Moggi: "Inter - Juve condizionata dall'arbitro. Ranieri irriconoscibile. Senza un'altra Calciopoli l'Inter è finita" | JMania

Moggi: “Inter – Juve condizionata dall’arbitro. Ranieri irriconoscibile. Senza un’altra Calciopoli l’Inter è finita”

Moggi: “Inter – Juve condizionata dall’arbitro. Ranieri irriconoscibile. Senza un’altra Calciopoli l’Inter è finita”

“L’anticipo del sabato tra Inter e Juventus è stato fortemente condizionato dalle lamentele interiste durante tutta la settimana che hanno cercato di metter sotto tensione la classa arbitrale generando confusione e raccontando cose che non esistono proprio come quelle che hanno portato al finto scandalo di Calciopoli”. Non le manda di certo a dire Luciano …

“L’anticipo del sabato tra Inter e Juventus è stato fortemente condizionato dalle lamentele interiste durante tutta la settimana che hanno cercato di metter sotto tensione la classa arbitrale generando confusione e raccontando cose che non esistono proprio come quelle che hanno portato al finto scandalo di Calciopoli”. Non le manda di certo a dire Luciano Moggi, nel corso della trasmissione condotta da Pippo Franco “Ieri, Moggi e domani” co-produzione  di Gold Tv, Telecolor, Rete 7, Telespaziotv e Italia mia in onda tutte le domeniche. L’ex direttore generale della Juventus, ha poi evidenziato le similitudini di quanto accaduto sabato sera, con quanto accadeva quando egli stesso era ancora in sella alla Vecchia Signora: “Rizzoli ha negato un rigore clamoroso alla Juventus graziando Castellazzi proprio come quando Rodomonti salvò Toldo subendo i pianti e le pressioni interiste, come evidenziato dalle nuove intercettazioni scovate dai miei assistenti. L’unica verità è che l’Inter non sa proprio perdere. La Juventus è stata brava a non replicare a livello mediatico, evitando di alzare ancora i toni di una rivalità sempre più a rischio di disordini allo stadio. Una squadra bianconera che brillantemente guidata da Conte ha affrontato la gara a 100 km all’ora, meritando la vittoria che senza i gravi errori di Rizzoli sarebbe stata sicuramente più netta. La Juve però in futuro dovrà esser più cinica sotto porta ma se gioca sempre con questo agonismo può sognare addirittura di arrivare dietro il Milan. Ranieri soddisfatto della prestazione della sua squadra? Contento lui. La verità è che il mister romano da quando è andato all’Inter è irriconoscibile sia in campo che fuori dimostrando una grandissima mancanza di coerenza, visto che sia quando allenava la Juve prima che la Roma poi non perdeva occasione per attaccare l’Inter e la sua mancanza di stile. Moratti arrabbiato e contestato? Ci si abitui, senza un’altra Calciopoli la sua squadra è ormai a fine ciclo. ”

6 commenti

  1. Oltre al rigore negato, Rizzoli ha distribuito ben 5 cartellini gialli con grande “facilita’”….e ora ci ritroviamo con tutto il centrocampo titolare diffidato piu’ pepe, chiellini e bonucci mi sembra….se i 5 ammoniti fossero stati quelli dell’inter, ora i media parlerebbero di “ammonizioni mirate”….forza juve

  2. @el.kun Quotone!! ..ed anche prima del 2006..altrochè!!

  3. Meno male un paio di palle…..il rigore andava fischiato, Castellazzi espulso, e tutti affanculo…..dele loro beceri polemiche ce ne fottiamo un cxxxx…..dopo quanto accaduto nel 2006 non hanno più i diritto di lamentarsi nemmeno se in campo li prendono a badilate.stop……

  4. Meno male che non lo ha dato il rigore. Se l’arbitro lo avesse concesso, con esplulsione di Castellazzi, ci saremmo dovuti subire una settimana di polemiche da parte dei media e dei prescritti che avrebbero cercato in tutti i modi di dimostrare che il fallo non andava fischiato….!!!

  5. La squadra deve puntare almeno al terzo posto e per farlo deve raccogliere più punti possibili contro le squadre di media classifica, sfruttando anche il vantaggio dell’assenza di coppe europee. Se e quando le italiane usciranno dal torneo, queste potranno recuperare terreno. I punti decisivi vanno già fatti nel girone d’andata.

  6. Totalmente d’accordo con il Direttore….VERGOGNATEVI!!!!!!!!!!!!!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi