Napoli-Juventus: nella notte petardi esplodono sotto le finestre dei bianconeri | JMania

Napoli-Juventus: nella notte petardi esplodono sotto le finestre dei bianconeri

Napoli-Juventus: nella notte petardi esplodono sotto le finestre dei bianconeri

Sono stati accolti coi botti i Campioni d’Italia a Napoli. Intorno all’una di questa notte, come riporta ‘Tuttosport’ sotto le finestre dell’albergo in cui alloggia la Juventus sono esplosi un paio di petardi. Nulla di che, ma la cosa ha disturbato il sonno di Conte e soci, che da ieri sono letteralmente blindati per evitare …

tifosi-napoli-albergoSono stati accolti coi botti i Campioni d’Italia a Napoli. Intorno all’una di questa notte, come riporta ‘Tuttosport’ sotto le finestre dell’albergo in cui alloggia la Juventus sono esplosi un paio di petardi. Nulla di che, ma la cosa ha disturbato il sonno di Conte e soci, che da ieri sono letteralmente blindati per evitare incroci con alcuni scalmanati che non aspettano altro che l’occasione giusta. Per l’arrivo della Juve non capoluogo campano, infatti, la Questura di Napoli ha disposto già da ieri un servizio di controllo davanti al Grand Hotel Parker’s al Corso Vittorio Emanuele.

Già all’arrivo nella serata di ieri i bianconeri sono stati accolti da qualche centinaio di tifosi azzurri che hanno lanciato uova contro l’autobus e hanno insultato con alcuni cori l’allenatore Antonio Conte e il centrocampista Marchisio. Per garantire la sicurezza dell’evento in programma stasera, la Questura ha rafforzato i controlli nei punti sensibili della città e anche sui tifosi che stanno giungendo da tutta Italia.

Clicca qui per vedere il video dell’accoglienza napoletana alla Juventus

5 commenti

  1. Manuel, tranquillo, in linea di principio potrai avere tutte le ragioni…. Il fatto è che se avessimo fatto ciò che suggerisci a chi avrebbe giovato tutto ciò? Non certo a noi! Oggi avremo una Supercoppa in meno e una partita persa a tavolino, col Napoli che ci soffia sul collo… Bel risultato non c’è che dire!!! Noi dobbiamo andare avanti per la nostra strada senza curarci delle bassezze altrui, che rimarranno tali a prescindere dalle nostre reazioni. La verità è che noi Juventini siamo soli contro tutti da sempre, e voler sbattere il muso contro questa realtà facendo le vittime non sortirebbe alcun effetto. L’unica strada è continuare a vincere, fregandocene delle offese e delle provocazioni. Tanto non saranno mai delle pietre gettate contro un pullman, o dei cessi rotti allo stadio, o delle parolacce a fare la storia; a fare la storia sono le vittorie, e la Juve è nella storia del calcio proprio per questo!

  2. A parte il fatto che dopo Pechino io Presidente della Juve a Napoli avrei mandato al massimo la Primavera per un buon allenamento e visto che non abbiamo le “palle” per gesti veramente forti andiamo pure avanti a farci devastare la parte ospiti del nostro stadio, a far scegliere l’arbitro agli altri, a non farci dormire la notte in albergo, a farci prendere per i fondelli dal primo minuto al novantesimo da un somaro coadivato da asini.

    Sopratutto passiamo sopra con il sorriso fra i denti al fatto di averci rotto un finestrino del pulman che è arrivato alla stadio solo grazie all’intervento dei celerini.

    Se non abbiamo girato il pulman allora non lamentiamoci più se tutti e dico tutti in italia praticano quello che è diventato il vero sport nazionale :sputarci addosso.

  3. E’ stata una vergogna far arrivare, a partita ampiamente iniziata, in ritardo i pulman dei tifosi juventini. La fantasia dei napoletani non ha limiti.

  4. Da napoletano.. sono delle latrine..!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi