Moggi: "La Juve somiglia sempre più a Conte" | Juvemania

Moggi: “La Juve somiglia sempre più a Conte”

Moggi: “La Juve somiglia sempre più a Conte”

Luciano Moggi, ex direttore generale della Juventus, è tornato sull’ultima giornata di campionato, soffermandosi particolarmente su Lazio-Juventus, nel corso della trasmissione condotta da Pippo Franco “Ieri, Moggi e domani”. Secondo Moggi, i bianconeri che mantengono la testa della classifica somigliano sempre più al carattere del proprio allenatore: “Sabato sera all’Olimpico si è vista davvero una …

Luciano Moggi, ex direttore generale della Juventus, è tornato sull’ultima giornata di campionato, soffermandosi particolarmente su Lazio-Juventus, nel corso della trasmissione condotta da Pippo Franco “Ieri, Moggi e domani”. Secondo Moggi, i bianconeri che mantengono la testa della classifica somigliano sempre più al carattere del proprio allenatore:

“Sabato sera all’Olimpico si è vista davvero una bella partita. La Juve ha dimostrato di esser più squadra, soprattutto a centrocampo. I bianconeri quest’anno con umiltà e sacrificio stanno davvero disputando una grande stagione. Lo spirito della Juve è innegabilmente quello che aveva Conte da giocatore. E’ una squadra a sua completa immagine e somiglianza. Il rigore per la Lazio? Si poteva anche dare ma certi falli di mano sono sempre difficili da vedere per un arbitro. L’autostima juventina è talmente alta in questo momento che tanti giocatori stanno rendendo ben oltre il loro reale valore. Se i bianconeri vincono anche a Napoli diventano i candidati numero 1 per esser i rivali del Milan nella lotta scudetto”.

Tornando sul tavolo della pace di Calciopoli, per il quale è stata annunciata la data (14 dicembre), Moggi non è per nulla ottimista.

“E’ stata fissato l’incontro tra le parti per discutere di Calciopoli? Sarà sicuramente un tavolo politico altro che della pace. Prima ancora che stabilire chi saranno i partecipanti di questa riunione andrebbero messe sul tavolo tutte le intercettazioni telefoniche uscite fuori in questi anni… Agnelli sicuramente richiederà lo scudetto del 2005/2006 a tutti i costi ed ha assolutamente motivo per farlo, perché quello scudetto fu assegnato ingiustamente a tavolino nel 2006 per principi meritevoli che alla luce delle telefonate scoperte dalla mia difesa al processo di Napoli sono venuti assolutamente meno. E le telefonate trovate “piaccia o non piaccia” sono state davvero tante alcune delle quali con contenuto ben superiore a quelle per cui sono stato colpevolizzato io”.

2 commenti

  1. dexter marotta può parlare come pure galliani moggi è moggi è sta dicendo la verità

  2. Ancora parli? Sei proprio infettato da Marotta!!!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi