Napoli - Juventus, Platini: "I bianconeri hanno ritrovato il Dna vincente" | JMania

Napoli – Juventus, Platini: “I bianconeri hanno ritrovato il Dna vincente”

Napoli – Juventus, Platini: “I bianconeri hanno ritrovato il Dna vincente”

Michel Platini, ex numero 10 della Juventus e attuale Presidente Uefa, ha parlato al quotidiano ‘Il Mattino’ della sfida tra Napoli e bianconeri, da sempre una delle più sentite nel campionato italiano. “Avversari in campo, non fuori. Avevamo differenti stili di vita, però c’era grande rispetto – esordisce ‘Le Roi’ ricordando i duelli con Maradona …

Michel Platini, ex numero 10 della Juventus e attuale Presidente Uefa, ha parlato al quotidiano ‘Il Mattino’ della sfida tra Napoli e bianconeri, da sempre una delle più sentite nel campionato italiano. “Avversari in campo, non fuori. Avevamo differenti stili di vita, però c’era grande rispetto – esordisce ‘Le Roi’ ricordando i duelli con Maradona -. Erano gli altri a volerci mettere contro, non soltanto come giocatori di Napoli e Juve. Però Maradona ha partecipato alla mia partita d’addio e io alla sua. Ci siamo sentiti, la stima è intatta. In un Napoli-Juve era un giorno di pioggia e io avevo avvertito Tacconi, ti farà gol su punizione: andò così. Vincevamo e perdevamo contro il Napoli”. Tra gli aneddoti che più sono rimasti nella memoria di Platini ce n’è uno del 1985: “Ricordo quella domenica dell’85. Il Napoli non batteva da tanto tempo la Juve, noi avevamo vinto le prime otto partite in campionato ed eguagliato uno storico record, il San Paolo era pieno. Maradona ci fece gol. Se penso a quelle partite, mi viene in mente il servizio militare, non è qualcosa di piacevole, è duro, tuttavia a distanza di anni ti resta un bel ricordo. C’era un clima ostile a Napoli perché quella era considerata non una partita, ma la partita dai tifosi. All’inizio degli anni ’80 non era la sfida scudetto, lo diventò dopo l’arrivo di Maradona. Eravamo considerati i grandi rivali, però l’ambiente era strepitoso, sotto certi aspetti simpatico anche per gli avversari. Ho il ricordo delle donne, anche anziane, che si affacciavano ai balconi quando passava il pullman della Juve e ce ne dicevano tante…”.
Poi l’ex fantasista bianconero anticipa la partita di domani sera al San Paolo: “Nel campionato italiano ci sono grandi club come le milanesi, la Juve, la Roma, il Napoli, che è tornato ad alti livelli in questi ultimi anni e sta facendo molto bene. Esistono i cicli vincenti e poi le sorprese: ricordo che un anno lo scudetto è stato vinto dal Verona. In questa prime settimane la Juve è andata al vertice della classifica, possibile che ritrovi la dimensione che ha perso nelle ultime stagioni. Ho visto la partita di sabato contro l’Inter in tv. Il carattere è nel Dna della Juve, lo aveva anche la mia: è una cosa assolutamente bianconera questa. Non mi chieda come finisce comunque non credo che riuscirò a vederla perché ho un impegno in Norvegia. Magari se trovo un po’ di tempo e un televisore”, conclude Platini.

2 commenti

  1. lo ripeto caro Michel, da giocatore ti ho ammirato tanto (eri Le Roi) ma come uomo UEFA mi hai deluso..

  2. [email protected]

    quanto mi piacerebbe vedere platini consegnarci la champions league dopo averla vinto….

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi