Nesta: "Mi piace il nuovo corso Juve, torneranno a vincere" | JMania

Nesta: “Mi piace il nuovo corso Juve, torneranno a vincere”

Nesta: “Mi piace il nuovo corso Juve, torneranno a vincere”

Intervistare Alessandro Nesta è un privile­gio raro. Non ama i titoloni, non ama i proclami: per que­sto ha scelto di parlare poco, in tutta la sua carriera. E da quando lo avevano dato per ex, peggio, gli avevano consi­gliato di diventare un ex, par­la ancora meno. Ma sono 15 mesi che, al suo posto, parla …

Intervistare Alessandro Nesta è un privile­gio raro. Non ama i titoloni, non ama i proclami: per que­sto ha scelto di parlare poco, in tutta la sua carriera. E da quando lo avevano dato per ex, peggio, gli avevano consi­gliato di diventare un ex, par­la ancora meno. Ma sono 15 mesi che, al suo posto, parla il campo: miglior difensore dello scorso campionato, lo avrebbe­ro voluto portare persino ai Mondiali, se solo lui avesse detto sì. Con il senno di poi, forse è stato meglio così. Or­mai, non gli bastano più le soddisfazioni personali, però. Vuole di più, vuole tornare a vincere con il suo Milan. E la sfida di sabato sera, in questa chiave, è già fondamentale.

Alessandro Nesta , quanto vale questa partita con la Juventus?
«Tanto, tantissimo. Se vuoi vincere lo scudetto, e noi lo vo­gliamo, devi avere continuità. Arriviamo da 4 vittorie conse­cutive, questo è già un bel se­gnale. E poi battere la Juve dà una carica speciale: mental­mente, ti lancia ancora di più».

È giusta la squalifica di Krasic?
«C’è un giudice, è lui che deci­de. La regola, però, deve vale­re per tutti: anche per i gioca­tori del Milan, se dovessero es­sere protagonisti di un episo­dio analogo».

Cosa ne pensa di questa Ju­ventus?
«Dopo Calciopoli si sta rico­struendo e non era facile. Le perdite, economiche e tecni­che, sono state pesantissime. Quest’anno ha comprato mol­ti giocatori e anche bravi. Tor­nerà a vincere».

E la nuova dirigenza?
«Sul campo la dirigenza non conta. Però questi personaggi mi piacciono: non hanno nulla di cui vergognarsi e stanno fa­cendo un ottimo lavoro».

Sabato, quasi certamente, le toccherà riaffrontare Del Piero…
«E lo farò con grandissimo piacere. Sono contento che sia ancora protagonista, lo cono­sco da sempre, come avversa­rio e come compagno. E’ un ra­gazzo che mi piace, che parla poco ma che quando parla di­ce sempre cose intelligenti. E che ha saputo assumersi le sue responsabilità».

Ma non crede che lui, o Tot­ti, finiscano per condiziona­re un po’ troppo le squadre in cui militano?
«Ma no. La realtà è che quan­do giochi ormai da parecchi anni, se magari fallisci due partite parte il ritornello: è un giocatore finito. E invece ma­gari le partite le fallisci anche a 20 anni».

L’intervista completa è sull’edizione odierna di Tuttosport

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi