Moggi: "Lassù qualcuno ama ancora l'Inter" | JMania

Moggi: “Lassù qualcuno ama ancora l’Inter”

Moggi: “Lassù qualcuno ama ancora l’Inter”

“Si profila all’orizzonte un Milan-Juve di grande presa, altro che Davide contro Golia, che starebbe per i rossoneri contro il gigante bianconero, dall’alto dei 17 punti in più. Detto tra l’altro che non sempre è finita come nel racconto biblico, l’antefatto è dato dalle due vittorie conquistate da Juve e Milan in Champions. Ha fatto …

“Si profila all’orizzonte un Milan-Juve di grande presa, altro che Davide contro Golia, che starebbe per i rossoneri contro il gigante bianconero, dall’alto dei 17 punti in più. Detto tra l’altro che non sempre è finita come nel racconto biblico, l’antefatto è dato dalle due vittorie conquistate da Juve e Milan in Champions.
Ha fatto en plein Allegri in termini di qualificazione nel girone, è vicinissimo allo stesso traguardo Conte. Non staremo a sottilizzare ma il Chelsea era campione uscente, onusto di gloria assai più dell’Anderlecht, sebbene con alcune defaillance recenti. La vittoria straripante ha restituito alla Juve l’atmosfera e l’autorevolezza di un passato non dimenticato. Curioso il destino di Di Matteo: ottenne la panchina eliminando l’anno scorso il Napoli, l’incrocio con la Juve gliela ha fatta perdere e concordiamo con chi ha trovato l’esonero brutale, già preparato”.
Luciano Moggi esordisce così nel suo consueto appuntamento sul quotidiano Libero. Dopo aver fatto il punto sulle ultime partite di calcio giocato, l’ex direttore generale della Juventus dà qualche consiglio alla sua ex società:

La Juve è tornata a quella rabbia agonistica e volontà di imporre la sua forza che aveva lo scorso anno. Tutta concretezza, e fame ancora insaziata; e la grinta di Conte, la sua ferma convinzione sul lavoro che paga. Si è avuta conferma del peso di Vucinic, al di là anche del contributo personale non sempre ottimale, la parte di grande costruttore svolta con l’efficacia di sempre da Pirlo, la capacità per tutti di andare a rete e quella un po’speciale di Quagliarella. Una rivincita se l’è presa anche Giovinco, bersagliato da critiche un po’ ingenerose; il suo contributo l’ha dato sempre, il gol è sembrato una risposta ai detrattori. Tutto questo non per significare che la Juve è una macchina perfetta. Rispetto al grande dispendio di fatica che mette in campo, il risultato non è ancora paritario, ma per modificare lo scenario occorrono scelte mirate; ci sembra abusata l’etichetta di top player, andiamo sul concreto indicando un attaccante che senza sforzi apparenti sappia aprire le difese avversarie, meglio se da doppia cifra. Se ciò non sarà possibile, la Juve andrà avanti lo stesso, con qualche inevitabile sforzo in più sul piano collettivo.

Nella parte finale dell’editoriale, poi, Moggi non lesina una stoccata al ‘nemico’ Moratti:

Relego nella parte finale l’ultima volée di Moratti, secondo il quale «gli errori degli arbitri ci sono sempre», detto a Videolina nel tentativo di ricucire i rapporti con i tifosi del Cagliari. Ci pare un bell’esempio di incoerenza rispetto alla guerra e alle insinuazioni di qualche giorno prima. La frase dice, però, una verità che non può essere trascurata; è la verità che Moratti si è sempre rifiutato di dire nel 2006, quando sosteneva di essere solo vittima di brogli e maneggi. Se gli errori ci sono sempre non fanno parte di alcun disegno, sono solo frutto di incapacità, come ha scoperto proprio in questa settimana. Il patron dell’Inter dovrebbe dirlo a più chiare lettere, visto anche che si è venuto a scoprire che i maneggi, intesi come spiate e dossieraggi illegali li ordinava lui, e non altri, che la sua Inter parlava con gli arbitri, per sorvolare sul passaporto di Recoba, sulla relazione di Palazzi e sulla mancata rinuncia alla prescrizione. Chi dice che non se ne può più della lite Moratti-Agnelli, non conosce la realtà dei fatti. E vuole evidentemente riconoscere l’attribuzione all’Inter di uno scudetto non suo, solo perché la Figc si è dichiarata incompetente a decidere. Il fatto è che lassù qualcuno continua ad amare l’Inter e il suo patron. Il “vaffa” di Moratti all’arbitro di Inter-Cagliari è stato puntualmente ignorato, Petrucci e Abete all’unisono hanno detto che comprendevano Moratti. Così è, se vi pare. A noi, com’è chiaro, non pare affatto.

 

6 commenti

  1. moratti ci mette 6 anni in più a capire le cose

  2. Caro Direttore,
    A pensare male …ci si prende..sempre!
    Credo che l’INTER…sia ancora tutelata dai DOSSIER ILLEGALI TELEKOM…
    Anche la FIGC È STATA …DOSSIERATA E SPIATA. …
    ERGO…IO PENSO ASSAI MALE…del comportamento…di ABETE che …contro ogni ETICA,GIUSTIZIA,ONESTÀ ,DEONTOLOGIA….sta tentando con unghie e denti…e DOUMENTI SECRETATI…O INVISIBILI…O NON VEDIBILI..È FIGURE DESOLANTI…sta cercando di allonanare la RESA DEI CONTI!!
    MORATTI deve pagare il male che ha fatto ….cin tutte le illegalità che ha commesso…soprattutto GUIDO ROSSI in FIGC e in CONSOB…DEVE PAGARE…
    ABETE DOVREBBE RIAPRIRE D’UFFICIO IL PRCESSO SPORTIVO…tanto AGNELLI AVRÀ GIUSTIZIA!…avrà GIUSTIZIA…perché i TIFOSI JUVENTINI NON MOLLERANNO MAI…

  3. moratti farebbe bene a cominciare a pensare a quell’accozzaglia di giocatori a fine carriera che si ritrova, senza sperare di inventarsi FARSOPOLI al ritmo di una ogni 5 anni. Un presidente che ha a cuore la propria squadra non se ne esce con quelle “sparate” da ultras assatanato dando cosi’ un’alibi ai suoi scarsi giocatori, ma prende per le orecchie STRAFALCIONI e gli chiede perche’ la sua squadra gioca un calcio INDECENTE.

  4. “Chi dice che non se ne può più della lite Moratti – Agnelli, non conosce la realtà dei fatti e vuole riconoscere l’attribuzione all’Inter di uno scudetto non suo”.
    Con queste parole, Luciano MOGGI dimostra la sua Juventinità e le sue capacità nel saper dire la verità, senza usare i mezzi termini.
    L’onesto(?) Moratti, avrebbe molto da imparare dal NOSTRO Direttore.

  5. … caro max si è visto perchè la juve è stata mandata in b; Se continui a non riconoscere la verità significa o che sei in malafaede oppure sei un incapace…. Come sempre conta il campo e ti ricordo che all’epoca il NOSTRO DIRETTORE comprava Buffon, Thuram, Nedved, Emerson, Cannavaro, Ibrahimovic, Zidane etc etc il vostro magico presidente comprava Vampeta Gresko, Ventola, Adriano avendo pure la pretesa di vincire il campionato… senza parole

  6. Sempre forte il nostro Direttore !!!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi