Nella preparazione fisica i segreti del nuovo Pirlo | JMania

Nella preparazione fisica i segreti del nuovo Pirlo

Nella preparazione fisica i segreti del nuovo Pirlo

E’ parti benissimo, poi un calo di intermezzo, e di nuovo la forma smagliante di inizio stagione. Stiamo parlando di Andrea Pirlo, uno dei protagonisti fin qui della cavalcata bianconera. Acquistato prima ancora di scegliere il tecnico, Pirlo ha saputo adattarsi perfettamente agli schemi di Conte (e il tecnico a lui) sancendo una sorta di …

E’ parti benissimo, poi un calo di intermezzo, e di nuovo la forma smagliante di inizio stagione. Stiamo parlando di Andrea Pirlo, uno dei protagonisti fin qui della cavalcata bianconera. Acquistato prima ancora di scegliere il tecnico, Pirlo ha saputo adattarsi perfettamente agli schemi di Conte (e il tecnico a lui) sancendo una sorta di patto scudetto con un abbraccio dopo il primo gol della Juve a Bergamo. Tra Pirlo e la Juventus, e Pirlo e Conte c’è ormai un rapporto indissolubile che va al di là del discorso tecnico. Il tecnico bianconero non perde occasione per elogiare l’ex milanista sottolineandone la professionalità, l’impegno e la dedizione. D’altronde Pirlo ha sposato sin da subito il progetto della Signora, con la quale ha ritrovato motivazioni e voglia di primeggiare.

Ma dietro la rinascita, sempre che di rinascita si possa parlare, c’è anche un discorso fisico. Pirlo era stato confinato da Allegri ai margini del Milan, dopo un tentativo di cambio di ruolo, ma giunto a Torino, il regista della nazionale azzurra si è subito calato in una nuova realtà fatta di nuovi metodi di allenamento rivelatisi subito molto redditizi per il suo fisico. Come riporta la ‘Gazzetta dello Sport’, da quando è alla Juventus Pirlo ha affrontato “meno salite, più corsa lunga, meno palestra, più intensità in campo, meno vasche di sabbia, più elasticità, ma soprattutto meno pesi e più macchine isoinerziali grazie alle quali il muscolo si rafforza ma non si accorcia”.

Una serie di cambiamenti che fanno sentire Pirlo – lo ha confermato egli stesso – doppiamente meglio, quasi avesse addirittura il doppio della forza nelle gambe. E i risultati sono quelli che parlano per lui: Pirlo corer e si batte anche in fase di ripiego, ma soprattutto nonostante i 32 anni è sempre tra i primi per la distanza percorsa in campo. Un esempio su tutti: contro il Milan in Coppa Italia ha percorso 11 chilometri, solo Giaccherini ha fatto meglio di lui… Manca solo il golo, l’ultimo siglato in maglia rossonera il 2 ottobre 2010 a Parma. Chissà che domani l’occasione non sia nuovamente propizia…

12 commenti

  1. Salvatore Aragri

    Ovviamente parli di vucinic.. ma ovvio 1 che viene definito cosi ; vucinic potrebbe essere forte quanto ibrahimovic se solo lo “volesse”… gia peccato che nn lo voglia prp visto che gioca 1 partita bene 10 male..

  2. xLuke
    Pirlo anche ad 1/3 del suo potenziale rimane comunque il miglior regista del campionato. Mi dispiace ma Pirlo è inopinatamente indispensabile a questa Juve. Non fosse altro che al momento è l’unico vero fuoriclasse titolare. L’altro, potrebbe esserlo, ma ormai ho capito che è una versione aggraziata di Alen Boksic.

  3. @Kurtz: quello di Pirlo indispensabile per me è un mito da sfatare. Abbiamo fatto signore partite con Pirlo a metà servizio: Milan, Inter, Palermo, Fiorentina…

  4. Ogni volta che lo vedo in campo sono assalito dalla sottile e leggera angoscia che possa farsi male. Sono arrivato alla conclusione che questo fuoriclasse è più importante per noi di quanto lo sia Ibra per il MIlan. Spero che Antonio prima o poi trovi il modo di farlo riposare.Gioca ininterrottamente dal Trofeo Moretti in avanti. Anche se secondo me, al momento – nonostante qualcuno sostiene il contrario candidando Marrone – non ci sono centrocampisti capaci di giocare davanti alla difesa. Attenzione, non parlo di sostituti all’altezza di Pirlo, altrimenti bisognerebbe andare a pescare nel Barca, ma di qualcuno che in quella posizione assicuri il minimo sindacale. Pazienza era uno di questi, ma incomprensibilmente lo abbiamo venduto. Che il dio del calcio ce lo preservi, altrimenti la vedo nera…disse la contessa camminando sugli specchi!!

  5. E’ finito il calcio, meglio evitare certi discorsi 😉

  6. Nemmeno io ho visto sta differenza di velocità. Anche perché se si pensa che in c. I. spesso gioca chi ha meno spazio, vai a dire al giovane che corra poco. Del Piero è semplicemente alla frutta fisicamente.

  7. Non mi pare di aver visto differenze di velocità nel gioco tra campionato e coppa italia. Con la roma, ad esempio siamo andati a duecento all’ora. E c’era del piero in campo… Forse sono stato distratto… boh

  8. delpiero ti può far la differenza solo in coppa italia perchè la coppa italia a altri ritmi in campionato si corre corre come dei TIR

  9. Ti sei chiesto che forse il fatto di avere 6 anni in più possa influire? Del Piero ha 38 anni eh…

  10. ma a Delpiero questa preparazione non ha dato gli stessi risultati….anzi sembra più lento di parecchio!!

  11. Pensa che soddisfazione per Andrea arrivare davanti al Milan che tremare il mondo fa!! ah ah ah

  12. Ahahah, andatelo a dire ad Allegri e agli osannatori del “Milan Lab”.
    Il mister, poi, piuttosto che sentirsi fare l’ennesima domanda su Pirlo si mangerebbe spaghetti e merda.
    E ogni volta ribadisce “Andrea ha fatto la sua scelta”…sí certo, come Maldini fischiato e cacciato a calci in culo.
    Milan style.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi