Moggi: "Non hanno trovato uno straccio di prova contro di me" | JMania

Moggi: “Non hanno trovato uno straccio di prova contro di me”

Moggi: “Non hanno trovato uno straccio di prova contro di me”

“Di 170 mila telefonate ne sono state prese 40 e nessuna di queste costituisce reato, perché io non ho mai detto a un arbitro: fammi vincere una partita. Cosa che invece fece Facchetti nella semifinale di Coppa Italia con il Cagliari. Io inoltre entravo negli spogliatoi quando si doveva, o dopo o prima della partita …

“Di 170 mila telefonate ne sono state prese 40 e nessuna di queste costituisce reato, perché io non ho mai detto a un arbitro: fammi vincere una partita. Cosa che invece fece Facchetti nella semifinale di Coppa Italia con il Cagliari. Io inoltre entravo negli spogliatoi quando si doveva, o dopo o prima della partita per salutare. Facchetti entrava anche a metà partita e lo testimoniano le intercettazioni. Queste cose le abbiamo scoperte noi. Sarebbe stato opportuno da parte della Federazione calcio trovare prima ciò che c’era da trovare a 360 gradi e poi giudicare. E così, poi, sarebbe stato giudicato tutto il calcio. Le mie intercettazioni non riguardano mai telefonate con arbitri”. Luciano Moggi, ex direttore generale della Juventus, commentando la sentenza d’appello del processo Gea del 25 marzo durante la trasmissione ‘Gli spari sopra’ a RadioTempi è un fiume in piena: “Credo che l’impianto accusatorio sia caduto completamente anche perché l’associazione a delinquere è stata respinta, la prima volta in primo grado, la seconda dall’appello. E anche l’altra accusa di avere il mercato in mano è stata respinta, l’unica cosa che rimane in sospeso è il non aver dato lo stipendio a Blasi che me lo aveva chiesto. Ma avevo rifiutato perchè il giocatore era stato accusato per doping”, ha proseguito Moggi, che poi aggiunge un carico da 11: “Calciopoli è nata dalla Gea, tutto l’impianto accusatorio è nato dalla Gea. Essere accusato di associazione a delinquere e subire una “condanna” – come la chiama la gazzetta, ma ci vogliono i tre gradi di giudizio per essere condannati – di un anno perché si è tutelato l’interesse della propria società non dando lo stipendio a un giocatore che lo voleva, significa che l’intento accusatorio non esiste più e si vuole trovare qualcosa a cui attaccarsi”.
Poi, Moggi lancia una stilettata al quotidiano sportivo ‘La Gazzetta dello Sport’: “Un giornale ha organizzato questa cosa. C’è stato un giornalista che ha fatto parte di quelli che facevano gli investigatori. Quando il collonnello Auricchio è stato interrogato in tribunale ha detto che Maurizio Galli della Gazzetta dello Sport era un loro collaboratore, che, io lo so perfettamente, andava a cercare anche degli eventuali personaggi che potessero dire qualcosa di male nei miei confronti”.
Dove sono dunque le prove della sua colpevolezza: “Non hanno potuto dire niente se non chiacchere. È un racconto di bugie. Il problema si fonda sul niente, il problema principale è che non siamo stati difesi dalla società. Dopo la morte dell’avvocato e del dottor Agnelli, è successo qualcosa che ha sconvolto l’andamento di questa famiglia, c’è stato un voler ritornare alla Juventus a tutti i costi e magari non difendere coloro che avevano portato la Juventus a certi livelli. Escludendo Andrea Agnelli – conclude Moggi – accuso la famiglia. Lapo Elkann non c’entra niente in questa storia, il problema era la divisione delle proprietà dopo la morte dell’avvocato. Il problema è che avevamo fatto così bene che avrebbero avuto difficoltà nei confronti degli sportivi. L’avvocato della Juventus, mandato dalla nuova proprietà, ha detto al presidente del tribunale che eravamo colpevoli. C’era un problema interno”.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=oiI0NnV1Ry4[/youtube]

Leggi l’intervista integrale

9 commenti

  1. terzinodestro

    la società Juventus è quotata in borsa sapete il danno economico avuto dai piccoli azionisti e questi staranno con le mani in mano non chiederanno i danni e sapete quanta gente inizierà pensate che calciopoli sia finita questa è la storia senza fine anche se con quello che sta venendo fuori da Napoli già si sarebbe dovuto cominciare magari da parte della società

  2. Juventinonelsangue

    Capitan Haddock,sottoscrivo tutte le tue parole,e a conferma di questa teoria,si può rilevare la presenza dei cani interisti in ogni nostro forum,a conferma del fatto che la stampa italiota nuota nel giustizialismo più bieco e volgare.Che succede,interisti…..su Onestochannel e sulla gazzetta dello sport non vi informano a dovere?Posso capirvi,anni e anni di presunta e millantata onestà distrutti in pochi mesi.E’ solo una questione di tempo,vi tocca solo aspettare,non siate impazienti!4 anni di menzogne…..VERGOGNA!!!!!!!!!!!!!!

  3. Luciano…spero si metta fine al più presto a questa brutta, vergognosa e assurda vicenda…sappiamo tutti che 6 il n°1…ci batteremo ancora per te…per riaverti con noi…
    c’è stato, e questo è sotto gli occhi di tutti, uno straordinario e meschino complotto (gazzetta, inter, telecom, elkann)volto a stravolgere la Juventus F.c….Mi auguro che, nel più breve tempo possibile, tutta l’italia capisca quello che veramente è accaduto…
    M.Luciano…TORNA PRESTO!!!

  4. Andrea Agnelli, VOGLIAMO LUCIANO DIRETTORE GENERALE!!!!!!!!!!!!!!!
    CHIARO??? DAI UN SEGNALE FORTE AL CALCIO ITALIANO, FAI VEDERE CHE LA JUVE NON HA PAURA DEI GIUDIZI DI NESsuno!!!!!!!!!

  5. Inter, Gazzetta e Figc siete la Vergogna sportiva e morale per i secoli dei secoli. Avete letteralmente inventato Farsopoli. Dal 2006 in poi solo cartone. Amen

  6. capitan haddock

    gli interisti hanno paura…. si vede dai commenti qui sopra
    l’hanno capito anche loro che il giorno del redde rationem si avvicina, e per loro sarà un brutto risveglio

  7. Diciamo che non ha tutti i torti: infatti io avrei personalmente portato nella serie C cipriota tutte le squadre che fanno parte del campionato italiano. In Inghilterra è vietato persino chiamare un tesserato della federazione arbitri. Ma la domanda è: la Juventus spa che fa nel caso in cui venissero tutti assolti perché il fatto non sussiste? Starà ferma con le mani in mano oppure chiederà i danni alla FIGC? Per quanto i gradi di giudizio siano distinti, i danni economici dipendono pur sempre dalla sentenza sportiva di luglio 2006.

  8. Juventinonelsangue

    noi ridicoli,tu interista.Goditela finchè puoi,perchè prima o poi dovrai restituire il bottino.4 anni di menzogne….

  9. chiaro e conciso.

    c’e’ ancora qualcuno che non l’ha capito, a parte i “geni” m…azzurri???

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi