Moggi: "Le schede svizzere? Le usavo perché mi spiavano" | JMania

Moggi: “Le schede svizzere? Le usavo perché mi spiavano”

“Non ho mai dato schede telefoniche svizzere a nessun arbitro”. Luciano Moggi si è presentato determinato alla trasmissione di Canale 5, ‘Matrix’, dedicata allo scandalo di Calciopoli. L’ex direttore generale della Juventus, ha ammesso, però, nel corso della stessa trasmissione, di avre fornito due schede svizzere a Bergamo e Pairetto: “Me la hanno chieste loro, io ne avevo …

“Non ho mai dato schede telefoniche svizzere a nessun arbitro”. Luciano Moggi si è presentato determinato alla trasmissione di Canale 5, ‘Matrix’, dedicata allo scandalo di Calciopoli. L’ex direttore generale della Juventus, ha ammesso, però, nel corso della stessa trasmissione, di avre fornito due schede svizzere a Bergamo e Pairetto: “Me la hanno chieste loro, io ne avevo due in più e le ho date. Non può essere un problema mio, al massimo è loro”.
In ogni caso, l’uso delle schede svizzere era una precisa strategia difensiva poiché qualcuno faceva dello spionaggio industriale: “Le schede svizzere le ho prese per proteggermi dallo spionaggio sul calciomercato – ha continuato Moggi – E poi è emerso che nel negozio dove le ho acquistate si sono serviti altri uomini del calcio tra cui anche Marco Branca dell’Interchi mi dice che queste schede non hanno fatto un giro particolare?“.
“Gli arbitri? Non le avevano, ma se si credeva il contrario perchè non si è fatto un blitz notturno a Coverciano per sequestrarle? Non lo hanno fatto perchè sapevano che non le avrebbero trovate – l’argomentazione dell’ex “comandante” bianconero -. E poi non è vero nemmeno che non si potevano intercettare, per farlo infatti non sarebbe servita alcuna rogatoria internazionale”. 
Per smontare l’accusa, Moggi ha poi portato a Matrix le prove che dimostrando in termini di punti guadagnati, che la Juventus non è mai stata avvantaggiata da ipotetici arbitri possessori di schede svizzere: “Con loro avevamo una media di 1,80 mentre con Collina e gli altri si arriva a 2,60”.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi