Calciopoli & Co Interviste

Narducci esulta: “Spazzata via la cupola. Le intercettazioni degli altri non rilevanti”

Scritto da Redazione JM

Sono più che soddisfatto per come è andato a finire il processo: è un risultato notevolissimo, che premia un lavoro enorme e svolto tra mille avversità”. E’ raggiante l’ex Pm di Napoli, attuale assessore al Comune di Napoli e amico di Massimo Moretti, Giuseppe Narducci. Piaccia o non piaccia, Calciopoli ha emesso la sua sentenza di primo grado: “E’ stata spazzata via la più grande operazione di mistificazione mai condotta in questo paese attorno ad un processo. La sentenza riconosce l’assoluta verità probatoria raggiunta dalle nostre attività investigative e accoglie in pieno la nostra impostazione, stabilendo che quella che operò in quel periodo fu un’associazione per delinquere e che quello era un calcio malato e corrotto – ha spiegato Narducci all’interno di ‘All Sport News-Speciale Calciopoli’ in onda su Premium Calcio -. Alla fine hanno contato i fatti che noi abbiamo dimostrato, respingendo qualsiasi operazione che cercava di allontanare la verità”. Verità che cercava di celare, secondo Narducci, una difesa alquanto inconsistente: “L’atteggiamento della difesa di Luciano Moggi non ha pagato, si è rivelato inconsistente: non ha provato in alcun modo a confutare quello che noi sostenevamo, o almeno a fornire una versione diversa dei fatti per come noi li prospettavamo. In sostanza è un atteggiamento di chi non è teso a dimostrare la propria innocenza o estraneità, ma piuttosto a dire che c’erano anche altri a fare quelle cose: operazione buona solo dal punto di vista mediatico. Anche altri dirigenti hanno avuto colloqui con la classe arbitrale e non sono stati trattati allo stesso modo? Quelle intercettazioni non avevano lo stesso valore probatorio dei colloqui che hanno riguardato gli attuali imputati e la sentenza ci ha dato ragione anche in questo”. Anche se se questa affermazione, sconfessaquanto dettoci dal Procuratore Palazzi che aveva chiesto l’articolo 6 per l’Inter, salvatasi solo grazie alla prescrizione…

13 Commenti

  • Narducci, parla poco, che a breve sgameremo anche questo inciucio.\r\nI giudici di Napoli hanno ricevuto “pressioni” esterne.\r\nLo dimostrerà in pieno l’uscita delle motivazioni, in cui non potranno far altro che arrampicarsi sugli specchi senza vergogna.\r\nDio vi punirà.

  • E’ inutile arrabbiarsi a causa di certa gente ,,,,,,,,,,,,,,, era stato pesantemente, e giustamente, attaccato dalla difesa e adesso si toglie qualche soddisfazione …………………. questo non è il mio paese ……….. i potenti ed i prepotenti hanno sempre ragione Narducci=De Magistris=Travaglio=Moratti=De Laurentis=Preziosi=Collina=Guido Rossi tutte persona perbene ……….. noi delinquenti e ladri ………… meglio una vita in B e delinquenti che essere come loro

  • sono queste le persone che ti fanno pensare…. CHE SCHIFO di paese siamo diventati !!!\r\n\r\nGente miracolata dai potenti e dalla politica,,,,, VERGOGNA !!!!

  • Caro narducci in realtà secondo l’accusa le telefonate di altri dirigenti non esistevano!!! altro che meno rilevanti…le avevate tenute nascoste….

  • Intanto invece di esultare aspettiamo il 3 grado di giudizio caro Pm dei miei coglioni…..o non esiste più in italia la presunzione di innocenza?Poi visto che la Juventus F.c. è stata riconosciuta estranea ai fatti e dunque cade la responsabilità oggettiva, mi spieghi Lei cortesemente per conto di chi faceva tutte ste magagne moggi.Per se stesso?Ma vedi di andartene affanculo…..e infine se le altre telefonate di altri dirigenti che ti invitano alla presentazione dei libri, non hanno valore probatorio, perchè palazzi contesta all’inter la violazione dell’art.6?Vattene nuovamente affanculo……pensa piuttosto come promesso col tuo sindaco del cazzo di risolvere il problema della monnezza a napoli….che vi sta affogando….non c’è storia dovunque vai te porti apprresso un sacco de merda!!!!!!!!!!!!!!!!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi