo ha sempre fatto pure Inzaghi quando aveva 20 anni) in questo inizio di campionato eravamo a quota 30 gol segnati e non 19

  2. Luca, sono daccordo e aggiungo che, secondo me dobbiamo solo iniziare a vincere. Serve solo una vittoria e poi non la smettiamo più.

  3. parlare cosi male di una squadra che non perde da 47 partite in italia e da 9 in europa mi sembra eccessivo….l’unico appunto che posso fare è che nel 1° tempo non siamo entrati abbastanza “cattivi” e per il resto se nn facciamo giocare i vari deceglie, matri, lucio, isla ecc. con i danesi ditemi voi quando….se avessimo messo dentro una sola delle tantissime occasioni staremmo qui a dire che anche con le seconde linee siamo fortissimi e che conte è un genio per fare turn over e vincere uguale (sabato col napoli hanno segnato due delle seconde linee), io addirittura visto che vidal (comprensibilmente) è un po sottotono (gioca sempre ed ha appena fatto mezzo giro di mondo con la nazionale) avrei schierato dall’inizio pogba o marrone…..cmq nulla è ancora perso e con le prossime 2 vittorie a torino ci qualificheremo.portiamo + rispetto a dei ragazzi che danno sempre l’anima! sempre forza juve30

  4. @Roberto: Odiare Marotta mi sembra un setimento eccessivo, d’altronde è palese come non sia lui a cercare e reclutare effettivamente i calciatori. Lui è un ottimo AD, ma il DS è Paratici e, anche alla luce degli acquisti da te elencati, va fatto un plauso all’operato della dirigenza. In Italia nessuno ha forza e soldi per contrapporsi a sceicchi, petrolieri e banche (Real&Barca). Da qui la politica dei giovani e di qualche scommessa che, non sempre renderà ma, a medio termine, può dare soddisfazioni.
    Penso, ad esempio, a LEALI,MASI,CHIBSAH,F.ROSSI,GABRIEL,BOUY,BOAKYE,GABBIADINI,IMMOBILE e altri, tutta gente che sta facendo, chi piu e chi meno, esperienza positiva, e tutti nazionali di categoria. E’ questa la strada da seguire. Poi, da 10-15 magari saranno in 3-4 a confermarsi a livello assoluto, ma è gia un traguardo. Per me, vedere ieri in campo Giovinco MArchisio e De ceglie (+ Marrone in panchina), è stato motivo di gran soddisfazione.

  5. @ARTHURAVENUE: Toni è un 76′, il danese un 88′. E’ lecito anche guardare al futuro, al di la dei valori individuali anche quelli, permettimi, adesso omlto discutibili. Purtroppo gli anni passano per tutti. saluti

  6. Roberto.

    Ti vorrei come D.G. della Juve.

    Assolutamente d’accordo con te.

  7. FORSE E UN PO PRESTO per appendere al muro Bendtner, visto che Conte come sua abitudine ha difficolta ad accogliere giocatori che LUI non ha battezzato ( VEDI ELIA , KRASIC ) , ma certo avendo in casa un egregio giocatore italiano come Tony e stato inutile sacrificarlo ( PER LA SOLITA PRESUNZIONE ) per poi andare a prendere uno simile ma meno duttile …….Rimane il fatto che in attacco tra Matri non pervenuto e Giovinco sempre a caccia delle cose difficili per stupire ,siamo messi male .Anche un Jaquinta non stonerebbe li in mezzo..Questa e la societa che non ha voluto tenere uno come Del Piero…Io comunque credo che il turno lo passeremo ……

  8. Non recrimino nulla alla juventus se non che SERVE UNA PUNTA.

    E questo lo dico da un bel po’.

    L’acquisto di Bendtner per me è stato il solito ripiego dell’ultimo minuto alla Marotta un po’ come Rinaudo e Traorè.

    Gia’ l’anno scorso l’unico difetto era che producevamo troppo gioco per i goal segnati quindi il primo e massimo obbiettivo era UNA PUNTA che non e’ stata presa per il solito attendismo incomprensibile di marotta.

    Il giorno che andrà via per me sarà grande festa lo odio profondamente quasi più di Blanc e Secco.

  9. Togliere Giovinco dalla juve significa togliere quel poco di fantasia che ci è rimasta. Semmai togliamogli un pò di responsabilità..ricordo che Vucinic ha impiegato più di 6 mesi l’anno scorso prima di cominciare a Giocare!
    E cmq sono fiducioso per il proseguio in coppa..

  10. per favore togliamo il nano (giovinco) dalla lista dei titolari della Juventus. Meritiamo ben altro…
    Non è capace a metterla dentro.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi