Moratti non risponde a De Santis, che lo porta in tribunale... | JMania

Moratti non risponde a De Santis, che lo porta in tribunale…

Moratti non risponde a De Santis, che lo porta in tribunale…

Non ha risposto alla raccomandata, ne ri­sponderà in tribunale, do­ve Massimo Moratti sarà chiamato da Massimo De Santis per una causa civi­le di richiesta danni. Un mese fa l’ex arbitro aveva spedito al presidente del­l’Inter una raccomandata con la quale avanzava la richiesta di avviare una trattativa per un risarci­mento danni nei suoi con­fronti. Per …

Non ha risposto alla raccomandata, ne ri­sponderà in tribunale, do­ve Massimo Moratti sarà chiamato da Massimo De Santis per una causa civi­le di richiesta danni. Un mese fa l’ex arbitro aveva spedito al presidente del­l’Inter una raccomandata con la quale avanzava la richiesta di avviare una trattativa per un risarci­mento danni nei suoi con­fronti. Per motivare la ri­chiesta, De Santis citava le note indagini svolte su di lui e su persone legate a lui dalla Polis d’Istinto, l’agenzia d’investigazione di Emanuele Cipriani, le­gato a Giuliano Tavaroli (ex responsabile della si­curezza Telecom). Indagi­ni che erano state commis­sionate dall’Inter dopo che l’arbitro Nucini aveva parlato a Facchetti di vi­cende poco chiare nel mon­do arbitrale e di come Lu­ciano Moggi controllava i direttori di gara e in parti­colare il De Santis.
Quelle di Cipriani furono indagini approfon­dite e scandagliarono la vita dell’ex arbitro (senza per altro trovare nessuna prova della presunta corruzione) e per questo, ora che i fat­ti sono stati accertati da un sentenza del Gup Ma­riolina Panasiti il 28 mag­gio del 2010, De Santis vuole essere risarcito. Nel­la raccomandata del 16 settembre chiedeva a Mo­ratti di avanzare un’offer­ta per iniziare una tratta­tiva, dandogli due setti­mane di tempo. E’ trascor­so un mese senza che i le­gali di De Santis abbiamo avuto notizie da Moratti e a questo punto stanno pre­parando l’azione legale per citare in sede civile l’Inter e chiedere un con­gruo risarcimento danni. Un procedimento analogo a quello già avviato da Ch­ristian Vieri: la richie­sta dell’ex centravanti è stata di 20 milioni di euro. Per quel che riguarda De Santis si parla di una richiesta “ra­gionevole e aderente alla realtà, ma pur sempre equiparata al danno subi­to”.
Insomma, al­la fine De Santis porterà Moratti in tribunale, men­tre non è ancora certo se ce lo porterà anche Lucia­no Moggi a Napoli. I legali di Moggi devo­no, infatti, decidere se nel quadro della loro strategia possa essere utile ascolta­re Moratti. Dovranno deci­dere entro martedì, quan­do il giudice Teresa Caso­ria vuole avere una lista testi precisa fino al 23 no­vembre, termine per la conclusione delle deposi­zioni dei testimoni. In dubbio anche Zlatan Ibrahimovic, che avrebbe dovuto rimanere a Napoli dopo la partita del Milan, che lunedì sera gioca al San Paolo: la deposizione di Del Piero, infatti, è sta­ta molto soddisfacente e potrebbe non essere neces­sario sentire anche l’ex at­taccante juventino.

(Credits: Tuttosport)


5 commenti

  1. This is a great post. very informative and well explained. thanks for this one.

  2. lotta eterna contro farsopoli ed i falsi onesti rosanerazzurri

  3. dovrai restituire tutto il cartone accumulato tra il 2006 ed il 2010 solo grazie al Grande Imbroglio di Farsopoli

  4. Il capo della banda degli “onesti” DEVE essere obbligato a presentarsi in tribunale,x rispondere di tutte le sue malefatte,di tutti gli imbrogli,di tutte le corruzioni fatte in questi anni.

  5. PORTATELO A NAPOLI VOGLIAMO SENTIRE SE SOTTO GIURAMENTO ,CONTINUERA’ A DIRE MENZOGNE ….COM’ E’ NEL SUO STILE.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi