Moggi: "Povero Moratti... E Ancelotti stia tranquillo" | JMania

Moggi: “Povero Moratti… E Ancelotti stia tranquillo”

Sembrerebbe tutta questione di una clausola rescissoria e di una sua interpretazione. Ne è convinto Florentino Perez, quindi la soluzione del problema, circa il contratto del portoghese, resta nelle mani di Mourinho e di Moratti. Siccome però le clausole non danno adito ad interpretazioni, da quanto trapela si tratterebbe di una promessa che ci sarebbe …

Sembrerebbe tutta questione di una clausola rescissoria e di una sua interpretazione. Ne è convinto Florentino Perez, quindi la soluzione del problema, circa il contratto del portoghese, resta nelle mani di Mourinho e di Moratti. Siccome però le clausole non danno adito ad interpretazioni, da quanto trapela si tratterebbe di una promessa che ci sarebbe stata e che Moratti avrebbe rinnegato: vinci la Champions, gli avrebbe detto il patron e, se vuoi te ne vai dove ti pare. Moratti farebbe ora spallucce – mai fatta una promessa del genere. Da questa diatriba si possono comunque evidenziare due errori grossolani commessi dal presidente nerazzurro: il primo è che non si devono fare mai contratti agli allenatori dando loro la possibilità di poterli rescindere in costanza di vincolo; il secondo, fare promesse non contemplate dal contratto stesso perché, così facendo, si va incontro a pasticciacci. La conclusione vedrà comunque Mou al Real, l’Inter prendere la metà di quanto prevedeva la clausola, Moratti con le pezze… alla ricerca disperata di un sostituto all’altezza, arduo da trovare.
È ormai evidente la fine degli abbracci e l’avvio delle scaramucce. L’impressione è che la promessa ci sia stata, troppo sicuro è apparso Mou. Non si sarebbe spinto tanto, se non avesse basato le sue certezze su una parola di Moratti. In qualunque altra condizione avrebbe rinviato i suoi annunci, e ancor più gli atteggiamenti  connessi (non rientrando ad esempio con la squadra a Milano) a un colloquio almeno preliminare con il
presidente dell’Inter. Resta da chiedersi se ne avesse parlato prima con il Real, ricavandone l’assicurazione di una copertura da parte del club madridista, ma dalle affermazioni di Perez si è capito di no. Non è pensabile
nemmeno che lo Special One e il suo agente Mendes si siano “in – ventati” tutto o forzato la mano su un sì appena accennato. Mendes parla specificamente di un “gentlemen’s agreement”. Dall’altra parte c’è da  chiedersi perché Moratti abbia fattomarcia indietro, trascurando di ricordare l’esistenza di un contratto sotto clausola rescissoria. Quando si è parlato di Sneijder, tra quelli che Mou avrebbe voluto nel suo Real, è stata richiamata forte l’esistenza del vincolo contrattuale. Moratti si sentiva forse salvaguardato dalla clausola, presentendo il rumore dei soldi che gli sarebbero entrati in cassa all’atto della rescissione? Vengo al mio
parere conclusivo sulla vicenda, guardandola da un orizzonte largo come si conviene e richiamando l’opinione che Moratti avrebbe dovuto far di tutto per trattenere Mou, il cui distacco costerà, in termini pratici ,ben più di 16 milioni di euro. Mourinho è stato infatti tutto per l’Inter, tecnico e manager, nel senso italiano che diamo al termine, completo. Moratti potrebbe attutire il colpo ingaggiando Capello. Con chiunque altro farà un passo indietro, che pagherà in risultati e efficacia gestionale.
Resto estimatore di Ancelotti, sebbene la sua deposizione al processo non mi sia sembrata convincente, e non solo per le cose dette, ma anche per come le ha dette. Di conseguenza ne ho parlato in una mia dichiarazione
spontanea dove penso di aver dimostrato che se lui si era sentito “defraudato”in tre partite di quel campionato 2004-05, in altre tre partite doveva essersi sentito più che agevolato. Avrei potuto riportare altre partite del primo campionato post Calciopoli dove egualmente si era sentito vittima di errori arbitrali, segno forse che toccava sempre a lui e al Milan, e stavolta certo io non potevo essere evocato neanche per assurdo. Ma ciò che mi è apparso molto strano è quella sua affermazione che, nelle dichiarazioni dell’immediato dopo gara, avrebbe tenuto un profilo basso dicendo meno di quello che aveva in corpo. Beh, sotto questo aspetto, mi è  parso più sincero Mancini, che ha spiegato alcune sue proteste e arrabbiature del dopo partita con la “foga agonistica” propria di quei momenti. Spiegazione di atteggiamenti del calcio vissuto che mi sonosembrati assai più credibili. Pensierino solito finale. Aspetto sempre Palombo che mi dica il suo parere sulle frequentazioni e sul ruolo avuto da Maurizio Galdi, in Calciopoli, e attendo notizie sullo stesso tema da parte dell’ Ordine dei giornalisti.
Ps: la rubrica va in ferie, ci rivediamo per il Mondiale.

(Di Luciano Moggi per ‘Libero’)

13 commenti

  1. Ok, Forza Inter, ora però piantala.

  2. Purtroppo temo che numero 7 abbai ragione. La nostra squadra è, credo, indiscutibilmente forte, abbiamo vinto la tripletta, ma prima è stata eliminata la juve con indagini a senso unico e per di più falsate da numerosi errori statistici. Cosa sarebbe l’Inter senza la commedia del processo 2006? Come si fa ancora oggi a dire che i giudizi furono obbiettivi quando a Napoli emergono una marea di omissioni ed errori d’indagini a danno della juve? Che fiducia devono avere i cittadini nella giustizia quando vedono che gli accusatori sono interisti (vedi Guido Rossi ex CdA Inter)o si incontrano in pubblico con Moratti in maniera quanto meno inopportuna (non penso ad altro, sia chiaro) Io credo che è ora di fare Giustizia e di tornare a giocare al calcio e non nei Tribunali. O il potere unito alla follia e all’invidia di chi perde può distruggere le squadre solo perchè più forti? Il primo traguardo di uno sportivo non sono i trofei ma la lealtà che è o era un valore dell’Inter. Vincere la tripletta con la juve di ingiustamente distrutta non ci ha resi migliori di quando perdevamo. La stessa juve per anni non ha vinto niente (credo dal 1985 al 1996) ma non ha mai parlato di complotti e ha sempre accettato il verdetto del campo. Quella è lealtà, e noi dove l’abbiamo messa?

  3. Voi non avete digerito mai oltre 100 anni di storia nostra… Sono decenni che anzichè tifare la vostra squadra avete sempre tifato contro la nostra. Come sarà difficile digerire un giorno svegliarvi e capire finalmente che avete una dirigenza di pregiudicati e che tutto ciò che state vincendo non lo avete vinto sul campo…

  4. ancora in giro a dir cavolate questo pirlone…

    Quando vede la minima possibilità di attaccare l’inter non perde tempo..
    che tristezza… ancora non riesce a digerire il “triplete” inter, come tutti i suoi seguaci giuventini…

  5. A ME TANTO GENIALE QUESTO BRANCA NON MI è SEMBRATO VISTO CHE I COLPI DI MERCATO SONO STATI PER LO PIù RICATTI E soprusi (PANDEV, CHIVU QUASI LEDESMA….) ibra e vieira, il resto lo ha fatto mourinho….. compreso QUARESMA…….

  6. [email protected]

    straquoto alla grandissima numero7. se branca è stato un genio moggi allora cos’era? l’operazione zidane-real ricorda qualcosa a qualcuno?? moggi era solito fare questo tipo di operazioni e non l’inter che spendeva senza limiti. e poi ricordate che se non ci fosse stato moggi che ha scoperto ibra branca co sta mxxxxa che lo prendeva a così poco e lo rivendeva a peso d’oro…!

  7. @Bob Devo ammettere che Branca è migliorato tantissimo nelle scelte di mercato. Bisognerebbe andare a studiare il perché… Con Mourinho per lui è stato più facile… Poi il Post-calciopoli lo ha messo in discesa, ha preso Ibra e Viera con due soldi e poi con la cessione ci ha rifatto tutta la squadra. Vedremo cosa farà da qui in poi

  8. Invece anche se Mou se ne va io sono tranquillo.
    Il vero numero 1 dell’Inter oggi è Marco Branca. Geniali le sue campagne acquisti degli ultimi anni. Fosse stato per Mourinho avremmo riempito la squadra di bidoni, grazie alle sue scelte invece sono arrivati un sacco di campioni e senza fare follie economiche. E’ lui che garantisce la continuità vincente di questa Inter.

  9. Ma sti interisti del k**** perke continuano a parlare, ieri sera o rivisto con la gazzetta, campionato io ti amo delle stagioni magike con qualke errore arbitrale, ma nn me ne frega proprio la juventus era piu forte di tutti e di tutto

  10. A Corrado, ma cavati di mezzo và. Prima di parlare, come il 99% degli interisti, leggiti le carte processuali e ciò che sta venendo fuori a Napoli e poi ne riparliamo. Anzi, se le leggi non ne riparliamo proprio perchè non c’è nulla da dire per voi interisti, c’è solo da tacere e ringraziare il vostro POTERE.

  11. Moggi radiato??? che film hai visto????

  12. Radiato da chi? Da cosa? Di cosa stai parlando? Ma ti rendi conto di quello che dici? E’ stato squalificato per 5 anni come il presidente del Genoa Preziosi…

  13. ma sto personaggio radiato da tutto ,furfante ancora parla??
    Moggi sei stato il ma<le del calcio …smettila.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi