Mourinho: "La squalifica? Un'altra medaglia sul mio petto" | JMania

Mourinho: “La squalifica? Un’altra medaglia sul mio petto”

Mourinho: “La squalifica? Un’altra medaglia sul mio petto”

“C’è un regolamento per Josè Mourinho ed uno per gli altri allenatori. Ciò che possono fare loro a me non è permesso. La sanzione nei miei confronti è storica“. Così Josè Mourinho commenta la squalifica di due giornate (una con la condizionale) comminatagli dall’Uefa per le sostituzioni pilotate durante il match di Champions tra Real …

C’è un regolamento per Josè Mourinho ed uno per gli altri allenatori. Ciò che possono fare loro a me non è permesso. La sanzione nei miei confronti è storica“. Così Josè Mourinho commenta la squalifica di due giornate (una con la condizionale) comminatagli dall’Uefa per le sostituzioni pilotate durante il match di Champions tra Real Madrid e Ajax. “C’era molta gente che mi aspettava al varco? – continua Mourinho – Mia nonna è morta molti anni fa, ma ricordo tante cose che mi diceva quand’ero piccolo: una era che se la gente ti invidia devi essere felice e non preoccupato. A me succede esattamente questo. Queste non sono sanzioni ma medaglie: io non posso uscire dall’area tecnica e altri sì. Io non posso raccogliere un pallone destinato a un avversario e altri sì. Io non posso parlare al quarto arbitro e altri sì. Tutte queste per me sono medaglie, va bene così“. Insomma, la teoria del complotto, più volte sbandierata durante la sua permanenza in Italia, non è tramontata con il suo trasferimento in Spagna.
Cambiare atteggiamento? Lo ‘Special One’ non ci pensa proprio: “Io sono io, nel bene e nel male – risponde Mourinho –. Uno non può cambiare la propria identità, e deve restarle fedele: io la penso così“.
Poi qualche battuta sulla ‘manita’ incassata dal Barcellona nell’ultimo turno della Liga: “Negli spogliatoi del Camp Nou ho parlato con i giocatori per tre-quattro minuti, poi non l’ho più fatto, la partita è finita lì. Se mi fossi ritirato dopo aver vinto la Champions non avrei avuto problemi. Ma visto che sono qui e che voglio continuare ad allenare certe sconfitte possono arrivare. Il calcio è così: se io ho fatto 3-4 gol al Barcellona in passato può succedere che loro me ne facciano cinque. Loro sono stati con le orecchie bassissime dopo l’eliminazione dalla Champions, ora le hanno rialzate. Se uno fa parte per molti anni del mondo del calcio, è normale non vinca sempre: il calcio è un boomerang, va e torna“.

5 commenti

  1. Non frantendiamo rispetto il tuo pensiero mou e come ( apparte lo show) lippi,capello, e sacchi e arrogante bravo e fortunato, in piu’ e anke antipatico ma nn si puo certo dire ke nn sia bravo.Se contano i risultati a 2 champions in bacheca una uefa e tanti campionati europei la mano sua al real se vista poi il barcellona e 5 spanne a tutti,per esempio, se il barca gioka contro la juve o l’inter adesso vince 5-6 a 1 va un gol lo concede quella pippona di abidal (lungi da noi l’idea di prenderlo) per tornare a mou secondo me uno ke faceva il secondo di sir bobby robson nn puo essere solo fortunato.E innegabbile ke sia uno dei piu grandi allenatori di adesso il brian clough degli anni 2000 se venisse alla juve sarei contentissimo per 2 motivi:in primis gli sfinteristi, ma poi e un vincente la juve il tecnico vincente nn ce la da parekkio (nnt contro quell incapace di ciro mio concittadino, o il commisario dell’ispettore gadget gli allenatori vincenti sono altri anke ranieri e un perdente ce poko da dire ) almeno al milan l’anno scorso si divertivano con leonardo, quando vedo la juve nn mi diverto ( e nn lo voglio fare l’importante ke si vinka la juve di capello era uno strazio ma vinceva perke piu forte) quella di lippi mi garbava di piu’ pur troppo sono le unike juve ke o visto poi lo scempio di questi tempi ke nn mi va nenake piu’ di parlarne speriamo di arrivare nei primi 3 e l’anno dopo cacciate i 2 profughi doriani.Per poi prendere un grande allenatore o uno degli emergenti ke sia bravino per dirne 1 mazarri e dategli la squadra in mano cioe oltre a questi (apparte le lote ke devono vaporizzarsi prorpio) un grande stopper, un grande centrocampista, e un grande attaccante, e solo un terzino decente (anke adattato) e vedete la skiaccasassi ovviamente senza vendere nessuno dei gioielli ke abbiamo si fa lo sforzo alla faccia del fair play ke nn rispetta nessuno, senno rikiamamate moggi, vendetela agli arabi insomma la juve col palermo in casa nn deve piu perdere neanke con napoli solo le 2 milanesi devono arri are con la testa per poter tentare di fare risultato e de gia troppo !!!!!

  2. Secondo me,è un grande cabarettista. Ha avuto la fortuna di allenare grandi club dove gli compravano di tutto e di piu’.Con la sua arroganza,avrei voluto vederlo con squadre di media-bassa classifica e chissa’ cosa combinava. Spero che accetti il mio pensiero ma io lo detesto,lo odio, non lo sopporto. cmq mi sembra che Pep gli abbia dato una sonora lezione di tattita e di vita. La “MANITA” nn la dimentichera’ mai !

  3. Per nnt mou e un grande allenatore poco da dire !!!

  4. Salvatore, spero che tu stia scherzando !

  5. E antipatico, e arrogante ,e vincente, e da juve !

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi