Moggi "Riaprite i processi e mandate l'Inter in B" | JMania

Moggi “Riaprite i processi e mandate l’Inter in B”

Moggi “Riaprite i processi e mandate l’Inter in B”

Dopo le ultime dichiarazioni di Giuliano Tavaroli, che ha accusato Telecom e l’Inter di aver spiato Luciano Moggi, ‘Canalejuve’ ha raggiunto proprio l’ex direttore generale della Juventus per chiedergli un parere su queste ultime indiscrezioni. “Erano cose evidenti già sei anni fa – dichiara Moggi – La cosa strana che mi domando è come mai …

Dopo le ultime dichiarazioni di Giuliano Tavaroli, che ha accusato Telecom e l’Inter di aver spiato Luciano Moggi, ‘Canalejuve’ ha raggiunto proprio l’ex direttore generale della Juventus per chiedergli un parere su queste ultime indiscrezioni. “Erano cose evidenti già sei anni fa – dichiara Moggi – La cosa strana che mi domando è come mai ci fosse allora a capo della Federazione un certo Guido Rossi, guarda caso pure ex consulente Telecom e membro del Consiglio di Amministrazione dell’Inter… Tavaroli ha semplicemente detto quello che si sapeva, ovvero che mi spiavano e l’Inter era a conoscenza di tutto. E’ una vergogna senza fine, non aggiungo altro. Adesso stanno arrivando tutte le conferme di quanto ho sempre sostenuto. Il loro obiettivo era chiaro, far fuori la Juventus. Chi vince troppo evidentemente dà fastidio…”.

Purtroppo, anche se venissero confermati reati di spionaggio industriale, il tutto sarebbe prescritto…

Credo che di fronte a cose del genere la Federazione non possa rimanere ferma. Questa situazione è più grave di Scommessopoli. Hanno distrutto economicamente una società ai vertici del calcio mondiale, insieme ai suoi dirigenti, in maniera indegna. Se c’è un po’ di buon senso bisognerebbe riaprire il caso alla luce di queste ultime dichiarazioni di Tavaroli e mandare l’Inter in serie B. Piuttosto che dichiararsi incompetenti quelli della Federazione dovrebbero iniziare a prendere provvedimenti. Siccome nessuno ha il coraggio di farlo, allora farebbero bene ad andarsene a casa perché il calcio è in queste condizioni per colpa di chi comanda, ha aggiunto Moggi

Sulle battaglie che sta conducendo Agnelli, infine Moggi spiega:

Sicuramente qualcuno dovrebbe riflettere quando ha detto a quei tempi, mandateci in B siamo colpevoli..Andrea Agnelli deve continuare la sua battaglia. Sto dalla sua parte, conoscendolo so che andrà avanti fino in fondo.

20 commenti

  1. maiellabianconera

    per gli amici iuventini, mi intrometto nel discorso dicendo che condivido in pieno l’analisi di Zampi ( la seconda) e di lonemax sulla complessità della “famiglia”. Questa idea il sottoscritto l’aveva già espressa in altro blog (iojuventino) tempo fa.La mia preoccupazione e che al “ramo vincente” della juve non frega niente.La cosa è dimostrato dal fatto che non “intervengono” pur essendo soci della RCS su quei giornali che sparano …..sulla Juve.Sono sicuro che se “loro”avessero, poco poco mostrato un qualche interesse non ci sarebbe stato intorno alla squadra tutto questo casino.La mia domanda è:a chi giova tutto questo? Non ditemi a Moratti o Berlusconi…..non è vero o almeno non sono i soli……

  2. moratti, il Prescritto, come i politici: ruba e non paga mai

    Facchetti, auricchio. moratti, galdi, baldini, nucini, narducci, abete e guidorossi eterni sinonimi di vergogna mondiale

  3. Tutti gli Juventini, e non solo, sanno che in tutta questa farsopoli, chi ci ha rimesso le penne è solo la JUVE. Nonostante si conosce la verità e giornalmente vengono fuori nuovi particolari che dimostrano chi sono i veri ladri e disonesti nel calcio, siamo costretti a lottare per discolparci e toglierci il fango che ci hanno buttato addosso.
    I giornali e TV (quasi tutti anti-Juventini), danno SOLO notizie di parte.
    Naturalmente, essendo in Italia, lottiamo, da soli e contro i “mulini a vento”.
    Chi dovrebbe riaprire i processi???
    Chi dovrebbe farglieli riaprire???
    Chi dovrebbe mandare l’inter in B???

  4. la mia paura è che solojuve si avvicini alla realtà; d’altronde mi sembra che john e grande steven siano nel cda dell’editrice che controlla quella specie di giornale milanese; possibile che siano sempre in minoranza sulla linea editoriale?

  5. Il kaino è sempre stato un interista uno dei pochi della “famiglia a NON amare la JUVE! Lui non è particolarmente sveglio ed è,o meglio era, sotto la custodia di monnezzemolo che lo istruiva ….Del kaino MAI fidarsi è un NEMICO anche se davanti ai denari si inchina…. Fu lui nel dicembre 2004 a contattare BLANC a MARRAKES in MAROCCO !!!! Lì iniziò la trama per “uccidere” la JUVENTUS e una lotta spietata con il ramo UMBERTIANO che poi venne sconfitto con l’aiuto del nano e del ratto…

  6. @lonemax. dubbio legittimo ma se l’avvocato lo aveva scelto come suo successore, deve avere delle qualita’ e le ha dimostrate, io sono un suo ammiratore. andrea e’ un bravo ragazzo intelligente e capace, ma non ha le qualita’ di elkann,jhon ovviamente, deve essere guidato e consigliato. questione di dna, almeno io la vedo cosi’.

  7. @zampi condivisibile quello che scrivi; l’unico dubbio è lo ruolo di john elkann: se è come pensi tu e si è fatto carico della situazione ed esposto alla critica, bisogna rivalutarlo assolutamente, se invece era alternativo a suo cugino… beh allora cambia il giudizio.

  8. @lonemax. condivido la tua analisi. noi tifosi cerchiamo risposte e conferme alla nostra covinzione che la juve sia stata vittima di un sistema perverso e in parte lo e’. entrare nei meandri di un’organizzazione complessa come la galassia agnelli e’ cosa impossibile, ma tu rafforzi le mie sensazioni e cioe’ che, in un momento difficile per la famiglia, elementi esterni abbiano tentato di destabilizzare questo gruppo complesso ed eterogeneo subito dopo la scomparsa dei leader storici. non fu immune nemmeno la fiat da questi attacchi, ed e’ per questo che, secondo me, e’ entrato in azione il “fuoco amico”…… nella persona di jhon elkann forse? personaggio molto simile all’avvocato, pragmatico e realista, ha intuito il pericolo e riunite le truppe, ha contrattaccato a pieno organico sapendo che il suo attacco avrebbe avuto effetti collaterali, la juve appunto, ma allora le priorita’ erano altre e piu’ urgenti. ripresa in mano la situazione ha condotto in porto la nave bianconera affidandola prima in mani”amiche” per evitarne il collasso finanziario, quindi al cugino andrea per il rilancio, e lasciando a lui il compito di far capire a chi di dovere che la juve e’ tornata in mani solide e sicure e che non sarebbero state piu’ tollerate certe manovre di pirati dilettanti di nota provenienza. sbaglio o e’ cosi’?

  9. @zampi credo che la situazione sia un po’ più complessa: quando parliamo della “famiglia”, non parliamo solo di agnelli, ma di un gruppo di un centinaio di persone che portano cognomi come: nasi fustenberg, elkann, piaggio, caracciolo, de phalen e altri ancora, aggiungici grande steven e gabetti del consiglio d’amministrazione di exor e abbiamo un quadro più completo. più facile pensare che all’interno di questo centinaio di persone si siano formati dei gruppi di potere alternativi uno all’altro (tra banchieri e industriali stiamo parlando delle famiglie più importanti italiane ed anche europee)e che ora ha il soppravento una parte, ora l’altra; tanto è vero che mi sembra di aver capito che giraudo “tenga ancora i conti” o sia consigliere del ramo agnelli e delle famiglie ad esso riconducibili; ciò che è capitato alla juve potrebbe essere un effetto collaterale, vittima del “fuoco amico”.

  10. certo che e’ cosi’ alessandro. e’ chiaro che moggi ” ha creato un suo sistema per difendersi”, guarda che moggi era un grande nel suo mestiere, non per nulla merdatti lo ha cercato ripetutamente, ma proprio perche’ conosceva ” il sistema” ha agito di conseguenza. ti pare che quella juve avesse bisogno di aiuti? ma moggi e giraudo erano 2 professionisti e avrebbero operato cosi’ anche al milan o all’inter o in qualsiasi squadra.gli agnelli gli avevano dato le chiavi dell’azienda juve. moggi ha ceduto vieri per 24 milioni e l’avvocato l’ha saputo a cose fatte quando giorni prima lo stesso avvocato aveva rassicurato il consiglio di amministrazione che vieri rimaneva certamente alla juve. quello che faceva moggi non lo sapeva nemmeno sua moglie. e’ cosi’ che si opera in quel mondo di vipere. ovviamente l’avvocato se ne e’ compiaciuto, lo avevano pagato 6 milioni. moggi aveva gettato le basi per contratti con tamoil per 500 milioni in 10 anni e altrettanti con mediaset per i diritti televisivi. merdatti si e’ fatto 4 conti e si e’ chiesto, quando vincero’ io finche’ c’e’ in giro questa corazzata? inoltre siccome e’ un demente aveva venduto roberto carlos e preso un tale pistone. e guarda che non e’ esente nemmeno il prode silvio in questo inciucio. ecco che hanno deciso di mettere in piedi la piu’ colossale BUFALA” sportiva del secolo. che ha partorito un topolino tanto e’ vero che la sentenza non parla di illeciti ma di “una serie di azioni non conformi al comportamento etico che configurano un’illecito”.moggi ha ragione quando dice mostratemi una prova di illecito. l’ex inquisitore, il vecchio de biase che mando’ in b il milan beccandoli a scambiarsi assegni disse, in base a questi indizi, juve in serie a con 2 punti di penalizzazione al massimo per comportamento non regolamentare e aggiunse, non si condanna nessuno per telefono senza prove di illecito. giornali media opinione pubblica scatenati contro i ladri i corruttori, via tutti gli scudetti, come se i mali dell’italia fossero solo la juve. oggi purtroppo vediamo che non e’ cosi’. ora se la juve fosse stata un covo di corruttori come avrebbe fatto a risorgere piu’ forte di prima, perche’ e’ cosi’.come si giustificano oggi merdatti e il nano che arrancano fra bilanci disastrosi che li seppelliranno.no antonio non svremo giustizia finche’ in giro ci saranno questi nani e ballerine. per quanto riguarda moggi si e’ un grande ma la sete di potere e’ una brutta bestia che alimenta invidie e risentimenti. la juve ha pagato per colpa del sistema ma e’ risorta grazie a gente tenace e capace ed e una realta’ di livello mondiale. facciamo valere i nostri diritti nelle sedi opportune senza entrare in polemica con gente che nega anche l’evidenza. io ho 62 anni ed e’ sempre stato cosi’. bisogna vincere e basta e VINCEREMOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

  11. Alessandro dolfi

    E qui l’inter è stata brava a ‘passare’ da innocente…ed ogni volta che ‘parlano’ loro…sembrano sempre…vittime…ma:

    a) chiesero loro di spiare
    b) con le intercetazioni che sono uscite anche su di loro, palazzi li condannò ad illecito sportivo (art. 1 e art. 6)…ma purtroppo…era passato troppo tempo

  12. Alessandro dolfi

    Io non so sinceramente la verità mi baso anche su certe mie sensazioni, moggi sicuramente era uno furbo e su certe cosa ha anche esagerato facendosi prendere la mano, ma era una situazione dove TUTTI si comportavano cosi’ per fare pressioni sui designatori. Ora, dato, che sono uscite solo le intercetazioni JUVE, il MONDO intero era tutto contro la Juve e quindi era la Juve che parlava e si accordava per gli arbitri ed è la Juve che ha pagato. Quello che è successo dopo (troppo tardi ormai)..non conta nulla per l’immagine e per far cambiare idea alle persone. Che tristezza.

  13. resta comunque il mistero della richiesta serie b con penalizzazione dell’avv. zaccone che, dopo aver letto i capi d’accusa disse esterrefatto: sulla base di queste accuse ci mandano in serie c che significava il de profundis per la juve. non lasciarono spazio per la difesa. ora mi chiedo: chi costrui’ quell’impianto accusatorio, e ancora, se la juve fosse andata fino in fondo bloccando campionati e coppe per le squadre italiane cosa sarebbe successo? non lo sapremo mai.la mia sensazione e che scomparsi gli agnelli senior,la juve rimaneva in balia di moggi e giraudo, persone certamente capaci ma che per sopravvivere avrebbero avuto bisogno di ingenti capitali, non dimentichiamo che aveva un parco giocatori obsoleto e con contratti faraonici. inoltre, essendo moggi e giraudo in possesso di un pacchetto azionario consistente, avrebbero trovato un qualsiasi finanziatore che rilevasse la quota utile per raggiungere la maggioranza.a quel punto gli agnelli avrebbero perso la juve con buona pace di noi juventini. a questo punto, a malincuore, la famiglia accetto’ il dato di fatto e con un po’ di cinismo si sbarazzo’ in un sol colpo di moggi e giraudo che a quel punto risultarono gli unici colpevoli. si vocifera che moggi avesse chiesto aiuto nientemeno che a berlusconi con quali conseguenze non oso immaginare.la juve non era colpevole, ma fu vittima di circostanze ed eventi che precipitarono con la morte di giovanni prima e umberto subito dopo. sintomatica fu la risposta che giraudo diede a un’ingenuo LAPO ELKANN che sosteneva di volere un gruppo gestito piu’ col sorriso e la simpatia che non con metodi rigidi e refrattari a qualsiasi ingerenza anche da parte della famiglia, giraudo rispose lapidario: ricordati che in 12 anni la tua famiglia non ha sborsato un’euro e non e’ certo col sorriso che fai quadrare i conti. jhon elkann che e’ un po’ piu’ disincantato di lapo recepi’ il messaggio e agi’ di conseguenza lasciando in un secondo tempo ad andrea il compito di riabilitare, giustamente, il nome della juve.ma temo sia troppo tardi, quando si fa una scelta, sia pure per proteggersi,bisogna pagare pegno. questa ovviamente e’ una mia interpretazione supportata da diversi indizi dell’epoca, ma a volte la realta’ e’ piu’ semplice di quel che sembra. juve forever.

  14. Alessandro dolfi

    Pepe scusate

  15. Alessandro dolfi

    Ragazzi due considerazioni:

    1) Abete = Gruppo Abete = 60% di Telecom Media News non toglierà mai lo scudetto a l’inter e farà di tutto per contrastare la juve e quindi non commenta neanche i discorsi sullo spionaggio dato che nessuno tranne tuttosport ne parla o non ne vuole parlare…che tristezza…

    2) Da quando è stato detto che ufficialmente non metteremo la terza stella…sono stati scagionati Bonucci e Pere…e non si parla ogni minuto..dal telegiornale alla stampa alla televisione di Conte e Buffon…ora dico..io…sarà un caso?

  16. Qui ci sono delle cose che nn mi tornano… Come è possibile che appena esce qualche cosa sulla juve o su suoi tesserati (vedi oggi pepe, giorni scorsi buffon, bonucci, conte) scoppia lo scandalo e vedi i mostri sbattutti in prima pagina e su tutti i siti (ovviamente senza essersene accertati dei fatti) e quando escono notizie veritiere contro l ‘ inter nessuno pubblica (eccetto i siti juve) mai un CAXXO??? Poi sento che Narducci il pm di napoli pubblica un libro che cita come il sistema juve aveva potere sugli arbitri, il sistema milan sui guardalinee e l’ INTER??? L’ inter era la vittima di turno (CON CHE CORAGGIO VISTO LE DICHIARAZIONI DI TAVAROLI)… Come fa un libro del genere a uscire in commercio???? E’ ovvio che a qualcuno conviene sostituire una verità con un ‘ altra…VERGOGNA!!!

  17. Capitan Haddock

    OT: penoso intervento di Narducci a Radio 24 per marchetta di un libro. Imbarazzo di Genta su Tavaroli. Delirante pistolotto etico e Nel complesso, una pena.

  18. i nostri dirigenti non sono credibili fino in fondo. Ci hanno delusi una seconda volta, dopo il Tar, ci siamo piegati alla Federazione e rinunciato alle stelle per fare una scritta idiota sulla maglia

  19. E nonostante tutto ci hanno privato anche delle meritate tre stelle. Altro che trattamento equo e restituzione degli scudetti. Dalla semplice situazione delle stelle si è capito quali sono le intenzioni. Poteva essere l’occasione per ribadire la nostra fermezza sull’argomento, invece si è trovato il solito inconsistente escamotage. Se il buon giorno si vede dal mattino, mi sa che anche questa volta ci stanno prendendo per dolcemente per il c….

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi