Moggi “Juve da lassù qualcuno ti guida” | JMania

Moggi “Juve da lassù qualcuno ti guida”

Moggi “Juve da lassù qualcuno ti guida”

“Dopo il pareggio casalingo del Milan contro il Bologna la Juventus non poteva proprio farsi sfuggire l’occasione di battere la Roma per mettere un’ipoteca forse decisiva sullo scudetto. La squadra di Conte ha stradominato la partita e ha dimostrato ancora una volta di esser la formazione agonisticamente migliore del campionato. I tifosi meritano di tornare …

“Dopo il pareggio casalingo del Milan contro il Bologna la Juventus non poteva proprio farsi sfuggire l’occasione di battere la Roma per mettere un’ipoteca forse decisiva sullo scudetto. La squadra di Conte ha stradominato la partita e ha dimostrato ancora una volta di esser la formazione agonisticamente migliore del campionato. I tifosi meritano di tornare a gioire dopo quanto passato in questi anni a partire da quella terribile estate del 2006. Dall’alto qualcuno la sta guidando alla vittoria. Mi piace immaginare l’avvocato Gianni e il dottore Umberto Agnelli felici per quanto sta facendo la Juve in questa stagione, dopo gli anni terribili conseguenza di Calciopoli. E chi di quel “ribaltone” ne parlava all’epoca, ovvero Franco Baldini, ha ricevuto sul campo la lezione che meritava. Il progetto della nuova Roma non esiste, non è mai esistito. La squadra è un cumulo di confusione organizzata. Un parco giochi, una Disneyland per far divertire gli avversari.” Luciano Moggi si esprime così nel corso della trasmissione “Ieri, Moggi e domani”: l’ex direttore generale della Juventus  ha commentato l’ultima giornata di campionato non lesinando qualche stoccata al nemico di sempre Franco Baldini.

Il Milan, poi, secondo Moggi pare non averne più:

Il Milan è ormai sulle gambe. Nervoso e stanco. Una squadra senza più cattiveria agonistica dove persino Ibrahimovic ha sbagliato dei goal facilissimi, anche se poi come sempre è stato il più decisivo dei milanisti. La squadra rossonera ha buttato via il campionato e lo sa bene visto che dalla rabbia si è andata addirittura ad attaccare alla scusa che la Juve giocherà non in Sardegna ma a Trieste la sfida contro il Cagliari, cosa che invece stanno facendo ormai tutte da tempo.

Su quanto accaduto a Genova durante Genoa-Siena, poi, Moggi non ha dubbi:

La squadra che forse rischia di più di esser scavalcata dal Lecce è il Genoa di Preziosi, sempre più in confusione. La sconfitta contro il Siena è stata devastante anche per il modo in cui è arrivata. Io però in tanti anni di carriera non avevo mai visto una vergogna del genere con giocatori obbligati dai propri ultras a togliersi la maglia. È stata una cosa sconcia, indecorosa, un’immagine pessima che il nostro calcio porterà all’estero. Tantissimi colpevoli. Una pagina bruttissima per il calcio italiano

4 commenti

  1. Quoto in toto Arpharazon.. Certo che adesso in molti tenteranno di salire sul carro del (speriamo) vincitore.. Chi parlava di squadra limitata tecnicamente, forse si dovrebbe ricredere.. Fare il 70% di possesso palla per una stagione, vuol dire che di passaggi ne sbagli pochi.. e se ne sbagli pochi vuol dire che la palla la sai stoppare, passare e dare al compagno giusto..

  2. …di certo non sono prisco e fucketti…

  3. Agonisticamente migliore…e il tecnicamente,tatticamente,spirito di squadra,spettacolarità del gioco se lo è dimenticato???Siamo tutti bravi ora a parlare,ad Agosto diceva che la Juve sarebbe arrivata massimo al sesto settimo posto ed ancora ha pure il coraggio di sostenere che il Milan ha buttato un campionato…ma fammi il piacere!!!

  4. Darrell Abbott

    Grande direttore….lei sarà sempre uno di noi…..

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi