Montali: "La Juventus è la squadra da battere" | JMania

Montali: “La Juventus è la squadra da battere”

«La Juventus è torna­ta la squadra da battere». In at­tesa di risolvere sul campo il dualismo con l’Inter, Gian Pao­lo Montali assegna un primo scudetto all’undici di Ferrara: quello della competitività, «in­sieme all’Inter». Secondo il con­sigliere bianconero è il prodot­to di tre fattori: la crescita della società, un mercato ben conce­pito e la mano del …

montali«La Juventus è torna­ta la squadra da battere». In at­tesa di risolvere sul campo il dualismo con l’Inter, Gian Pao­lo Montali assegna un primo scudetto all’undici di Ferrara: quello della competitività, «in­sieme all’Inter». Secondo il con­sigliere bianconero è il prodot­to di tre fattori: la crescita della società, un mercato ben conce­pito e la mano del tecnico. Pro­prio nei suoi primi passi Monta­li, che è stato allenatore giova­nissimo e di successo, ricono­sce le stimmate del talento vin­cente. Dice: «Ferrara ha una di­sposizione naturale per questo mestiere. Ha personalità, espe­rienza, idee chiare e coerenza. E non s’accontenta».

Dopo un 3° e un 2° posto, non vincere sarebbe una delusio­ne?
“L’obiettivo è quello, anche a costo di deludere le aspettati­ve. Ma bisogna avere il corag­gio di pensare in grande.La squadra è tornata altamente competitiva, ora è necessario sputare il fiato in ogni partita, ogni allenamento, lavorare sui dettagli, prevenire i momenti di criticità e supportare squadra e allenatore “.

Annullato il gap dall’Inter?
«Sulla carta ha ancora qualco­sa in più delle altre. Ma in cam­po non va la carta, ci vanno i giocatori con le loro motivazio­ni. Vogliamo misurarci con av­versari fortissimi, e l’Inter lo è. Più forte è l’avversario e più no­bile sarà la mia vittoria».

E alla Juve di chi sarà l’anno?
«Sarebbe facile dire Diego che sta impressionando tutti. Per­ciò dico Del Piero, che in una stagione magari diversa dimo­strerà quanto vale, e Buffon, perché i dubbi fanno male a me oltre che a lui, che è un atleta straordinario. Punto sulla vec­chia guardia».

Il ritorno di Ranieri…
“Sono felice che la Juve, battendo la Roma, gli abbia restituito indirettamente quel che gli aveva tolto, cioè una panchina”.

Il futuro di Montali?
“Mi sono sempre occupato di vittorie e di progetti. Voglio mettere a frutto questi tre anni a Torino e continuare a crescere. Entro un paio di mesi vedremo con la proprietà cosa è meglio per me e per la Juve”.
(Gazzetta dello Sport)

2 commenti

  1. La squadra da battere è ancora l’Inter in ogni caso, visto che sono i campioni d’Italia.
    Noi siamo fortissimi, possiamo vincere lo scudetto, ma non si può ancora dire che siamo la squadra da battere, al massimo a metà campionato possiamo dirlo.
    E poi su Montali neanche io ho capito che ruolo abbia, consigliere in ambito di mercato? di bilancio? di che?

  2. il suo ruolo ancora non l’ho capito..consigliere di chi e di cosa???
    Ho saputo che era tra quelli che hanno spinto la societa’ ad investire su Melo,quindi qualcosina ha fatto…..

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi